Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Crypto Winter: il gigante del mining di criptovalute ritira l’80% delle partecipazioni in Bitcoin |  newsletter

Crypto Winter: il gigante del mining di criptovalute ritira l’80% delle partecipazioni in Bitcoin | newsletter

L’inverno crittografico incombe
Molti minatori si mettono nei guai
Core Scientific vende una parte delle sue partecipazioni in Bitcoin

Dopo aver raggiunto livelli record nel novembre 2021, i prezzi di molte criptovalute sono crollati nell’anno in corso. Bitcoin, la criptovaluta più popolare al mondo, è scesa sotto i 20.000$ per la prima volta dal 2020 a giugno, perdendo più di due terzi del suo valore. Molti partecipanti al mercato stanno già parlando di un imminente inverno delle criptovalute, in cui i prezzi continueranno a scendere e non si riprenderanno completamente da questo negli anni a venire. L’ultima volta che è iniziato come questo inverno è stato nel 2017/18. A quel tempo, ad esempio, bitcoin è crollato dell’80% e ci sono voluti anni per raggiungere di nuovo i vecchi massimi perché molti investitori hanno perso interesse per gli asset digitali.

Pubblicità

Fai trading di Bitcoin e altre criptovalute con la leva (Long e Short)

Recentemente, Bitcoin e altre criptovalute sono state significativamente corrette. Fai trading di criptovalute come Bitcoin o Ethereum con leva presso il fornitore di CFD n. 1 in Germania e partecipa a rialzi e ribassi dei prezzi.

Plus500: Si prega di notare Suggerimenti5 per questo annuncio.

L’industria mineraria soffre

Anche l’industria mineraria soffre di questo sviluppo, perché i costi operativi per molte di queste società ora superano le vendite minerarie. Devi sapere che i nuovi bitcoin vengono “affilati” risolvendo compiti crittografici, che a loro volta vengono utilizzati per creare blocchi di dati nella blockchain. Nel frattempo, queste attività di elaborazione sono diventate così complesse da richiedere server farm enormi e costosi. Tuttavia, a causa del calo dei prezzi nel mercato delle criptovalute, alcuni miner stanno ora lottando per ripagare i debiti contratti quando hanno acquistato i loro computer.

READ  La donna dietro l'incidente FTX rischia 110 anni di carcere

Core Scientific vende bitcoin

Uno dei miner che ha avuto problemi sembra essere Core Scientific, che è tra i più grandi del settore con 180.000 server. In effetti, molti miner spesso detengono le loro monete, sia per attirare investitori che vogliono investire indirettamente in Bitcoin, sia perché sperano di aumentare il prezzo di Bitcoin nel lungo periodo e quindi rafforzare il loro bilancio.

Nonostante ciò, Core Scientific ha recentemente riferito di aver venduto un totale di 7.202 bitcoin a circa $ 23.000 a giugno, raccogliendo circa $ 167 milioni. A fine mese il miner possedeva solo 1.959 bitcoin. Secondo le informazioni dell’azienda, il flusso di cassa è principalmente finalizzato al rimborso dei debiti e all’espansione delle capacità di archiviazione dei dati. Inoltre, Core Scientific ha annunciato che continuerà a vendere Bitcoin auto-mineranti per coprire le spese operative, finanziare un’ulteriore crescita, ripagare il debito e mantenere la liquidità necessaria.

“Il nostro settore è sottoposto a un’enorme pressione a causa della debolezza dei mercati dei capitali, degli alti tassi di interesse e dell’inflazione storicamente elevata”, ha affermato il CEO Mike Levitt. In effetti, Core Scientific non è l’unico grande miner a rinunciare in parte alle sue partecipazioni in bitcoin. Come riporta “Bloomberg”, Bitfarms Ltd e Riot Blockchain Inc. Vendendo anche alcune delle loro monete caricate.

redazione finanzen.net

Fonti delle immagini: Tomas Daliman/Shutterstock.com, ImageFlow/Shutterstock.com