Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Campo profughi italiani in Albania: niente prigioni formali

Campo profughi italiani in Albania: niente prigioni formali


Lo specchio del mondo

A partire dal: 5 maggio 2024 14:00

Tra poche settimane aprirà il primo centro di accoglienza per rifugiati stranieri dell’UE: un campo profughi italiano sul suolo albanese. Gli attivisti per i diritti umani sono preoccupati.

Rüdiger Kronthaler, ARD Roma, e Anna Tillack, ARD Vienna

Il 6 novembre, tra molti applausi e un’atmosfera accesa, il primo ministro italiano Giorgia Meloni e il suo omologo albanese, Edi Rama, hanno firmato un accordo: i rifugiati accolti dalla guardia costiera italiana in acque internazionali e con meno probabilità di ottenere asilo. Diventa l’Albania del futuro. Lì l’Italia sta costruendo un centro di accoglienza per circa 3.000 persone che attraversano la procedura di asilo italiana dall’Albania e vengono deportate subito dopo essere state respinte. Maloney aveva promesso durante la campagna elettorale di ridurre il numero degli arrivi e di accelerare il ritorno dei richiedenti asilo respinti. Deve ancora riuscirci. L’accordo con l’Albania è destinato a cambiare la situazione, ma molte domande rimangono senza risposta.

Molte domande senza risposta

Ad esempio, quanto costerà all’Italia: i media italiani parlano di 650 milioni di euro nei prossimi cinque anni, l’opposizione parla di un miliardo di euro. Nessun numero ufficiale. Difficile da comprendere anche la procedura prevista: la Guardia costiera deve continuare a portare in Italia chi ha buone possibilità di restare o chi è malato. Ma come dovrebbe la Guardia Costiera determinare lo stato di salute o l’identità in alto mare? Di norma, i rifugiati non hanno documenti con sé e anche le persone sane sono esauste dopo giorni trascorsi in piccole imbarcazioni in mare.

READ  Ulteriore fornitura di gas - L'Italia rafforza la cooperazione con il Qatar

È anche discutibile se tutti gli standard relativi ai diritti umani siano rispettati nella struttura sul suolo albanese. L’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) ha criticato il fatto che l’accordo Meloni-Rama non affronta gli standard etici costituzionali. Esistono già grandi preoccupazioni riguardo alle strutture di deportazione italiane. Si chiama CPR, abbreviazione di “Centri di Permanenza per il Rimpatrio” in tedesco: Centri di Accoglienza per il Rimpatrio, Scatola Nera.

Cosa succede dietro i cancelli di questo centro di espulsione a Milano? Teresa Florio continua a ricevere video spaventosi dai residenti.

Non esistono standard legali per le operazioni di RCP

Teresa Florio fa volontariato per i rifugiati in un campo di deportazione a Milano. Ci mostra video presumibilmente provenienti dal centro di deportazione lì. Puoi vedere violenza eccessiva, residenti sedati con farmaci psicoattivi e tentativi di suicidio. Chiunque venga sorpreso in Italia senza adeguata documentazione può essere sottoposto a tale RCP fino a 18 mesi. L’autolesionismo è normale. Perché sono l’unico modo per sfuggire alle condizioni, spiega Florio.

Secondo l’attivista, il problema è questo, non le carceri: nelle carceri vigono meno standard legali e medici. I CPR, d’altro canto, sono gestiti per conto dello Stato come enti privati ​​con standard significativamente più bassi e una regolamentazione solo sporadica. La comunicazione tra i candidati all’espulsione e l’avvocato è solitamente possibile solo tramite collegamento telefonico o video ed è limitata nel tempo. Le visite dall’esterno sono quasi impossibili: Florio sostiene che i diritti fondamentali vengono ripetutamente violati nei centri di espulsione. Teme che le condizioni delle strutture in Albania saranno ancora più drammatiche perché ci sarà ancora meno controllo da parte della società civile.

READ  La Turchia festeggia ancora il festival dei gol: l'Italia avanza al primo posto in Germania

Persino i giornalisti non riescono a capire quali condizioni esistano oggi nei campi di deportazione in Italia. Richieste da ARD Senza risposta, le interviste furono cancellate e i permessi di sparare furono categoricamente rifiutati. Le responsabilità rimangono poco chiare, compreso un campo previsto in Albania. Nella stessa Albania non si conoscono i dettagli dei piani, né come il Paese trarrà vantaggio dall’accordo.

L’Albania pensa all’aiuto dell’Italia nel 1991

Il primo ministro albanese di lunga data, Edi Rama, parla correntemente l’italiano. In un incontro privato, lui e Meloni avrebbero concordato un accordo in buoni rapporti, basato sulla vecchia amicizia tra i due paesi. Il paese è anche alla ricerca di sostegno quando aderirà all’Unione Europea. Non ci sono soldi da guadagnare in campo italiano, insiste Ramer. Se gli accordi non verranno rispettati, l’Italia dovrà sostenere le spese correnti e versare 37 milioni di euro su una sorta di conto bloccato. In caso contrario, i funzionari italiani che lavorano nella proprietà sono soggetti alla giurisdizione italiana.

Molti albanesi sembrano condividere l’opinione di Rama e vedere con favore l’accordo. La stretta cooperazione con l’Italia ricorda l’evacuazione di migliaia di rifugiati in Italia nel 1991. Le foto della nave mercantile “Vlora” stracolma hanno fatto il giro del mondo.

Ma più ci si avvicina al luogo del campo previsto, più spesso si incontrano critiche. L’ex base militare, a circa mezz’ora nell’entroterra della città costiera di Shenzhen, è ora a disposizione degli italiani. I veicoli da cantiere stanno lavorando, protetti da un’alta recinzione. Elton Laska, un avvocato albanese, cerca di vedere la zona attraverso la recinzione. Ha cercato di impedire che il campo italiano entrasse nel campo italiano, senza successo.

READ  Alto rischio in Italia e Gran Bretagna

Vede il centro per l’immigrazione come una grande prigione dove teme disordini di massa e tentativi di esplosione. Tuttavia, come annunciato, difficilmente il magazzino aprirà il 20 maggio. I lavori di costruzione non sono progrediti a sufficienza.

Questi e altri resoconti sul “Weltspiegel” potete vederli oggi alle 18:30.