Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Le aziende non hanno assunto abbastanza dipendenti

Le aziende non hanno assunto abbastanza dipendenti

Norimberga Dopo la crisi del Corona, molte aziende stanno affrontando una crisi dei dipendenti. Secondo i ricercatori del mercato del lavoro, ciò non è dovuto a un esodo massiccio di lavoratori in settori particolarmente colpiti dalla pandemia. Invece, in quasi tutti i settori sono cessati meno posti di lavoro soggetti a contributi previdenziali rispetto a prima del Corona, ha spiegato Enzo Weber dell’Istituto per il mercato del lavoro e la ricerca occupazionale (IAB) di Norimberga. La carenza di personale è dovuta al fatto che alcune aziende hanno assunto meno lavoratori durante la crisi.

“Questo è un risultato in tutti i settori”, afferma Weber. Secondo una valutazione fatta con il collega IAB Christoph Ruetger, il numero di posti di lavoro soggetti a contributi previdenziali terminati durante la crisi (da maggio 2020 ad aprile 2021) è diminuito di circa il dieci per cento rispetto al livello pre-crisi. Sebbene il numero sia nuovamente aumentato nella primavera e nell’estate del 2021, è rimasto al di sotto del livello prima della crisi del Corona fino a novembre 2021. Secondo le informazioni, gli ultimi dati non sono disponibili.

Nel settore aereo, dove i voli in tutta Europa sono stati cancellati o posticipati proprio a causa della carenza di personale, secondo i calcoli degli esperti IAB, tra marzo 2020 e dicembre 2021 sono stati tagliati circa il 28 per cento dei posti di lavoro soggetti a contributi previdenziali rispetto al precedente periodo di crisi da marzo 2018 a dicembre 2019. Nel caso di altri servizi, era di circa l’11% in meno per il volo e di circa il 60% in meno per la movimentazione delle merci.

READ  Se il partner è già andato in pensione al momento del matrimonio

Gli esperti hanno spiegato: Durante la crisi, molti datori di lavoro hanno beneficiato del lavoro a orario ridotto e quindi sono stati in grado di evitare i licenziamenti. Weber ha detto che molti hanno anche cercato di mantenersi a causa della carenza di personale. I dipendenti si sarebbero inoltre astenuti dal licenziamento a causa delle scarse prospettive nel mercato del lavoro.

I migliori lavori di oggi

Trova i migliori lavori ora e
Sei avvisato via e-mail.

L’Agenzia federale per il lavoro lo conferma anche per il settore della ristorazione, dove è tipica un’elevata volatilità. Un portavoce dell’azienda ha affermato che durante la pandemia i rischi di un riorientamento professionale sono stati troppo grandi per molti dipendenti. Tuttavia, allo stesso tempo, c’erano molti meno nuovi arrivati ​​da altri campi professionali o nuovi arrivati, ad esempio dopo aver completato la formazione professionale o l’immigrazione.

Tuttavia, secondo l’agenzia federale, le persone che hanno perso il lavoro durante la crisi hanno cercato lavoro in altri settori. Secondo un nuovo studio del German Economics Institute, alberghi e ristoranti in particolare hanno perso molti dipendenti che sono passati al commercio al dettaglio, ai trasporti e alla logistica.

Trasporto aereo: non ci sono quasi disoccupati disponibili

Secondo i dati dell’Agenzia federale per l’occupazione, nel primo anno di Corona si è verificata una perdita netta di posti di lavoro di circa 47.000 persone nel settore della ristorazione. Nel settore dell’aviazione, che comprende compagnie aeree, operazioni aeroportuali e altri servizi di traffico aereo, l’agenzia federale ha registrato 104.000 dipendenti soggetti a contributi di previdenza sociale alla fine del 2021, il 13% in meno rispetto a due anni prima. Anche la domanda di professionisti dell’aviazione è crollata.

READ  Non tutti sono autorizzati a dichiarare la neutralità climatica

Ma questa domanda è ora di nuovo in aumento, secondo l’agenzia federale. Un portavoce dell’Agenzia federale ha spiegato che il numero di disoccupati nelle professioni aeronautiche nel giugno 2022 era uguale o addirittura inferiore al numero di offerte di lavoro. Ciò significa che le possibilità a disposizione dei disoccupati sono molto scarse perché non tutti i lavori vengono segnalati alle agenzie di collocamento.

Tutti i settori colpiti dalla corona stanno ora riscontrando lo stesso problema. Vogliono tutti soddisfare le loro richieste represse allo stesso tempo e in breve tempo”, ha affermato Weber. Ma il mercato del lavoro non può permetterselo così rapidamente. Quindi si presume che la situazione migliorerà gradualmente e che la normalizzazione migliorerà non si materializzerà fino al prossimo anno, a condizione che non ci sia più un’ondata di corona violenta in autunno.

Di più: Caos volante: perché volare non è complicato