Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Gli esperti vedono una chiara stabilità: il regime di Putin potrebbe “andare fuori dai binari” in qualsiasi momento

Gli esperti vedono una chiara stabilità: il regime di Putin potrebbe “andare fuori dai binari” in qualsiasi momento

Molti russi non hanno mai visto un altro sovrano prima: Putin è al potere da quasi 25 anni e martedì inizierà il suo quinto mandato. Ma per quanto stabile possa sembrare il suo regime, secondo il politologo Samorokov le apparenze ingannano. Ciò potrebbe anche essere dovuto alla “ristretta cerchia di cortigiani sottomessi”.

I servizi di sicurezza di Mosca sono sotto pressione in questi giorni di maggio per proteggere il presidente di lunga data Vladimir Putin. Il leader del Cremlino è al potere da quasi un quarto di secolo e sta pianificando il suo quinto insediamento il 7 maggio, dopo le elezioni di marzo, che hanno ottenuto un controverso risultato record dell’87,28%. Il giorno successivo il 71enne riceverà ospiti provenienti da paesi stranieri al vertice anniversario dell’Unione economica eurasiatica, fondata 20 anni fa. La serie di eventi culmina il 9 maggio con un’importante parata militare che include un discorso di Putin, che da più di due anni conduce una guerra contro l’Ucraina.

La domanda che risuona ovunque è cosa verrà dopo e per quanto tempo Putin rimarrà al potere. Il presidente russo ha ripetutamente affermato di voler realizzare un nuovo ordine mondiale multipolare, lontano dalla supremazia americana. Descrive la sua guerra contro l’Ucraina come una battaglia contro la NATO e l’Occidente nel suo insieme. Nel terzo anno dell’invasione, il suo apparato di potere divenne pieno di fiducia in se stesso, anche perché le sanzioni occidentali fino a quel momento non erano riuscite a fermare la macchina da guerra russa o a mettere il Paese in ginocchio dal punto di vista economico.

L’economia di guerra porta ad un’economia in forte espansione

Putin ha dichiarato alla fine di aprile che le basi economiche sono solide e che la dinamica è buona. “L’attività industriale è in crescita”. Da quando è stato imposto l’embargo in Occidente, il colosso delle materie prime ha venduto petrolio e gas principalmente all’Est, alla Cina e all’India. Grazie in parte alla crescente economia di guerra, la Russia prevede una crescita di circa il 3% quest’anno. Una buona situazione occupazionale e un reddito stabile garantiscono anche la fedeltà della popolazione, sottolineano gli esperti.

READ  Dopo le elezioni di medio termine americane: crescono le critiche a Trump

“I successi della Russia nell’adattarsi alla guerra hanno già superato le aspettative”, afferma l’esperto Maxim Samorukov del Carnegie Center for Research degli Stati Uniti. “Il regime di Putin appare oggi più inespugnabile che mai”. L’attuale avanzata delle forze russe supera le sconfitte iniziali della guerra. Anche gli esperti militari occidentali attestano i successi tattici ottenuti dai russi sul fronte.

Tuttavia, i negoziati di pace con la Russia non sono all’orizzonte. Mosca conferma quasi ogni giorno la sua disponibilità a tali negoziati. Ma restano dubbi sul fatto che Putin faccia sul serio su questa questione. Si prevede invece che l’esercito non solo annetterà completamente, ma per ora controllerà solo parzialmente, le regioni annesse di Luhansk, Donetsk, Kherson e Zaporizhia.

Putin, che ha un mandato d’arresto emesso dalla Corte penale internazionale dell’Aia per crimini di guerra in Ucraina, potrebbe almeno voler occupare Kharkiv a est e Odessa a sud per privare l’Ucraina del suo ultimo sbocco sugli oceani del mondo. . Sul Mar Nero. Ormai è diventato chiaro che l’invasione avrà un impatto notevole sul nuovo mandato di Putin. Si prevede che il governo del presidente del Cremlino non sarà facile nei prossimi sei anni. Ci sono molti problemi e rischi.

Lotta di potere a Mosca

Putin nominerà anche un nuovo governo dopo l’insediamento, mentre l’attuale governo tradizionalmente presenterà prima le dimissioni. Non sono previsti cambiamenti seri. Tuttavia, il capo del Cremlino dovrà ancora una volta bilanciare i diversi gruppi di interesse per affrontare la lotta per il potere. Nel bel mezzo della guerra, ora doveva guardare mentre uno degli ufficiali militari più potenti del paese, il viceministro della Difesa Timur Ivanov, veniva arrestato con l’accusa di corruzione.

Molti russi sono sorpresi che rappresentanti così influenti dei servizi di sicurezza con accesso a vaste risorse non siano solitamente soggetti a diffamazione pubblica. “Le contraddizioni all’interno del sistema crescono e vengono risolte con la violenza”, ha scritto il politologo Andrei Burtsev in un’analisi per il Carnegie Center. Sostiene che Putin, a differenza di prima, difficilmente agisce come arbitro tra i diversi gruppi. “I gruppi influenti si attaccano a vicenda in modo più attivo rispetto a prima della guerra”, afferma Burtsev.

READ  Bloccare la dichiarazione finale: la Russia è già un ostacolo prima del vertice del G20

Molte persone ricordano ancora la rivolta del capo dell’esercito privato di Wagner, Yevgeny Prigozhin, un anno fa. Prigozhin aveva accusato la leadership militare che circondava il ministro della Difesa Sergei Shoigu di corruzione e massicci fallimenti. Il confidente di Putin alla fine si arrese e morì in agosto, esattamente due mesi dopo il fallito colpo di stato, in un incidente aereo che rimane irrisolto.

Dopo lo shock c’è stata una sensazione di calma. Ma il caso di Ivanov, vicino a Shoigu e ora in prigione, dimostra, secondo gli esperti, che la situazione è ancora nel dimenticatoio e che anche altri gruppi potrebbero cercare di limitare l’influenza del ministro della Difesa, amico di Putin. Altri potrebbero tentare di prendere il potere.

La situazione della sicurezza resta tesa

La situazione della sicurezza nel paese è estremamente instabile. Infine, ma non meno importante, è ancora vivo nella nostra mente l’orrore dell’attacco terroristico alla sala concerti Crocus City Hall vicino a Mosca, che ha provocato più di 100 morti e centinaia di feriti. La guerra al terrorismo non è ancora finita. Inoltre, le zone al confine con l’Ucraina – soprattutto Belgorod – sono sempre più esposte a bombardamenti e attacchi da parte ucraina.

Le morti, i feriti e le massicce distruzioni mettono sotto pressione le autorità russe. Ci sono ripetute accuse secondo cui Putin non è stato in grado di mantenere le sue promesse di sicurezza. Kiev fa valere il proprio diritto alla difesa distruggendo depositi di carburante e basi militari sul versante russo. Tuttavia, le conseguenze di tali attacchi sono sproporzionate rispetto alla massiccia distruzione e alle numerose vittime da parte ucraina.

Gli esperti ritengono che il regime di Putin sia instabile

Ciò non ha ancora portato al vacillamento dello stesso regime di Putin. Tutto sembra essere sotto controllo. Ma da un momento all’altro tutto potrebbe sfuggire al controllo, dice il politologo Samorokov. Il pericolo non viene dagli oppositori di Putin – l’opposizione è ancora più frammentata e debole dopo la morte dell’avversario di Putin Alexei Navalny – ma dal nucleo stesso del regime: da Putin, perché tutto si concentra esclusivamente su di lui come portatore di qualunque cosa. decisioni.

READ  Scandalo diplomatico sul saluto di von der Leyen a Israele

Samorukov dice che Putin vive “da molti anni in una ristretta cerchia di cortigiani sottomessi che alimentano solo i suoi pregiudizi, risentimenti e delusioni”. Secondo l’esperto, le decisioni sbagliate prima o poi possono diventare suicide e portare al collasso del sistema.

Il Cremlino rifiuta sempre il fatto che Putin viva in un mondo illusorio, che riceva informazioni unilateralmente dai suoi subordinati, che abbia perso il contatto con la realtà o che la sua salute sia cagionevole. Tuttavia, gli esperti prevedono che, dopo la traiettoria sempre più autoritaria degli ultimi anni, il capo del Cremlino probabilmente intensificherà la repressione politica per mantenere il potere.

L’immagine della fortezza presentata da Mosca come centro di potere in questi giorni di maggio si adatta a questo. Nei tre grandi eventi previsti, Putin vuole ora dimostrare di non essere isolato a livello internazionale e di poter rimanere ancora a lungo una forza da non sottovalutare sulla scena mondiale. In realtà ha superato la maggior parte dei governanti russi rimanendo al potere. Ad agosto sarà al potere per 25 anni, a volte come capo del governo e più spesso come presidente. Ben presto incontrò il dittatore sovietico Joseph Stalin. Se si candidasse di nuovo alle elezioni nel 2030 e venisse eletto di nuovo, potrebbe finire per governare più a lungo di Caterina la Grande, che mantenne il potere per 34 anni.