Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Rapporto di mercato: la prudenza prende il sopravvento |  tagesschau.de

Rapporto di mercato: la prudenza prende il sopravvento | tagesschau.de


Rapporto di mercato

Al: 11 marzo 2024 alle 15:40

Poco prima che venissero pubblicati i nuovi dati sull’inflazione statunitense, la caccia ai record sui mercati azionari si era interrotta. Il DAX e il Dow Jones hanno iniziato la nuova settimana con sconti.

Anche nel secondo giorno di negoziazione dopo l’ultimo massimo storico, gli investitori rimangono cauti. Nel primo pomeriggio il DAX ha perso circa lo 0,6% a 17.697 punti. Giovedì scorso l'indice principale tedesco ha raggiunto il livello record di 17.879 punti.

Gli esperti di Index Radar commentano nelle loro previsioni giornaliere che la tensione sui mercati azionari sta lentamente crescendo. Da un punto di vista tecnico, il DAX è “chiaramente ipercomprato”, afferma il portfolio manager Thomas Altmann di QC Partners. Ecco perché ora si aspetta una “settimana dura” dopo la lunga caccia al record. Gli esperti della LBBW prevedono inoltre un aumento delle prese di profitto e del consolidamento nella metà estiva dell'anno.

Ma c'è anche ottimismo: la voglia di realizzare profitti è aumentata a breve termine, ma la tendenza al rialzo rimane, ha commentato Jochen Stanzel, capo analista di mercato di CMC Markets. “I dati sul mercato del lavoro provenienti dagli Stati Uniti supportano uno scenario di atterraggio morbido o addirittura nullo per l’economia americana, che è fondamentale per il balzo dei profitti aziendali previsto e scontato dal mercato azionario quest’anno”.

C'è anche una mancanza di interesse all'acquisto a Wall Street in vista dei prossimi dati sui prezzi. Circa un'ora dopo l'inizio delle contrattazioni, anche il Dow Jones ha perso lo 0,6%.

Mentre negli Stati Uniti si passa all'ora legale durante il fine settimana, le negoziazioni a New York inizieranno alle 14:30 CET fino al 31 marzo.

READ  Salti di prezzo sospetti: le aziende cinesi interrompono i piani di IPO degli Stati Uniti

Gli investitori attendono ora i dati sull’inflazione statunitense di febbraio previsti per domani, nella speranza di un allentamento delle restrizioni monetarie. Edgar Walk, capo economista di Metzler, ha avvertito che se l’inflazione americana rimane ostinatamente elevata, i tagli dei tassi di interesse potrebbero essere invertiti quest’anno.

Tuttavia, la maggior parte degli esperti non lo dà per scontato. La maggior parte degli operatori di mercato si aspetta che la Federal Reserve americana riduca il tasso di interesse di riferimento a giugno. I mercati dei futures stanno attualmente scontando quattro tagli dei tassi di interesse di 0,25 punti percentuali entro la fine di quest'anno, a partire da giugno, osserva Ulrich Stefan, capo stratega degli investimenti per clienti privati ​​e aziendali presso Deutsche Bank.

Bitcoin sta superando la soglia dei 72.000 dollari, rendendolo più costoso che mai. “Gli investitori possono ora puntare al livello degli 80.000 dollari”, afferma Timo Emden di Emden Research. L'esperto ritiene che la crescita potrebbe accelerare nuovamente se la propensione al rischio continuerà ad aumentare.

La criptovaluta sta attualmente beneficiando delle aspettative di tassi di interesse più bassi a lungo termine e dell’aumento della domanda in seguito all’approvazione dei primi fondi negoziati in borsa (ETF) Bitcoin che investono direttamente nella valuta informatica.

All'inizio della settimana l'euro è sotto leggera pressione: nel pomeriggio il valore della moneta unica ha raggiunto quota 1,0916 dollari, lo 0,2% in meno rispetto a venerdì. Si prevede che anche i prossimi prezzi al consumo statunitensi costituiranno la data più importante della settimana sul mercato dei cambi. Se le speranze di tassi d'interesse più bassi fossero confermate, ciò potrebbe portare ad un rafforzamento dell'euro a causa del differenziale dei tassi d'interesse.

READ  CONVEGNO HORIZONT: TUTELA DEL CLIMA E RESPONSABILITÀ SOCIALE: LE AZIENDE FANNO ABBASTANZA?

Le azioni Boeing sono sotto pressione nei primi scambi statunitensi. Un nuovo incidente del Dreamliner e l'indagine sul quasi disastro di un aereo Boeing lo scorso gennaio hanno preoccupato gli investitori. Almeno 50 persone sono rimaste ferite nella turbolenza di un volo LATAM diretto oggi in Nuova Zelanda. Alaska Airlines, che ha operato il volo a gennaio, ha dichiarato sabato che stava collaborando con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti come parte dell'indagine penale sull'incidente. Il Wall Street Journal aveva precedentemente riferito che gli investigatori avevano contattato alcuni passeggeri e l'equipaggio del volo.

Commerzbank vuole stimolare la crescita del corporate banking svizzero dopo il declino del Credit Suisse. “Vogliamo una grossa fetta della torta”, ha dichiarato il presidente svizzero Mark Steinkat al quotidiano Argauer Zeitung. Commerzbank è cresciuta sul mercato a doppia cifra ogni anno e si prevede un'accelerazione. Attualmente ha impegni di credito pendenti per un totale di undici miliardi di franchi nei confronti di clienti aziendali in Svizzera. Il focus dell’offerta è la finanza commerciale. UBS ha annunciato l'acquisizione della travagliata Credit Suisse quasi un anno fa e sta attualmente procedendo alla fusione delle attività del rivale più piccolo.

Il gruppo immobiliare LEG ha chiuso lo scorso anno con una perdita miliardaria. Il risultato finale è che si registra una perdita di 1,56 miliardi di euro a causa della diminuzione del valore del portafoglio immobiliare, come annunciato dal gruppo MDAX. Nello stesso periodo dell'anno scorso la LEG Immobilien aveva registrato un utile utile pari a 237 milioni di euro. L'azienda ha ridotto il valore del suo portafoglio immobiliare dell'11,9%.

READ  I consumatori e le imprese devono pagare di più per le emissioni di anidride carbonica

Dopo l’anno record 2022, lo scorso anno i profitti della compagnia petrolifera Saudi Aramco sono diminuiti. Nonostante il netto calo del surplus di circa un quarto a 121 miliardi di dollari, il colosso industriale saudita ha annunciato di aver ottenuto il secondo miglior risultato nella storia dell’azienda. Nel 2022, le compagnie petrolifere hanno beneficiato di un forte aumento dei prezzi del petrolio e del gas a seguito della guerra della Russia contro l’Ucraina. Nel 2023 la situazione nel mercato del petrolio e del gas è tornata sostanzialmente alla normalità.