Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Dove inizia il cancro al seno geneticamente determinato – I ricercatori identificano le cellule di origine del cancro al seno BRCA2 e il potenziale trattamento

Dove inizia il cancro al seno geneticamente determinato – I ricercatori identificano le cellule di origine del cancro al seno BRCA2 e il potenziale trattamento

Sulle tracce dei responsabili: i ricercatori hanno identificato le cellule da cui si sviluppano i tumori nelle donne con cancro al seno ereditario. Di conseguenza, il cancro inizia in un tipo specifico di cellula progenitrice della ghiandola mammaria. La buona notizia: esperimenti sui topi hanno dimostrato che il farmaco antitumorale approvato previene già la formazione di tumori. A causa dei suoi effetti collaterali, il farmaco non è adatto al trattamento profilattico. Tuttavia, i risultati forniscono un approccio a nuovi metodi.

Le malattie cancerose come il cancro al seno, al colon e ai polmoni colpiscono sempre più i giovani. Oltre allo stile di vita, esistono diverse mutazioni genetiche note per causare il cancro al seno, il che significa che le donne affette hanno una probabilità del 70% di sviluppare il cancro al seno durante la loro vita, spesso in giovane età.

Questa immagine fluoroscopica mostra il tessuto mammario di una donna con una mutazione BRCA2 a rischio di cancro al seno. © Dott.ssa Bianca Capaldo/Wehi

Cosa succede con una mutazione BRCA2?

Uno di questi fattori di rischio genetico è una mutazione nel gene BRCA2. Questo gene è solitamente coinvolto nella prevenzione del danno al DNA e quindi nella prevenzione dello sviluppo del tumore. Tuttavia, la mutazione significa che non svolge questo compito abbastanza bene. Per combattere il crescente rischio di cancro al seno, si consiglia alle persone colpite di sottoporsi regolarmente a esami per la diagnosi precoce o di farsi asportare il seno come misura preventiva.

Fino ad ora si sapeva poco su come una mutazione BRCA2 influisce sul tessuto mammario e sui processi che si verificano prima dello sviluppo del tumore. Un team guidato da Rachel Joyce dell’Università di Melbourne in Australia è ora arrivato al nocciolo della questione. Per fare ciò, il team ha esaminato campioni di tessuto mammario di donne sane con un gene BRCA2 difettoso e li ha confrontati con campioni di tessuto di donne della stessa età senza la mutazione.

READ  Il Liver Cancer Study vede la dieta soprattutto come un rischio

Cellule alterate nel tessuto ghiandolare

I ricercatori hanno notato un gruppo specifico di cellule della ghiandola mammaria che si dividevano più frequentemente nelle donne con una mutazione BRCA2. “Poiché abbiamo trovato queste cellule anomale nella maggior parte dei campioni di tessuto di donne con una mutazione BRCA2, ma non in campioni di donne senza la mutazione, pensiamo che queste possano essere le cellule di origine da cui si sviluppa il cancro al seno nei portatori della mutazione”, afferma Joyce. .

Le cellule rilevate sono chiamate cellule progenitrici del lume. La loro produzione di alcune proteine ​​importanti per la crescita cambia, tra le altre cose. Ciò da un lato favorisce lo sviluppo del cancro, dall’altro costituisce anche un potenziale bersaglio. “I cambiamenti potrebbero rendere le cellule più sensibili ad alcuni trattamenti volti a prevenire o ritardare lo sviluppo del cancro al seno”, afferma Rosa Pascual, collega di Joyce.

Il farmaco ritarda lo sviluppo del tumore nei topi

Per testare questa ipotesi, i ricercatori hanno allevato topi con un cambiamento genetico coerente con la mutazione BRCA2 negli esseri umani. Infatti, se questi animali non vengono curati, sviluppano tumori in tenera età. Il team ha somministrato il farmaco antitumorale everolimus ad alcuni topi modello come misura preventiva. Questo è diretto contro un composto proteico chiamato mTORC1, che, tra le altre cose, regola la crescita, la sopravvivenza e il metabolismo delle cellule ed è iperattivo nel tessuto mammario dei portatori di BRCA2.

Il risultato: “Gli studi hanno dimostrato un ritardo significativo nell’insorgenza del tumore nel gruppo trattato con everolimus rispetto al gruppo di controllo”, ha riferito il gruppo di ricerca. Mentre i topi che non avevano assunto il farmaco hanno sviluppato tumori dopo una media di 149 giorni, i topi trattati sono rimasti liberi da tumori per più di due mesi.

READ  L'origine dei misteriosi "circuiti radio" nello spazio è stata risolta

Approccio terapeutico preventivo

Dal punto di vista dei ricercatori, l'inibizione farmacologica di mTORC1 è una promettente strategia preventiva. Per le donne con una mutazione BRCA2, è probabilmente un’alternativa a lungo termine alla mastectomia. Sebbene everolimus sia già stato approvato per le pazienti con cancro al seno ricorrente, c’è ancora molta strada da fare prima che possa essere utilizzato come trattamento preventivo.

“Gli effetti collaterali dell'everolimus ne limitano l'idoneità alla profilassi”, afferma Jeffrey Lindemann, collega di Joyce. “Il nostro team vorrebbe esplorare ulteriormente le parti specifiche dell’elaborazione delle proteine ​​che vengono interrotte e utilizzare queste informazioni per sviluppare terapie preventive più selettive e accettabili”. (Biologia cellulare naturale, 2024, doi: 10.1038/s41556-023-01315-5)

Fonte: Walter ed Eliza Hall Institute

18 gennaio 2024 – Elena Bernard