Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Dopo El Niño arriva La Niña: il fenomeno climatico cambia rapidamente

Dopo El Niño arriva La Niña: il fenomeno climatico cambia rapidamente

Dopo El Niño arriva La Niña
Il fenomeno climatico sta cambiando rapidamente

Scritto da Laura Kranish

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

Il fenomeno climatico El Niño nella regione del Pacifico si sta gradualmente attenuando ed è probabile che entro l'estate si trasformi in una La Niña da debole a moderata. Le conseguenze sul clima globale sono di vasta portata. La regione atlantica in particolare dovrà affrontare tempi tempestosi.

Le elevate temperature oceaniche tipiche di El Niño nel Pacifico tropicale continuano ad attenuarsi dopo il picco di inizio anno. Le previsioni del Climate Prediction Center (CPC) della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) degli Stati Uniti e del Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine (ECMWF) ora indicano chiaramente una La Niña da debole a moderata, che potrebbe iniziare già all’inizio dell’estate. I primi segnali di ciò si possono già vedere al largo delle coste del Perù e dell’Ecuador, dove le anomalie della temperatura sono diminuite notevolmente negli ultimi mesi e in alcuni casi sono già scese a valori negativi.

I dati di misurazione mostrano anche che una grande quantità di acqua fredda si è accumulata nell’Oceano Pacifico orientale appena sotto la superficie calda del mare. Quest’acqua salirà in superficie nei prossimi mesi, creando il tipico disegno La Niña, una lingua d’acqua fredda lunga migliaia di chilometri lungo l’equatore. Le acque superficiali tropicali, che finora sono state più calde della media a causa del fenomeno El Niño, saranno spinte verso ovest dagli alisei verso l’Asia e l’Australia, causando temperature più elevate e precipitazioni lì. È probabile che questi cambiamenti avvengano particolarmente rapidamente quest’anno.

Conseguenze del fenomeno La Niña nel mondo

A Sud America La fine di El Niño non significa solo cose brutte, come la fine della siccità del secolo in Amazzonia, dovuta in gran parte a El Niño. Con la fine di El Niño, l’umidità tanto necessaria potrà nuovamente penetrare in Amazzonia dall’Oceano Atlantico. Invece, uno spostamento dell’alta pressione verso l’Oceano Pacifico porterà a siccità e incendi più frequenti nella parte occidentale del Sud America. Tuttavia, le acque più fresche che salgono dalle profondità sono importanti per la pesca sulla costa del Pacifico orientale perché sono più ricche di sostanze nutritive e i pesci si sentono più a loro agio al loro interno.

Anche in Nord America La Niña ha diversi potenziali effetti: tra l'altro, a causa della forte zona di alta pressione sul Pacifico nord-orientale, la temperatura del mare può aumentare notevolmente in estate. Questa anomalia, nota anche come “The Blob”, è stata osservata frequentemente negli ultimi anni con eventi La Niña ricorrenti e di lunga durata. Potrebbe contribuire alle temperature estive estreme e alla siccità del Nord America, che, combinate con il riscaldamento globale, rendono sempre più comuni i grandi incendi. D'inverno, invece, c'è un freddo estremo e più tempeste invernali, soprattutto al nord e al nord-ovest, con spesso la caduta di grandi quantità di neve. Al contrario, gli inverni nel sud degli Stati Uniti stanno diventando più caldi e secchi. Il fenomeno La Niña ha inoltre accentuato la stagione degli uragani nell’Oceano Atlantico.

In Australia E Asia Potrebbe anche verificarsi un aumento degli uragani o dell'attività degli uragani e, a causa dell'aumento della temperatura dell'oceano nel Pacifico occidentale, il clima lì diventerà generalmente più caldo e umido.

Conseguenze indirette per l’Europa e la regione atlantica

In Europa La Niña non ha effetti diretti, ma con il supporto di un Nord Atlantico ancora molto caldo, possiamo almeno sentirne le conseguenze indirettamente. Durante La Niña, le condizioni per la formazione di uragani nell'Atlantico tropicale sono molto migliori che durante El Niño, anche in condizioni normali. Tuttavia, un Nord Atlantico eccezionalmente caldo, soprattutto al largo della costa nordoccidentale dell’Africa, e quindi nella regione in cui hanno origine gli uragani, non può solo dar luogo a uragani più potenti. Potrebbe anche aprire la strada a singole tempeste che raggiungono l’Europa occidentale. Negli ultimi anni diversi uragani hanno raggiunto il Portogallo o le Isole Canarie, anche se deboli.

L’anno record 2020 ha già dimostrato quanto La Niña e l’aumento della temperatura dell’acqua nell’Oceano Atlantico possano alimentare la stagione degli uragani: nell’Oceano Atlantico si sono verificate in totale 30 tempeste tropicali o uragani e, a questo proposito, è stato il stagione degli uragani più attiva dall'inizio delle osservazioni, con più record per il numero di grandi uragani superiori alla categoria 3 (sette) e il numero di uragani che hanno colpito gli Stati Uniti (undici). Analogamente al 2020, i primi segnali indicano ancora una volta una stagione degli uragani molto attiva, che in genere inizierà tra circa due mesi. Quest’anno potrebbe essere un po’ prima del solito a causa delle temperature eccezionalmente elevate dell’Oceano Atlantico.

Il riscaldamento globale sta creando uragani sempre più forti

In linea con le aspettative a lungo termine ECMWF Secondo altre istituzioni interessate alle temperature globali degli oceani, ciò potrebbe portare non solo a un numero di uragani superiore alla media, ma anche a uragani più forti. Un fenomeno spesso osservato anche a causa del riscaldamento globale è la cosiddetta intensificazione rapida degli uragani, dove gli uragani che si formano diventano estremamente intensi nell'arco di un giorno.

Un uragano del genere ha colpito Acapulco in modo particolarmente catastrofico nell'ottobre 2023. La tempesta Otis di categoria 5 si è scatenata sulla città sulla costa pacifica del Messico in un giorno e ha distrutto la città con una forza senza precedenti.

I modelli meteorologici esistenti hanno rivelato una grave debolezza in questo caso, poiché nessun modello avrebbe potuto prevedere uno sviluppo così estremo. Invece ci si aspettava solo una normale tempesta tropicale o un uragano debole di categoria inferiore: un errore di calcolo fatale che potrebbe essere costato la vita a dozzine di persone.

READ  Le istituzioni finanziarie esitano: Putin spinge le banche russe nei territori occupati