Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Russia: come la “legge sulla clientela” di Putin è diventata un duro colpo per le esportazioni

Russia: come la “legge sulla clientela” di Putin è diventata un duro colpo per le esportazioni

al di fuori Russia

In che modo la “legge sulla clientela” di Putin ha ottenuto un così grande successo nelle esportazioni?

Decine di migliaia di georgiani manifestano contro la “legge delega”

Decine di migliaia di georgiani manifestano contro la “legge delega”

Fonte: Reuters

Puoi ascoltare i nostri podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l'interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

Per mettere a tacere i critici, anni fa il presidente russo ha ideato una legge che considera gli oppositori politici come agenti del nemico. Ma anche altri governi autoritari accolgono con favore questo atteggiamento, compresi i paesi dell’UE e i paesi che vogliono trarre vantaggio dall’UE.

SMigliaia di persone manifestano da settimane nel centro di Tbilisi. La loro rabbia è diretta contro i piani del partito al potere Sogno georgiano. Di conseguenza, le organizzazioni che ricevono più del 20% dei loro finanziamenti da sovvenzioni estere devono registrarsi come “agenti stranieri”. L’Unione Europea critica questi piani. Il miliardario Bidzina Ivanishvili, fondatore ed eminenza del partito al potere, ha lanciato gravi accuse contro l'Occidente durante una rara apparizione ad una manifestazione filogovernativa. I “finanziamenti alle ONG” in realtà servono i “servizi di intelligence stranieri” e danno loro potere.

READ  La polizia libera perduta Cleo Smith (4)

La Georgia, candidata all’adesione all’UE, è solo l’ultimo esempio di un paese in cui il suo governo sempre più autoritario ha trovato nella “legge sugli agenti” uno strumento contro attori politicamente impopolari. Da quando una legge simile è entrata in vigore in Russia nel 2011, molti paesi hanno seguito l’esempio, dall’Ungheria all’India.

Leggi anche

Per i governi autoritari, le leggi sugli “agenti stranieri” sono uno strumento utile per tenere traccia di tutte le forme di dissenso. Tali leggi hanno solo un nome in comune con il presunto modello statunitense, il Foreign Agents Registration Act del 1938. La legge statunitense regola l'attività dei lobbisti stranieri.

Minacciando di adottare la legge, Tbilisi sta implicitamente seguendo Vladimir Putin, che ha reso la “legge sugli agenti” uno strumento globale di repressione sin dalla sua introduzione nel 2012 con una retorica simile a quella di Ivanishvili. All’inizio veniva usata come arma nella guerra contro le ONG finanziate dall’Occidente; Dopo gli emendamenti è stato rivolto anche contro i media critici nei confronti del Cremlino e, in ultima analisi, contro singoli individui.

Kirghizistan

Questa sembra essere la strada intrapresa da uno dei vicini meridionali della Russia. A metà aprile è entrata in vigore in Kirghizistan la legge sui “rappresentanti stranieri”. Ciò testimonia lo stile sempre più autoritario del governo del presidente Sadr Japarov, che si avvicina alla Russia anche in politica estera. La legge segue quasi alla lettera il modello russo e rischia di diventare un grosso problema per circa 30.000 organizzazioni non commerciali del paese molto povero, molte delle quali sono attive negli aiuti umanitari e allo sviluppo.

READ  I vigili del fuoco liberano un uomo nudo dal water: è bloccato da giorni! - notizie all'estero

Dall’indipendenza, il paese ha ricevuto miliardi di dollari in aiuti allo sviluppo. Questa somma è stata distribuita principalmente tra gli enti controllati dallo Stato che, secondo la nuova legge, sarebbero interessati anche come “attori” – tra cui le scuole pubbliche, i club sportivi popolari e le istituzioni culturali. Attivisti e avvocati per i diritti umani sottolineano che quasi tutte le organizzazioni possono essere dichiarate “rappresentative”, mettendo in discussione il futuro della cooperazione allo sviluppo nel Paese.

Ungheria

Il governo populista di destra guidato da Viktor Orban ha approvato in parlamento nel dicembre 2023 una legge volta a “difendere la sovranità nazionale” ed è in vigore da febbraio di quest’anno. Un nuovo organismo “identificherà e investigherà” le organizzazioni che “ricevono finanziamenti dall’estero e mirano a influenzare la volontà degli elettori”. Questo emendamento è stato criticato dal Consiglio d'Europa, dal Dipartimento di Stato americano e da Amnesty International. Quest'ultimo vede in ciò un tentativo di “esercizio arbitrario del potere”.

Il partito di Orban è stato costretto a ritirare una legge simile del 2017, che prendeva di mira le ONG cofinanziate dall’estero, dopo un avvertimento da Bruxelles. Anche questa volta la Commissione europea ha criticato la legge e ha chiesto modifiche. In caso contrario, l’Ungheria dovrà affrontare una causa davanti alla Corte di Giustizia Europea. Orban da anni si oppone alle ONG finanziate dall’Occidente. Condivide il suo più grande nemico con Vladimir Putin: il miliardario di origine ungherese George Soros e la sua Open Society Foundations.

Nicaragua

Il presidente dittatore Daniel Ortega sta attualmente facendo notizia per aver citato in giudizio la Germania davanti alla Corte penale internazionale per complicità nel presunto genocidio nella Striscia di Gaza. Tuttavia, l'azione di Ortega nel suo paese non dovrebbe essere meno interessante per i tribunali internazionali. Ortega ha eliminato il dissenso, represso brutalmente le proteste e chiuso centinaia di ONG e organizzazioni umanitarie per presunte violazioni dopo aver introdotto la legge sugli “agenti stranieri” nell’ottobre 2020.

Questi includono molte organizzazioni cattoliche e altre organizzazioni cristiane. I nemici di Ortega includono specificamente il cattolicesimo organizzato, che i governanti del Nicaragua chiamano “dittatura”. Secondo l'organizzazione per i diritti umani Human Rights Watch, il governo dell'ex rivoluzionario di sinistra è ossessionato dall'”eliminazione della società civile” nel paese. L'odio è arrivato al punto che Ortega perseguita le organizzazioni che forniscono “un aiuto significativo” ai poveri del Paese. Secondo il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, circa un quarto delle famiglie del paese vive al di sotto della soglia di povertà.

India

In India si terranno le elezioni parlamentari che dureranno diverse settimane fino a giugno. Molti osservatori occidentali considerano il Paese la più grande democrazia del mondo. Il governo dell'autoritario nazionalista indù Narendra Modi utilizza con successo la legge sulla regolamentazione dei contributi esteri contro i dissidenti. Sono colpiti attivisti per i diritti umani, critici del governo e ONG internazionali e locali.

Leggi anche

A dicembre, il presidente russo Putin ha fatto visita al suo omologo indiano Modi

Il settore delle ONG in India è enorme, con oltre 200.000 organizzazioni che lavorano nel campo degli aiuti allo sviluppo e dei progetti sociali, a beneficio di decine di milioni di poveri. Negli ultimi 10 anni, il governo Modi ha ritirato almeno 17.000 licenze di finanziamento straniero alle ONG, tra cui la popolare organizzazione umanitaria CARE India e il think tank. Centro di ricerca politica. Modi ha preso di mira soprattutto le ONG cristiane e musulmane, nonché le organizzazioni che ritiene sostengano il partito rivale del Congresso.