Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L'app mobile di Google supporterà presto gli emoji vocali (tramite VoicePad)

L'app mobile di Google supporterà presto gli emoji vocali (tramite VoicePad)

L'app del telefono di Google (che può essere trovata, ad esempio, sui dispositivi Pixel) ora ha un nuovo trucco: gli emoji vocali. È esattamente quello che avresti potuto immaginare, e quindi più al livello di una tavola armonica “pazzesca” che di una caratteristica utile. Google li descrive come modi per esprimere sentimenti e stati d'animo con i suoni. In altre parole: ci saranno applausi, risate e tutto quello che potete immaginare.

Finora la “caratteristica” Solo tramite il canale beta (versione app 128) Vengono consegnati e possono anche essere disattivati. Fondamentalmente, come accennato in precedenza, si tratta di una tavola armonica integrata direttamente nell'app del telefono. A partire da ora, l'elenco è composto da sei pazzeschi effetti sonori a cui è possibile accedere toccando un emoji (suono). L'app del telefono visualizza quindi un'animazione mentre l'effetto sonoro viene riprodotto per alcuni secondi, inclusa la persona al telefono. Al momento è possibile scegliere tra i seguenti effetti sonori:

  • applauso (applauso)
  • Lui ride
  • festa
  • Piangere (trombone triste)
  • Suoni di scoreggia
  • Sting (Ba Dom Ts)

Quando la funzione è attivata, è presente un pulsante nel sottomenu o un pulsante sull'interfaccia di chiamata. Inoltre, non puoi sovraccaricare il tuo interlocutore telefonico con effetti sonori, perché esiste una sorta di limitazione su quante volte gli effetti sonori possono essere utilizzati prima che una “fase di raffreddamento” impedisca la riproduzione di un tono dopo l'altro.

Trasparenza: questo articolo contiene link di affiliazione. Cliccandoci sopra andrai direttamente al fornitore. Se decidi di effettuare un acquisto lì, riceveremo una piccola commissione. Niente cambia il prezzo per te. I link di affiliazione non hanno alcuna influenza sui nostri report.

READ  La NASA e il presidente degli Stati Uniti mostrano la prima immagine del telescopio "Webb".