Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Festa Mondiale in Slovenia: Italia sotto pressione adesso – Nazionali

Festa Mondiale in Slovenia: Italia sotto pressione adesso – Nazionali

Daniel Glira & Co. Combattendo, la Slovenia esulta. ©Valentina Gallina/IIHF

Le speranze di promozione della Nazionale italiana sono in serio pericolo: gli Azzurri hanno perso una bella partita contro la Slovenia mercoledì ai Mondiali di hockey su ghiaccio a Bolzano e non possono permettersi errori nelle due partite rimanenti. Oltre 4.000 tifosi hanno affollato gli spalti.

Dall'arena della Cassa di Risparmio

Anche prima dell'inizio della Coppa del Mondo era chiaro che era necessario uno scontro con il paese vicino. Tuttavia, nessuno si sarebbe aspettato che la Slovenia perdesse contro la Corea del Sud all'inizio dei Mondiali, quindi una vittoria contro l'Italia avrebbe dato loro la promozione diretta in prima divisione. Rok Ticar & Co. Nella Sparkasse Arena, gremita di 4.328 tifosi, per loro la partita era sopravvivenza. Hanno giocato con rigore, ritmo elevato e brillantezza tattica e hanno meritato una vittoria per 2-0 dopo 60 minuti.

La squadra di Mike Bellino ha perso il sonno fin dall'inizio. Gli sloveni esplodono davvero contro gli azzurri nel primo terzo, costringendo gli azzurri a un grande lavoro difensivo e segnando gol decisivi per l'1-0 con Roque Tigar. Di conseguenza, Robert Sabolic & Co. Hanno ridotto significativamente i loro sforzi offensivi e si sono invece concentrati sulla difesa. La squadra di Edo Derklao ci è riuscita molto bene. L'Italia ha faticato a creare occasioni da gol anche nei giochi di potere. La percentuale di vincita della maggioranza è un pietoso 9% dopo tre partite.

L’Italia non è riuscita a trovare fondi

Bellino cercò di dare nuovo slancio attraverso modifiche fiscali, ma non ci riuscì. La verità, però, è che la fortuna necessaria con il disco non è stata dalla parte degli Azzurri. Ogni tanto si intrometteva un bastone sloveno oppure la gomma dura rimbalzava sfortunatamente. Anche Kasper Groselj ha fatto una bella prestazione nella porta slovena. Il suo compagno di squadra Damian Clara era più fiducioso rispetto a 24 ore fa contro il Giappone, ma non è riuscito a evitare la sconfitta.

Jason Seid e Alex Trivellado si danno battaglia sotto porta. ©Valentina Gallina/IIHF

I padroni di casa ora hanno una giornata per imparare da questa sconfitta. La prossima partita è contro l'Ungheria venerdì alle 19.30. Mercoledì gli ungheresi hanno subito un'imbarazzante sconfitta per 2-1 contro la Romania, ma restano ad un punto di distanza dall'Italia. Quindi questo gioco è ancora più importante.

Punti salienti

1-0 nel finale La Slovenia domina a volontà, ma con Clara morde i denti. Quattro minuti prima della fine del periodo, la diga italiana si è rotta quando Roque Decar ha giocato il disco davanti alla porta, dove Phil Pietroneiro lo ha pattinato nella propria porta.
Niente yoga Gli Azzurri si presentano pericolosi dopo i tiri dalla distanza di Alex Trivellado e Thomas Larkin. Tuttavia, i rimbalzi forniti da Kasper Groslej non hanno potuto essere utilizzati come desiderato. Tra l'altro Daniel Frank non riesce a mettere in porta un gioco rimbalzante.
Il salvataggio mostruoso di Kroselj All'inizio del terzo finale, Anthony Salindri ha avuto una grande occasione per pareggiare la partita. L'italo-canadese tira direttamente su passaggio di Caselli, ma il portiere Kasper Groselj effettua una parata incredibile.
Passaggio fantastico Pochi secondi dopo l'occasione di Salinitri, gli sloveni attaccano: Blas Tomasevic è inattaccabile, doppia la porta italiana e fa uno splendido cross per Anse Kuralt, che si trasforma facilmente.
La Slovenia è chiusa L'Italia tira fuori Clara dal ghiaccio nelle fasi finali ed è in grado di giocare 4 contro 6, ma il gioco di potere è incredibilmente debole – e non realizza il gol che sperava.

Italia – Slovenia 0:2

IDA: Clara (Bernardo); Seed-Trivallato, Sbornberger-Larkin, Amorosa-Pietroniro, Glira-Insum; De Luca-Mantenuto-Frico, Salinitri-Catanacci-Casli, Marchetti-Köstner-Frank, DeLuca-Berteller-Mundinger.
Allenatore: Bellino

SLO: Kroselj (Pintarico); Magovac-Masic, Cosic-Cnrovic, Podlipnik-Cepon, Bohinc; Tikar-Torok-Sabolik, Kuralt-Maku-Tomasevic, Simsic-Dirzog-Mahkovec, Mehle-Sodja-Jesovcek.
Allenatore: Terclaw

Cancelli: 0:1 Tikar (15.52), 0:2 Kuralt (44.08)

Pubblico: 4328

Altre partite del mercoledì:

Ungheria Romania 1:2
Gol: 0:1 Peter (49.29), 1:1 Hari (55.40), 1:2 Sandor-Szekely (59.09)
Visitatori: 2.212

Giappone – Corea del Sud 4:3
Gol: 0-1 Gee (15,25), 1-1 Lawlor (21,42), 1-2 Chong Min Lee (26,56), 2-2 Chota Isokai (36,59), 2-3 Tan Gu Lee (40,14), 3-3 Yu Sato (51.40), 4:3 Isokai (53.03)
Visitatori: 1.738

tavolo

Posa. Squadra Giochi punti
1. Slovenia 3 6
2. Ungheria 3 6
3. Italia 3 5
4. Giappone 3 4
5. Corea del Sud 3 3
6. Romania 3 3
READ  Il gruppo Scholler rileva tre progetti Cigna in Italia