Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Controlli energetici gratuiti: l’Agenzia per l’Energia aiuta le imprese Kernin a risparmiare – Notizie da Kernin

Controlli energetici gratuiti: l’Agenzia per l’Energia aiuta le imprese Kernin a risparmiare – Notizie da Kernin

Dal tetto verde della sede centrale Genma Europe in Robert-Bosch-Straße si gode una vista meravigliosa su Rommelshausen. Ecco perché gli amministratori delegati Stefan Komenda e Michael Schaaf dell’Agenzia per l’energia di Reims-Mer non sono qui: si tratta più dell’impianto fotovoltaico di 16 anni sulla tettoia. Questo non è più del tutto aggiornato e l’azienda non può utilizzare direttamente l’elettricità. Avrebbe senso mettere un nuovo sistema più grande sul ponte principale? Questa è solo una delle tante domande che Stefan Komenda, come partecipante all’Energy Caravan, pone al consulente energetico.

Questa volta possono partecipare aziende di Kernen, Remshalden e Winterbach

Il convoglio energetico è presente nella zona di Rams El Murr dal 2020 ed è presentato dall’Agenzia per l’energia di Rams El Murr. Dove attualmente si ferma la carovana, le aziende possono richiedere un controllo energetico gratuito, tocca ai comuni di Kernen, Reimshalden e Winterbach che dispongono di un ufficio comune per la protezione del clima.

Secondo le informazioni dell’Agenzia per l’energia, questa volta 30 aziende hanno richiesto l’ispezione energetica. Come regola generale, il numero delle aziende partecipanti nel comune varia da cinque a 15 aziende. Ciò che distingue questa carovana energetica è che i partecipanti provengono da tre comuni diversi. Secondo l’Agenzia per l’Energia, la Carovana dell’Energia è finanziata attraverso il Quarto Programma d’Azione per la Protezione del Clima nella regione.

La catena di approvvigionamento dal Giappone alla Germania produce molta anidride carbonica

Rommelshausen “Genma Europe” ha sede in Robert-Bosch-Straße dal 2006, quando anche l’edificio è stato completato e ora viene accuratamente controllato nell’ambito del controllo energetico. L’azienda è responsabile delle attività europee di pasta saldante e filo saldante di uno dei principali produttori giapponesi. Un settore che non ha necessariamente la migliore impronta di carbonio a causa dei lunghi percorsi di trasporto e dei componenti che devono essere refrigerati. Stefan Komenda vuole apportare miglioramenti, ove possibile.

“Siamo già passati al trasporto marittimo, ove possibile”, afferma il direttore generale. Tuttavia, il problema è che “non vengono effettuate spedizioni di pallet refrigerati”: l’azienda deve pagare ogni volta un intero container. Ecco perché parte della filiera avviene ancora via aerea.

Nella sede centrale dell’azienda a Kernen molto è già stato migliorato

Il trasporto refrigerato dal Giappone alla Germania e le sue insidie ​​in termini di emissioni di CO2 sono un po’ esagerati come argomento per una carovana energetica o per la protezione del clima intercomunale. L’appuntamento in loco riguarderà quindi come gestire la sede centrale dell’azienda a Rommelshausen in modo più rispettoso del clima ed efficiente.

READ  La maison bavarese è insolvente: i dipendenti sono stati licenziati

Il direttore generale ha già svolto un lungo lavoro di preparazione: l’azienda, che ospita principalmente uffici, un magazzino e una cella frigorifera, non ha quasi alcun consumo di gas ed elettricità superiore a quello di una casa unifamiliare, elogia il consulente energetico Michael Schaaf.

Il consumo di elettricità e gas è già stato notevolmente ridotto

Non è sempre stato così: “Cinque anni fa consumavamo il doppio del gas”, racconta Stefan Komenda, che fin dall’inizio ha sempre monitorato i consumi nel suo edificio.

Il risparmio è stato ottenuto con misure relativamente semplici: la temperatura negli uffici è leggermente scesa, nell’ingresso e nella sala da tè è diventata più fresca. Le sale riunioni che non vengono utilizzate regolarmente non sono sempre riscaldate e il magazzino non è affatto riscaldato. L’azienda ha impostato la “temperatura più alta possibile” nella cella frigorifera. L’acqua calda per la stufa a gas è stata spenta.

Anche Stefan Komenda vorrebbe modificare la temperatura di mandata, ma con la sua caldaia a gas non è facile farlo. Genma ha recentemente ottenuto un tornello più spesso. Ciò non solo garantisce un migliore isolamento, ma è anche più sicuro in caso di effrazione, afferma il direttore generale. La plafoniera presenta danni da grandine: se viene sostituita presto, dovrebbe essere installata anche qui una versione con un migliore isolamento.

L’illuminazione è stata sostituita con LED o ridotta

Ha fatto un ottimo lavoro anche per quanto riguarda il consumo energetico. Ovunque ciò sia facilmente possibile, l’azienda è già passata alle luci a LED, ad esempio nella cella frigorifera, nell’ingresso e nella cucina del tè. In ufficio vengono utilizzate le lampade ottiche che consumano più energia: Stefan Komenda ha già ridotto i consumi qui interrompendo l’uso di tutte le luci e installando solo due tubi invece di quattro. Michael Schaaf dice che potrebbe essere utile passare ai LED.

Anche se in inverno l’illuminazione di una stanza con una grande vetrata viene utilizzata solo per poche ore al giorno. Secondo lui la versione “essenziale” con le luci a lamelle esistenti fornisce un’illuminazione insufficiente per il posto di lavoro. Quindi propone al direttore generale di conoscere i costi di questo nuovo elemento LED e di estrapolarlo al numero di cui avrà bisogno nelle sue stanze.

Cosa fare in caso di parete bagnata nel magazzino?

Ma Stefan Komenda ha un altro problema molto concreto: ha problemi di umidità nell’atrio accanto all’ufficio, dove si trova anche la cella frigorifera: in inverno si accumula sotto il soffitto alto diversi metri su un lato dell’edificio. magazzino. camera. Lì il muro di cemento cellulare sotto il soffitto è così umido che l’intonaco continua a sgretolarsi e a cadere sugli scaffali, anche se è già stata utilizzata una speciale pittura murale.

READ  Come previsto: la Federal Reserve statunitense conferma i tassi di interesse chiave e vede progressi verso una politica monetaria più restrittiva | newsletter

Finora l’azienda ha cercato di risolvere il problema ventilando la stanza nel modo più sistematico possibile, cosa non così semplice quando c’è molta aria umida proveniente dall’esterno, come avviene attualmente. Stefan Komenda ha già ricevuto diversi pareri su questo tema. Finora le raccomandazioni erano di riscaldare la sala con olio, nonché di installare una ventilazione o utilizzare deumidificatori.

I consulenti energetici raccomandano un isolamento aggiuntivo

Dal punto di vista energetico questo non ha senso, dice Michael Schaaf: “Io propendo per l’isolamento”. Isolare il capannone dall’esterno, a lungo termine, costerà comunque all’azienda meno dei costi di riscaldamento di un capannone così grande. Stanza alta. Il consulente energetico controlla inoltre con una termocamera se ci sono punti deboli in cui l’aria calda e umida può fuoriuscire dall’ufficio nell’atrio. La porta tagliafuoco rappresenta le aree problematiche minori: i contorni dei telai della porta appaiono in rosso brillante sullo schermo.

Anche la parete dell’ufficio irradia calore. Ma questo è il caldo secco che non causa problemi di umidità, dice il consulente energetico. Secondo lui però è sensato isolare questa parete anche dal lato del corridoio: semplicemente così si disperde meno calore nell’edificio degli uffici. Consiglia inoltre di appendere un igrometro direttamente nell’area problematica, che può essere letto utilizzando un’app, e quindi di ventilare specificamente attraverso il cancello e le prese d’aria sul tetto se l’umidità in quella zona minaccia di raggiungere il 100% e formare condensa. Inoltre è possibile utilizzare anche un deumidificatore con granuli che legano l’umidità. “Il riscaldamento sarà l’ultima cosa”, dice Michael Schaaf riferendosi alle soluzioni disponibili.

Grande impianto fotovoltaico – o solo piccolo?

Ma se nei prossimi anni il Direttore Generale deciderà di installare sul tetto un nuovo impianto fotovoltaico, la cui energia elettrica potrà essere utilizzata anche direttamente per l’edificio, si apriranno nuove possibilità. Il consulente energetico mostra in un programma software che l’azienda può ospitare fino a 30 kilowatt sul tetto del capannone. Utilizzando un tale sistema, l’azienda potrebbe generare circa 30.000 kilowattora all’anno – quasi sei volte la quantità di elettricità che Genma Europe attualmente utilizza in un anno nel suo sito di Kernen.

Un sistema più piccolo può essere più economico, afferma Michael Schaff. È anche possibile immaginare la divisione in due parti: un’area più piccola contiene unità che forniscono energia elettrica per le vostre esigenze specifiche, mentre il secondo sistema immette direttamente nella rete elettrica. D’altro canto un impianto di grandi dimensioni avrebbe dei vantaggi anche per Kernen: l’azienda dispone già di un’auto elettrica che può essere caricata con la propria elettricità.

READ  Giornata di Borsa Lunedì 22 gennaio 2024

Il nuovo sistema solare avrà molti vantaggi

Secondo Michael Schaaf sarà anche possibile combinare la tecnologia esistente della cella frigorifera, che spesso richiede uno sbrinamento ad alta intensità energetica, con un impianto fotovoltaico: in modo che il ghiaccio venga completamente scongelato quando c’è un eccesso di corrente elettrica. In teoria è anche possibile utilizzare l’elettricità in eccesso per risolvere il problema dell’umidità nel capannone se non è possibile fare a meno del riscaldamento. Se i vostri pannelli solari funzionano bene, un pannello a infrarossi sul tetto può aiutare nella zona della parete interessata, spiega il consulente energetico.

Stefan Komenda sta anche valutando se installare anche una pompa di calore se ha già installato un nuovo impianto solare. Una pompa di calore collegata può assorbire almeno il 20-30% dell’energia necessaria in inverno da un impianto solare, calcola Michael Schaaf. Se nei prossimi anni sarà necessario sostituire una caldaia a gas che ha quasi 20 anni, puoi sicuramente pensarci: “Non sono sempre un sostenitore dell’eliminazione dell’impianto di riscaldamento esistente”.

Le imprese possono quindi partecipare al programma di finanziamento Climate Fit.

Dopo un’ora di visita dell’intero edificio e successivo dibattito finale, l’ispezione energetica è completata. Michael Schaaf troverà alcuni dati per il direttore generale e glieli invierà. Stefan Komenda prende alcuni spunti dalla scansione energetica dell’Energy Caravan. Non lo farà tutto in una volta: “L’idea è di mantenerlo in modo permanente”, afferma Stefan Komenda. In definitiva, ogni procedura è anche un fattore di costo. “Devi pensare quando ha senso.”

Per le aziende che vogliono progredire nel campo della protezione del clima aziendale e del risparmio energetico, l’Agenzia per l’energia Reims-Murr offre anche il programma di finanziamento “Klimafit”: secondo l’agenzia si formano convogli aziendali e i temi della protezione del clima aziendale e Il bilancio dei gas serra e l’efficienza energetica vengono discussi attraverso workshop e consultazioni individuali approfondite.

“Il convoglio aziendale attualmente viaggia a Waiblingen sotto l’egida dell’Agenzia per l’energia. Altri sono in programma.