Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Porsche protesta contro la deforestazione per la pista di prova in Italia

Porsche protesta contro la deforestazione per la pista di prova in Italia

Porsche vuole ampliare la sua pista di prova in Puglia. Per questo dovranno essere tagliati 200 ettari di foreste. Gli ambientalisti in Italia protestano e ora guadagnano consensi anche a Stoccarda.

La casa automobilistica di Stoccarda Porsche sta cercando di espandere la sua pista di prova automobilistica a Nardo, nel sud Italia. Verranno ampliati 200 ettari della foresta storica del Bosco d'Arneo. Ha le dimensioni di circa 300 campi da calcio. C'è stata opposizione al piano di espansione, che costerà circa 450 milioni di euro.






Scarica video (75,6 MB | MP4)

I difensori in Italia hanno raccolto 40.000 firme

Gli ambientalisti locali combattono l’espansione da mesi. Hanno raccolto oltre 40.000 firme per una petizione. Porsche rappresenta l'ampia partecipazione del pubblico che ha avuto luogo sul posto nel progetto. Inoltre, 600 ettari, tre volte la superficie, verranno ripiantati all'interno e all'esterno del sito sperimentale per accogliere gli alberi che verranno abbattuti. L’abbattimento sarà più che compensato e andrà a beneficio della biodiversità: verranno ripiantate complessivamente 1,2 milioni di piante.

Si tratta di posti di lavoro e investimenti in una regione molto povera, quindi l’espansione è un progetto di bene pubblico. Il percorso intrapreso da Porsche nel 2012 è lungo quasi 13 chilometri e circolare. È conosciuto anche come “Anello”. In futuro Porsche vuole testare la guida autonoma e connessa. Antonio Gratis di Porsche Engineering in Italia spiega che l'industria automobilistica non può essere lasciata indietro rispetto all'attuale sviluppo della tecnologia. “Ciò richiede strutture e capacità diverse rispetto al passato. Ecco perché abbiamo bisogno di nuovi modi e laboratori che ci consentano di sviluppare e testare queste nuove tecnologie.”

Guardiano: Semplicemente ripiantare è difficile

A Nardò gli ambientalisti dell'Iniziativa dei cittadini sottolineano che Porsche si sta rendendo le cose troppo facili. Nel Sud Italia il clima è molto secco e piove pochissimo, quindi ci sono comunque problemi con l'acqua: come si fa a far crescere una foresta sostenibile e a mantenere ben curati oltre un milione di giovani alberi? Se il rimboschimento non avrà successo, il danno sarà ancora maggiore. Il risultato sarebbe una vasta terra desolata con accumulo di calore invece che biodiversità e neutralità climatica. Un habitat si sviluppa in un lungo periodo di tempo.

Inoltre, secondo l'iniziativa dei cittadini, è anche possibile ampliare la pista di prova Porsche al di fuori dell'attuale sito – senza abbattere gli alberi. Dato che ora Porsche deve acquistare pezzi di ricambio per coprire le nuove aree forestali, perché non migliorarle? “Questa possibilità non è stata seriamente esplorata”, critica un portavoce dell'iniziativa.

Lotta ora presso la sede Porsche di Stoccarda

Ora a Stoccarda c'è opposizione contro il previsto ampliamento della pista di prova. Martedì pomeriggio gli ambientalisti hanno manifestato davanti alla sede della Porsche a Zuffenhausen.

Alla manifestazione di Zuffenhausen gli oppositori dell’espansione si sono espressi come segue:






La “Porsche Action Coalition Against Environmental and Natural Destruction at Home and Foreign” conferma che la casa automobilistica è spietata quando si tratta di proteggere la natura e il paesaggio – e “tutto a scopo di lucro”.

“Non è vero che per l'ampliamento dell'ippodromo vengono sacrificati più di 200 ettari di boschi di querce!” dice furiosamente un manifestante. È l'unica foresta della Puglia. “Non credo a quello che dice Porsche. La deforestazione è la necessità di nuove tecnologie, penso che sia solo una facciata”, spiega un altro.

Vogliamo che Porsche interrompa le attività che danneggiano l’ambiente.

La coalizione spera che Porsche abbandoni i suoi piani. “Crediamo che distruggere la natura per amore dell'elettromobilità non sia una politica sostenibile nemmeno per Porsche”, ha affermato martedì una manifestazione di protesta a Zuffenhausen.

C'è anche un film sui piani della Porsche in Puglia e sulla lotta contro di essi Qui nella mediateca ARD.

READ  Ancora niente prestito: Benkovic deve tornare in Italia