Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Zona di crisi costiera: l'Italia cerca disperatamente bagnini – Economia

Zona di crisi costiera: l'Italia cerca disperatamente bagnini – Economia

Una volta era così Bagnino, l'eroe dell'estate italiana. Faceva parte del caldo torrido della penisola mediterranea tanto quanto il desiderio di acqua degli italiani. Lo conoscono bene anche generazioni di villeggianti venuti da lontano: il bagnino, abbronzato sopra una canottiera rossa, fischietta per la gioia dei bagnanti sul suo tratto di spiaggia. spiaggia Orologi. L’Italia ora ha un disperato bisogno di 4.000 bagnini per la stagione balneare 2024. Una figura quasi mitica del ragazzo Bagnino Sembra essere in pericolo.

Anche in Italia la mancanza di lavoratori qualificati è un grosso problema. Mancano programmatori, ingegneri meccatronici, professionisti informatici, infermieri, idraulici e medici. La fiorente industria del lusso è attivamente alla ricerca di sarti, orafi e artigiani della pelle. Il ministro italiano del Lavoro, Marina Calderon, ha lamentato che al momento non è possibile coprire più di un milione di posti vacanti. Ora c'è il rischio di interruzione del core business del più importante settore turistico: 15mila operazioni Stabilimenti Balneri Sulla costa mediterranea italiana. Tutto sommato, l’ambita spiaggia è un punto caldo per la carenza di lavoratori qualificati.

Da nessuna parte il mercato del lavoro è più teso a questo riguardo che nell’Adriatico intorno a Rimini, l’epicentro di questa crisi nazionale. Non ci sono progressi nel reclutamento del personale per l’inizio della stagione a maggio. Vainer Nanni, inquilino del Bagno 128 Novello di Rimini, racconta: “Il nostro problema più grande è che nessuno si presenta a noi. Anche gli sforzi dell'Agenzia regionale per il lavoro per attirare candidati attraverso i social network sono stati vani. La sua iniziativa ha solo ricevuto 17 “Mi piace” su Facebook e non è stato condiviso. Nanni dice: “È pagato. Non circa”. L'offerta di lavori estivi è ormai molte volte superiore alla domanda. Per i bagnini abilitati lo stipendio mensile va dai 1.500 ai 1.800 euro, una cifra molto Stipendio interessante per i giovani talenti italiani.

READ  Ciara Ferragni è una famosa influencer e ha tanti problemi

«Oggi nel Paese ci sono pochissimi giovani», lamenta Primo Olivieri

Gli allarmi però non sorprendono. A Pasqua, da alcuni anni, si levano grida di lutto dai 3.270 chilometri di spiagge sabbiose d'Italia. Il cambiamento sociale è la causa della sfortunata situazione. Da un lato è degna di nota l’acuta crisi natatoria in Italia. “Oggi nel Paese ci sono pochissimi giovani”, lamenta Primo Olivieri, responsabile marketing della società di servizi Romagna Spiaggia. Inoltre, i lavoratori stagionali arrivati ​​dall’Europa dell’Est prima della pandemia non sono più tornati in seguito. Il settore del turismo è inoltre sempre più colpito dalla concorrenza dell’industria e del commercio che forniscono occupazione tutto l’anno. Gli stabilimenti balneari perdono un gran numero di iscritti a causa della riorganizzazione dei corsi universitari. Ciò ha portato all'eliminazione della tradizionale pausa semestrale. Naturalmente si dice che le generazioni più giovani non vogliano trascorrere lunghe giornate in spiaggia a 39 gradi. “Molte persone non ne hanno più bisogno perché i loro genitori le sostengono finanziariamente”, dice Olivieri.

Tuttavia, il settore è davvero in difficoltà poiché la domanda di bagnini è in aumento. Dopo diversi rinvii, la normativa, già varata nel 2016, entrerà in vigore dal 1° aprile. Età minima per questo Bagnini Sarà portato a 18 anni e i corsi preparatori obbligatori saranno prolungati tre volte. In futuro anche il test salvavita dovrà essere ripetuto ogni cinque anni. Senza bagnino in abito rosso gli stabilimenti balneari rischiano la chiusura.

Un'idea certamente irrealistica se si considera l'originaria nostalgia degli italiani per il mare, immortalata in “Assuro” di Adriano Celantano e “Mare Mare” di Luca Carboni. Gli inquilini offshore italiani devono escogitare qualcosa per proteggere i loro affari migliori.

READ  L'Italia vuole investire nell'Anno Santo 2025