Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Ponomaryov, un critico di Putin, vuole impadronirsi militarmente del Cremlino

Ponomaryov, un critico di Putin, vuole impadronirsi militarmente del Cremlino

Secondo il critico del Cremlino Ilya Ponomaryov, solo un rovesciamento violento della Russia aiuterebbe. Vede Yevgeny Prigozhin come un modello.

Ilya Ponomaryov ha un obiettivo chiaro: impadronirsi militarmente del Cremlino. L'ex deputato della Duma di Stato, che ora vive in esilio in Ucraina, vede un grande potenziale di opposizione ai suoi piani da parte della popolazione russa. L'oppositore di Putin, che si autodefinisce portavoce del governo russo, afferma: “Secondo me, il 20% del popolo russo sostiene la guerra, il 20% si oppone e il resto è neutrale. Questo 60% è il nostro popolo .” Vedi un gruppo chiamato National Republican Army (NRA). Si tratta presumibilmente di forze paramilitari che vogliono rovesciare Putin e compiere omicidi. Tuttavia, l’importanza di questo gruppo è controversa e non esiste alcuna conferma indipendente della sua attività.

Il politico ed ex imprenditore tecnologico ha lasciato la Russia nel 2016 dopo essere stato accusato di appropriazione indebita, ma ha anche votato contro l'annessione della Crimea e si è scontrato con il regime di Putin. Ora Ponomaryov combatte politicamente fuori dall'Ucraina, mentre allo stesso tempo siede nel parlamento ombra russo, composto da membri dell'opposizione che si incontrano in Polonia. Recentemente ha pubblicato un libro il cui titolo suggerisce che il 48enne non è necessariamente alla ricerca di una soluzione diplomatica: Dovrebbe Putin morire? La storia di come la Russia è diventata una democrazia dopo aver perso contro l'Ucraina. Richiede il rovesciamento di Putin e successive elezioni libere.

Il significato di Ponomaryov non è chiaro

Ha nuovamente chiarito al Mosca Times che il suo obiettivo era il Cremlino. In questo modo la maggioranza dei russi potrà seguire una nuova strada. “Il modo per liberare il loro potenziale è prendere il controllo del Cremlino. Non c'è altro modo. Queste persone ascolteranno chiunque finché saranno al Cremlino”. Inoltre chiarisce che non vuole parlarne. Per Ponomaryov non esiste alternativa ad un colpo di stato con mezzi militari. Secondo lui i russi sono attualmente con le mani legate e non sanno cosa possono fare.

READ  Il più grande pesce d'acqua dolce del mondo catturato nel fiume Mekong: 300 chilo di raggi

È dubbio che lo conoscessero. “Il russo medio non sa molto di ciò che Ponomaryov sta facendo in questo momento perché la propaganda è così forte e non è nell’interesse di Putin promuoverlo o promuoverlo”, ha detto Natia Siscoria, membro associato della Royal United Services. The Institute, un centro di ricerca con sede a Londra affiliato ad Al Jazeera.

Il disertore ha affermato di aver avuto un ruolo negli attacchi di droni a Mosca e negli omicidi. Alcuni esperti ne dubitano, con Roland Oliphant, corrispondente estero capo del Telegraph, che afferma: “Putin non ha esperienza in operazioni militari o segrete. Dipende completamente dagli ucraini. Forse l'Ucraina sarà contenta che lui cerchi di reclamare le corone”. Da Mosca per dieci anni.

“Il tentativo di colpo di stato di Prigozhin è stato la prova di questo concetto.”

Nonostante il fallimento, Ponomaryov ritiene che l’ultimo tentativo di colpo di stato di Yevgeny Prigozhin nel giugno 2023 sia stato positivo. “Perché Prigozhin è stato una prova del nostro concetto. Ha fatto esattamente quello che avevamo detto e ha funzionato. È ancora possibile.” Per Ponomaryov non importa se è sostenuto dalla maggioranza dei russi. Vuole combattere l'apparato di potere dall'alto.

Presunti contatti con combattenti russi

Ma vuole lasciare alle repubbliche l’aspetto che avrà la Russia dopo la presa del potere. Dipende da loro la secessione dalla Federazione Russa.

Lo sostiene, ma non ne è membro. Ha pubblicato la dichiarazione del gruppo sul suo canale YouTube. Ma non vuole dire di più per motivi di riservatezza. Dodici dei suoi amici e colleghi sono stati vittime di attentati durante la sua carriera politica. Quando nel 2017 un membro del parlamento russo venne ucciso mentre si recava a una riunione, il governo di Kiev gli offrì protezione.