Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La magia della Silicon Valley in Uganda: Google, NASA e BMW hanno addestrato l'intelligenza artificiale in Africa

La magia della Silicon Valley in Uganda: Google, NASA e BMW hanno addestrato l'intelligenza artificiale in Africa

Affinché l’auto possa controllarsi da sola, l’intelligenza artificiale deve essere addestrata. Si tratta di un lavoro ad alta intensità di manodopera e spesso viene esternalizzato in paesi a basso salario. In Uganda i dipendenti della startup Sama stanno facendo proprio questo. Alcuni di loro non hanno mai visto un computer prima.

Sullo schermo di un computer è possibile vedere l'interno di un grande magazzino. Il cursore del mouse viene utilizzato per azionare il braccio del robot, che estrae una scatola da uno scaffale e la posiziona su un carrello. Sullo schermo accanto si vede un frutteto ripreso con un drone. Le mele mature dovrebbero ora essere selezionate con un clic del mouse. Con un clic dopo l'altro, al drone viene insegnato a raccogliere solo mele mature.

Gli schermi dei computer sono allineati uno vicino all'altro in un ufficio aperto e buio al piano terra di un edificio di vetro nel centro della capitale ugandese, Kampala. Le tende sono tirate in modo che il sole non ti accechi. Il condizionatore ronza, ma la stanza è ancora soffocante.

150 giovani ugandesi seduti davanti agli schermi. Non se ne parla quasi. È necessaria la concentrazione. Ogni clic del mouse deve essere preciso. Gli ordini provengono da importanti aziende tecnologiche come Meta, che comprende Facebook e WhatsApp, da gruppi di vendita al dettaglio come Walmart e Amazon, e dalla casa automobilistica statunitense Tesla. Tutte queste aziende si affidano sempre più all’intelligenza artificiale (AI) per automatizzare i processi nei magazzini, nei droni o nelle automobili. Ma finché questa intelligenza artificiale non sa a quale segnale stradale dovrebbe dare la precedenza un’auto a guida autonoma o quale mela è matura, verrà addestrata qui in Uganda.

Sama è il nome dell’azienda che ora si sta occupando di questi lavori di formazione sull’intelligenza artificiale ad alta intensità di manodopera in Africa. È una delle tante startup in questo settore sparse in tutto il continente. I suoi clienti sono elencati sul sito web della Sama Foundation: Google, Ford, Walmart, Sony, BMW, eBay, Microsoft, Meta e persino l'agenzia spaziale statunitense NASA.

READ  42 milioni di tonnellate: questo Paese è il più grande consulente di rifiuti in plastica

Proprio accanto puoi leggere la nota “Professione” sul sito. Lì puoi inviare i documenti della tua candidatura online: “Fai parte del nostro team e aiuta a cambiare il mondo”, dice il messaggio. È raro che un'azienda ugandese effettui moduli d'ordine online. Dato il tasso di natalità tra i più alti del mondo e la conseguente massiccia disoccupazione giovanile, la maggior parte delle aziende è sopraffatta dagli ordini. Ma questo fa parte del concetto, spiega Joshua Okello, amministratore delegato dell'Agenzia monetaria dell'Arabia Saudita. Perché vuole espandersi e per farlo ha bisogno di mani diligenti.

Inizia con stile con piante in bottiglia e cannucce colorate

Okello è un ingegnere informatico qualificato. Programmava software come consulente freelance per aziende occidentali per pochi soldi. Oggi gestisce una delle principali società di formazione sull’intelligenza artificiale in Africa. L'alto 34enne siede al tavolo ovale nella piccola sala conferenze. La sede dell'azienda a Kampala è decorata in modo casual, con tessuti colorati alle pareti, vecchie bottiglie di vetro appese al soffitto e piante rampicanti ovunque. La mensa aziendale ha sul tavolo un grande contenitore pieno di lecca-lecca colorati dove ognuno può servirsi liberamente. Una startup elegante che ricorda la Silicon Valley.

Quasi tutti i clienti hanno sede in Nord America ed Europa, ma anche in Israele, dove viene sviluppata principalmente la tecnologia dei droni. Poiché nel mondo occidentale il salario minimo legale è più elevato, le aziende hanno da tempo esternalizzato lavori ad alta intensità di manodopera all’estero. In passato i contratti venivano stipulati con aziende in India o Bangladesh. Ma ora i salari stanno aumentando anche in Asia. In Africa, il salario orario è molto più basso in confronto. In Uganda il salario minimo legale è di circa 2 euro al giorno. L’Uganda è quindi un “luogo eccellente per l’outsourcing”, afferma Okello.

READ  Morte per mina: la morte di un influencer politico russo nel Donbas

La fondatrice di Sama è la giovane imprenditrice americana Laila Jannah, morta nel 2020 all'età di 37 anni. Figlia di immigrati indiani e studentessa di studi africani, l'imprenditrice startup ha aperto le sue prime filiali in India e successivamente in Kenya nel 2008 per esternalizzare il lavoro di programmazione ad alta intensità di manodopera verso paesi a basso salario, creando così opportunità di lavoro per i giovani.

In Uganda, dopo la fine della guerra civile nel nord del paese nel 2012, l'azienda ha iniziato a collaborare con l'organizzazione umanitaria Oxfam nel 2012. Ciò ha portato alla creazione di Sama Today nel 2017. “Portare posti di lavoro invece di aiuti” è l'ideologia di Sama, Okello dice. Circa 400 giovani ugandesi lavorano ora nella città emergente di Gulu, nel nord dell'Uganda. Nel 2019, la Fondazione Sama ha aperto la sua filiale a Kampala e ha impiegato altre 150 persone. Dopo il Kenya, l’Uganda è oggi il secondo pilastro più importante del continente africano. “Possiamo effettivamente insegnare alle persone competenze digitali e creare posti di lavoro”, afferma Okello. Questo è molto meglio che consegnare aiuti.

“Non serve nemmeno il diploma di scuola superiore per quello.”

L’aspetto positivo, secondo l’amministratore delegato dell’Uganda, è che “facciamo tutta la formazione internamente”. Quindi, per addestrare l'intelligenza artificiale di un'auto, di un drone o di un robot a Sama, “non è necessaria alcuna competenza, non è nemmeno necessario avere un diploma di scuola superiore”, dice Okello. “La maggior parte delle persone qui non hanno mai visto un computer in vita loro prima di venire a lavorare con noi.”

Uno dei giovani lavoratori che Sama ha selezionato in anticipo per un colloquio è Bruno Caiza, 30 anni, un candidato modello. Dopo essersi laureato in economia all'Università di Gulu, ha detto che non sapeva dove presentare domanda. La filiale della Sama Company si trova direttamente accanto al campus universitario. “Ero curioso di sapere cosa stesse succedendo lì e un giorno mi sono presentato lì”, dice Caiiza. Con successo: per quattro anni ha insegnato ai robot della Fondazione Sama come raccogliere solo mele mature, per poi diventare il caposquadra. Ora è a capo di 418 persone a Gulu che devono lavorare agli stessi rubinetti in due turni, giorno e notte, ancora e ancora. Tuttavia, per Caiza, questo è “un lavoro davvero ottimo” rispetto ad altri lavori entry-level.

READ  Pechino recluta ex soldati: i piloti occidentali devono aiutare la Cina a batterci! | Politica

Aziende come Sama definiscono le sue attività la “savana africana del silicio” che offre molti buoni posti di lavoro ai giovani. Ma all’analista Nanjira Sambuli sembra tutto troppo bello per essere vero. Kenyan esamina l'impatto degli sviluppi dell'alta tecnologia sulla società africana. Sama dice che è un buon esempio. “Naturalmente c'è un enorme bisogno di posti di lavoro in tutto il continente”, afferma Sambuli. “Ma questi lavori sono significativi? Sono lavori sicuri con prospettive future?”

All’inizio di quest’anno, quattro dipendenti Sama in Kenya hanno intentato una causa contro l’azienda, così come contro i clienti Meta e Facebook, e hanno chiesto al governo di indagare su quelle che la causa definisce condizioni di lavoro “di sfruttamento”. Secondo Sampoli, questo esempio dimostra che “i politici in Africa e l’intera comunità internazionale devono pensare al prezzo al quale tutte queste operazioni lavorative vengono esternalizzate in Africa a prezzi interessanti”.