Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Sciame sismico sul vulcano gigante in Italia – Ricercatori: ‘Evacuerò’

Sciame sismico sul vulcano gigante in Italia – Ricercatori: ‘Evacuerò’

  1. Home page
  2. panorama

Insiste

Uno dei terremoti di massa più lunghi ha regalato agli abitanti del gigantesco vulcano una notte insonne. Lo scienziato consiglia l’evacuazione.

Pozzuoli – Oltre 160 terremoti in 24 ore: è quello che stanno vivendo quasi 500mila abitanti della zona rossa del gigantesco vulcano dei Campi Flegrei, nel sud In Italia Probabilmente non si vedeva da 40 anni. La serie di terremoti è iniziata lunedì 7 maggio alle 16:21 con una magnitudo di 1,6. Una raffica di fuoco è seguita nel primo pomeriggio di martedì, con l’impatto più forte che ha raggiunto la magnitudo 3,2 all’1:46. Questa è stata seguita da altre nove scosse di magnitudo superiore a 1,5 fino a poco dopo le 7 del mattino.

Le scosse si sono poi attenuate fino a cessare alle 14:54, per poi riprendere alle 19:37 con una nuova scossa di magnitudo 2.7. Gli ultimi ricercatori hanno scoperto che quasi tutti i terremoti sono avvenuti a basse profondità sul Monte Olibano È stato identificato come una nuova fonte di rischio re.

Ricercatore al webinar sui terremoti in Italia: ‘Penso che il magma ci sia’

Molti locali hanno raggiunto i limiti della loro intelligenza, come dimostrano gli innumerevoli commenti sui social network. In mezzo a questa situazione è esploso un video in cui gli scienziati discutono sulle cause dei terremoti. Si tratta della registrazione di un webinar scientifico condotto dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) lo scorso 11 marzo, che ha affrontato il fenomeno dei movimenti del suolo causati dal vulcanismo nei campi di flegreina e che è stato ora messo online dall’INGV.

READ  Terremoto in Giappone: una serie di terremoti in Giappone provoca almeno 8 morti

A provocare disordini sono state soprattutto le dichiarazioni del vulcanologo Roberto Scandoni, già docente di fisica dei vulcani all’Università Roma Tre e rappresentante della Commissione Stato Grandi Rischi. Quando la vulcanologa dell’INGV Lucia Pappalardo ha chiesto se ci sarebbe stata presto un’eruzione, Scandone ha risposto: “Credo che ci sia già il magma, questa è la mia opinione riguardo al terremoto e alle alluvioni”. Sollevamento da terra Per quanto riguarda le preoccupazioni, ha detto: “Penso che tutto questo sia dominato dal magma che sta cercando di deformarsi, e man mano che le crepe si apriranno, apparirà più o meno rapidamente”.

Indica sulla mappa una zona di colore rosso più denso dove possono verificarsi fratture e risalite di magma, che possono essere presenti a basse profondità. L’area corrisponde al luogo in cui i recenti terremoti sono stati avvertiti con maggiore forza.

La prossima eruzione di un vulcano gigante in Italia potrebbe durare due anni ed essere esplosiva

Secondo Scandon, è probabile che “il tasso di aumento diminuirà, portando ad una diminuzione dell’attività sismica, e la crisi per il momento finirà”. Questo è stato il caso dopo le recenti crisi sismiche degli anni ’70 e ’80. È anche possibile che una crisi si sviluppi lentamente nel corso di giorni, settimane o mesi, terminando con il rilascio di lava viscosa nella cupola lavica e infine con una potenziale attività esplosiva. «Nessuno ha ancora avanzato questa ipotesi», spiega Scandone.

Secondo il professor Scandon la zona rosso scuro è particolarmente a rischio. ©INGV

Ha sottolineato i duomi lavici creati durante il periodo di attività più lungo tra 4.800 e 3.800 anni fa: la “Cattedrale dell’Accademia”, Monte Olibano e Monte Spina – tutti e tre nelle vicinanze del famoso cratere Solvatara. “L’emissione dalla cupola probabilmente avviene con tempi di flusso piuttosto lenti”, ha continuato Scandone. Ha fornito esempi di altri crateri vulcanici nei campi flegraini dove tali eruzioni sono continuate per due anni. Ha aggiunto: “Ciò non impedisce che la situazione si trasformi in un’eruzione vulcanica nel giro di ore o giorni”.

READ  Come l'Unione Europea si batte per l'adesione dell'Ucraina
Uno sciame di terremoto che dura più di 24 ore tiene in tensione gli abitanti del gigantesco vulcano nei Flygrain Fields.
Dietro le case di Pozzuoli si alzano nubi di vapori di zolfo. © Imago/Napolipress

A quel tempo, sul lato orientale della caldera del supervulcano si verificarono eruzioni con un indice di eruzione compreso tra quattro e cinque. Ciò si colloca a metà strada tra l’eruzione relativamente innocua dell’Eyjafjallajökull del 2010 in Islanda o la devastante eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. Scandon: “Quando ci troviamo in una situazione come quella descritta, la risalita del magma può avvenire molto rapidamente con precursori sismici molto brevi nell’arco di poche ore e precedere un’eruzione vulcanica”.

Gli esperti consigliano: “Se avessi le risorse, evacuerei i campi di flegrano”.

Prosegue l’esperto: «Siamo testimoni di un processo che va avanti da almeno 60-70 anni», spiega Scandoni. “Non so davvero dove connettermi.” Il monitoraggio della caldera nei Campi Flegrei è molto migliore rispetto a 40 o 50 anni fa. Ma: “Un vulcano non sempre si comporta in modo così lineare come vorremmo”. La sua conclusione fu: “Se avessi risorse illimitate, evacuerei i Campi Flegrei”.

«Di questo non ho alcuna certezza», dice delle tesi di Scandrone Giovanni Chiodini, responsabile della ricerca dell’Ingv. chilometri e che questa altezza viene modificata a seconda delle proprietà del magma.

Per Giuseppe Mastrolorenzo, responsabile della ricerca dell’INGV, ciò che accade in un supervulcano non è necessariamente dovuto alla presenza di magma a basse profondità, ma piuttosto alle fluttuazioni del flusso di calore o di fluidi che provengono da una grande camera magmatica, che può trovarsi a una grande profondità. Circa otto chilometri. Ciò include gas e acqua alimentati dal magma a grandi profondità.

Il gigantesco vulcano rimase silenzioso per 3.300 anni, fino al 1538

Questo modello è stato confermato dalla maggior parte dei ricercatori negli ultimi decenni. In effetti, i Campi Flegraini si sono sollevati e abbassati negli ultimi 3.800 anni senza alcuna eruzione, ad eccezione del Monte Nuovo nel 1539 vicino a Pozzuoli, che fu relativamente innocuo.

Le nubi di vapore aumentano i timori di un'eruzione supervulcanica.
Le nubi di vapore del vulcano Solvatara sono attualmente molto alte. © Lisa Mazzella Di Bosco/Facebook

Tuttavia, secondo Mastrolorenzo, questa “non è una tesi che ci protegge dalle eruzioni vulcaniche”. Perché: “Il fatto è che quando il magma esplosivo risale, la velocità di risalita in superficie è generalmente molto rapida”. Ci sono voluti minuti e diverse ore perché si sollevasse dalla camera magmatica a circa otto chilometri di distanza. Mastrolorenzo ne ha avuto uno recentemente Costruisci un parco giochi nei Campi Flegrain Attenzione e I piani di evacuazione sono stati ritenuti inadeguati Criticare.

“Penso che non ci siano prove di magma nei Campi Flegranici”, ha detto Giuseppe Di Natale, direttore senior della ricerca presso l’INGV. Tuttavia, ha dovuto riconoscere la possibilità di un’eruzione se non ci fosse stata un’eruzione di magma a un livello più superficiale essere presenti.