Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

I beta-bloccanti non sono necessari dopo un lieve attacco cardiaco

I beta-bloccanti non sono necessari dopo un lieve attacco cardiaco

  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Insiste

Secondo uno studio condotto in Svezia, la prescrizione abituale di beta-bloccanti è superata per il trattamento di attacchi cardiaci lievi.

FRANCOFORTE – I beta-bloccanti vengono spesso prescritti alle persone che hanno avuto un infarto per prevenire un altro infarto. Alcuni dovrebbero assumere questi farmaci per un periodo limitato, altri per il resto della vita. I beta-bloccanti rappresentano da decenni lo standard terapeutico dopo un infarto. Tuttavia, una nuova ricerca suggerisce che il loro utilizzo offre pochi benefici ai pazienti che hanno attacchi cardiaci meno gravi e hanno una funzione cardiaca normale.

Ciò è particolarmente importante perché questi preparati sono generalmente considerati molto sicuri, ma possono anche essere associati a spiacevoli effetti collaterali come estrema stanchezza, vertigini, depressione, aumento di peso, problemi di circolazione alle mani e ai piedi e disfunzione erettile.

L’assunzione di beta-bloccanti non riduce il rischio di avere un secondo attacco cardiaco

Secondo il Nella rivista specializzata Giornale di medicina del New England Studio pubblicato Secondo un ricercatore svedese, l’assunzione di beta-bloccanti non riduce il rischio di un secondo infarto e non influisce sul tasso di mortalità. Gli scienziati guidati dal cardiologo Thomas Jernberg del Karolinska Institute di Stoccolma hanno reclutato 5.020 donne e uomini che avevano subito un infarto per le analisi. Il 95% di loro è stato curato in 47 diversi centri in Svezia e il resto in Estonia e Nuova Zelanda.

Avevano tutti un tasso di eiaculazione normale. Ciò indica quanto bene il cuore pompa il sangue al resto del corpo. Se il muscolo cardiaco diventa troppo rigido o troppo debole dopo un infarto, non riesce più a pompare il sangue in modo efficace e a rifornire adeguatamente gli organi, nel qual caso si parla di insufficienza cardiaca. Una frazione di eiezione compresa tra il 40 e il 50% è normale; Per i partecipanti allo studio era del 50% o più.

READ  Estate allora, ora riscaldando il panico? Perché questi ricordi ingannano?

I beta-bloccanti sono i farmaci più comuni in tutto il mondo

La metà è stata assegnata in modo casuale a ricevere i beta-bloccanti metoprololo (il farmaco più comune) e bisoprololo; L’altra metà non ha assunto nessuno di questi farmaci. Lo studio non è stato condotto in cieco, il che significa che i partecipanti e i medici curanti sapevano chi stava ricevendo beta-bloccanti e chi no. L’obiettivo era scoprire quanto sarebbe vantaggioso somministrare beta-bloccanti alle persone con attacchi di cuore così “piccoli”.

La condizione fondamentale per evitare i beta-bloccanti: il cuore deve rimanere sufficientemente efficiente. © Imago/Bond5 Immagini

I beta-bloccanti sono una classe di farmaci che sono tra i farmaci più frequentemente prescritti in tutto il mondo. Vengono somministrati per trattare l’ipertensione, la fibrillazione atriale e altri battiti cardiaci irregolari, per l’insufficienza cardiaca e dopo infarti, ma anche per prevenire l’emicrania e come colliri per curare il glaucoma. I beta-bloccanti agiscono bloccando alcuni recettori e inibendo così il rilascio dell’ormone dello stress adrenalina e del neurotrasmettitore norepinefrina, che si traduce in una frequenza cardiaca più rapida. I beta-bloccanti provocano una diminuzione della frequenza cardiaca, alleviando la pressione sul muscolo cardiaco.

Lo studio mostra: l’assunzione di beta-bloccanti non fornisce alcun beneficio significativo

Lo studio è stato condotto tra settembre 2017 e maggio 2023 e, dopo una media di tre anni e mezzo, gli autori hanno esaminato le prestazioni dei partecipanti. Risultato: il 3,9% del gruppo di persone che hanno assunto beta-bloccanti è morto a causa dell’infarto, mentre il 4,1% del gruppo che non ha ricevuto questi farmaci è morto (sono stati presi in considerazione tutti i decessi, non solo quelli). per problemi cardiaci).

Il 4,5% del gruppo beta-bloccante ha avuto un altro attacco cardiaco e il 4,7% del gruppo di controllo ha avuto un altro attacco cardiaco. Non sono state inoltre riscontrate differenze statisticamente significative nella frequenza di insufficienza cardiaca, fibrillazione atriale, ictus o sintomi come mancanza di respiro e dolore toracico. Pertanto, i ricercatori sono giunti alla conclusione che l’assunzione di beta-bloccanti non apporta alcun beneficio significativo a questi pazienti e quindi è possibile evitare potenziali effetti collaterali.

READ  Il buco nero “consuma ogni giorno poco più della massa del Sole”

I risultati ‘mettono in dubbio l’uso routinario dei beta-bloccanti dopo un attacco di cuore’

Questi risultati, secondo un contributo all’attuale studio dell’American College of Cardiology, mettono in discussione “l’uso routinario dei beta-bloccanti in tutti i pazienti dopo un infarto”. Ciò risale a un’epoca precedente all’introduzione di “molte nuove procedure per aprire le arterie bloccate”. Date le opzioni oggi disponibili, circa la metà delle persone non sviluppa insufficienza cardiaca dopo un infarto.

I ricercatori svedesi sottolineano inoltre che la maggior parte degli studi che hanno dimostrato il beneficio dei beta-bloccanti dopo un infarto sono stati condotti in un’epoca in cui molti dei moderni metodi diagnostici e terapeutici comunemente utilizzati oggi non erano ancora disponibili. Il danno al muscolo cardiaco è stato maggiore, ha detto l’autore dello studio Trolls Yendegen dell’Università di Lund (Svezia) in un articolo per l’American College of Cardiology: “Quello che vediamo oggi sono più infarti miocardici, che sono più piccoli e più pericolosi”. “Non influisce così gravemente sul muscolo cardiaco.” Egli ipotizza quindi che “dopo questo studio, molti medici non troveranno alcuna indicazione per trattare routinariamente tutti i loro pazienti dopo un infarto con beta-bloccanti”.

Le linee guida sui farmaci possono cambiare dopo un infarto

Il medico svedese ha dichiarato a Medical News Today che ritiene che le linee guida ora cambieranno e che i beta-bloccanti non saranno più raccomandati ai pazienti con funzione cardiaca normale dopo un infarto. Tuttavia, sottolinea anche che “le prove continuano a supportare i beta-bloccanti per i pazienti con infarto miocardico esteso e insufficienza cardiaca”.

Il cardiologo Bashar Al-Humairi dell’Università del Texas ha confermato la valutazione del suo collega svedese alla rivista medica americana “Health”. Dallo studio emerge che “il trattamento con beta-bloccanti generalmente non dovrebbe essere prescritto a persone che hanno subito un infarto”. Dovrebbero invece essere somministrati individualmente “dopo una valutazione dei benefici e dei rischi”. (bam)