Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L'Union Berlin al cinema: “Potremmo chiamarlo vecchia scuola, ma anche tedesco dell'est”

L'Union Berlin al cinema: “Potremmo chiamarlo vecchia scuola, ma anche tedesco dell'est”

HÈ uno degli stadi più belli della Germania. È stato inaugurato nella città boscosa di Köpenik nel 1920 e nel 2009 il nuovo stadio dell'Alte Försterei, costruito dai tifosi, è stato inaugurato con una partita amichevole contro i vicini Hertha BSC. Oggi l'Union Berlin è il club della capitale del campionato tedesco. Ankaterine Hendel ha accompagnato l'Al-Ittihad per due anni, dal 2021 al 2023, fino alla qualificazione alla Champions League. Il tuo film “Al-Ittihad: il migliore di tutti i giorni” Dimostra come il club sia l'unico nell'est del primo campionato con una storia nel calcio della Germania dell'Est. Christian Arbet, portavoce dello stadio e voce del club, lo spiega così: “Cogli le tue occasioni, poi fallo a modo nostro”.

I ruoli principali nel film non sono Christian Arbeit e il presidente Dirk Zingler, ma Katharina Brendel (responsabile della comunicazione sportiva), Stephanie Vogler (responsabile marketing e vendite) e Susan Coplin (team manager). direttore Ankatrien Hendel È cresciuto a pochi passi dallo stadio. I tuoi film sulla famiglia Brasch, sul poeta Sascha Anderson e su Fleck, il pazzo dei Rammstein, mostrano un Oriente tedesco diverso da quello solitamente mostrato nei film. Conversazione sull'identità allo stadio Alte Försterei, nel Blocco 17.

Ankatrien Hendel, direttrice

Fonte: Martin Farkas

annuncio:
Acquista articoli sportivi più economici con WELT: Buono Decathlon

mondo: Perché un film sull'Union Berlin? Tutti sembrano felici di poter tornare al lavoro in sicurezza dopo il tumulto pubblico degli ultimi quattro anni.

Ankatrien Hendel: In realtà sono più interessato al lavoro e agli affari che al calcio. Abbiamo anche notato all’inizio del 2021 che il nuovo spostamento a destra del centro della società è stato attribuito sempre più all’Est. Ho realizzato molti film sulla storia tedesco-tedesca, dal punto di vista della Germania dell'Est, e mi sono chiesto: cosa c'è di buono, interessante e rilevante nell'Est oggi? Ciò che fa l'1.FC Union è ciò che lo definisce nella Germania dell'Est?

mondo: È la Germania dell’Est?

Handel: Direi di si. Non nel senso che qui lavorano solo i tedeschi dell’Est, e non a lungo termine. Appartengo all'ultima generazione adulta dell'Est, il che significa che ho lavorato nella Repubblica Democratica Tedesca, e quello che ho trovato qui potrebbe forse essere definito collettivista. Molte cose che allora erano concettualmente offensive nella DDR, come la parola solidarietà, sono diventate di nuovo più importanti, cioè tutto ciò che ha a che fare con lo scambio diretto, al di là della supervisione, dei consulenti esterni e così via nelle aziende e nelle aziende rimane ancora. Molto comune. Il tipo di connessione presso Union varia. Le decisioni vengono discusse e poi prese insieme. Puoi chiamarla vecchia scuola, ma anche scuola della Germania dell'Est. Il fatto che molte donne lavorino qui regolarmente e la libertà che hanno di farlo è notevole. Non dicono che noi donne dovremmo anzi… – Lo fanno e basta. Qui, come nella Germania dell'Est, non è niente di speciale. Dove a Berlino è ancora normale essere berlinesi?

mondo: Il film inizia con una partita contro l'Hertha Berlino, che è stata l'inizio della stagione e l'ambientazione del film. Oriente contro Occidente. Lothar Matthäus parla a margine: “L’Oriente è felice, l’Occidente è triste”.

Handel: Ma la parola “Est” non viene menzionata spesso. Nessuno nel film parla della Germania dell'Est, questo è il mio punto di vista. Sì, la parola ritorna nell’inno: “Siamo dell’Oriente, sempre in progresso, fianco a fianco”.

mondo: Ed eccoci di nuovo qui in un grande dibattito: l'Est è un'invenzione della Germania occidentale, come crede Dirk Ochmann, autore del libro best-seller Lipsia? Nello “Sportschau” si affrontano anche Rostock e Uwe nel cosiddetto derby dell'Est. Non esiste il calcio occidentale, esiste il calcio orientale.

Handel: Tuttavia non è questo il tema principale del film, è solo il mio approccio, la mia posizione di partenza.

mondo: Queste qualità includono anche alcuni degli atteggiamenti che l’unione dovrebbe coltivare: umiltà, semplicità, frugalità, adattabilità, realismo e gratitudine. Quanto è est?

Handel: Non lo so, vengo dall'Est. Non trovo che l'Unione sia particolarmente umile, accomodante, frugale e grata. Quello che penso sia la Germania dell'Est: lo facciamo nel modo in cui lo facciamo, e non ci interessa cosa dicono gli altri o cosa pensano di noi. All'Union, per esempio: portare allenatori che non vengono dalla Bundesliga. Inoltre realizzo i miei film come voglio. Non troppo diverso, ma proprio secondo i miei standard.

Lo stadio dell'Alte Försterei nel film

Lo stadio dell'Alte Försterei nel film

Fonte: funziona! Media

mondo: Il film racconta gli anni dal 2021 al 2023. Il retroscena non ha alcun ruolo, i fabbri di Shunewidi, la rivalità con la BFC Dynamo, la controcultura in Oriente e le tragedie degli anni '90. Questo è sempre stato il problema quando si parla di sindacato.

READ  Altre notizie sportive oggi - Italia e Russia completano i quarti di finale della Coppa d'Asia - Sport

Handel: Se ancora non lo sai e vuoi saperlo, puoi scoprire tutto questo molto velocemente. Tutti abbiamo i cellulari. Molti di coloro che guarderanno il film lo sanno comunque. Non voglio sopportare nessuno. Il film vive il momento. Semplicemente non c’era spazio per il passato. Nemmeno io ho fatto interviste. Qualcuno dirà: mi sarebbe piaciuto sapere cosa ha detto l'allenatore Urs Fischer. Ma non sono il tipo da discussioni tecniche sul calcio; I giornalisti sportivi possono farlo meglio. Sostengo il lavoro delle persone lì, compreso il lavoro degli allenatori. Il film racconta la storia dell'Union Berlin.

mondo: Non è un film sugli atleti del club, ma sui dipendenti. Allenatori, direttori atletici e giocatori appaiono solo in disparte, ad eccezione del capitano Christopher Tremmel.

Handel: Christopher Tremmel ha una lunga storia alla Union, che dura da più di dieci anni. Ma non lo sto nemmeno intervistando, lo sto guardando mentre indossa la maschera per scattare foto. Chiedigli qualcosa. Faccio lo stesso con gli altri, compreso il presidente.

Leggi anche

Half-Life di una lega di calcio dell'Unione: il capitano Christopher Tremmel

mondo: Al Bayern Monaco si dice “Mer Saint Mer”, all'Union è la stessa cosa, solo che a Berlino. Dall’esterno l’autosufficienza è vista come una fortezza di carri. C'è molta identità nel sindacato?

Handel: Non mi sentivo affatto così. Anche se la telecamera mi ha sempre infastidito, ho approfondito il club. A me non sembra un vagone ferroviario, ma un'azienda che va a tutta velocità. Sei concentrato sul lavoro, su te stesso, sei nel tunnel. Lo capisco molto bene.

Christopher Tremmel nella maschera

Christopher Tremmel nella maschera

Fonte: funziona! Media

mondo: Ci sono stati momenti in cui è stato detto: “Questo è troppo e non lo faremo?”

Handel: Tuttavia, non volevano un film grafico. Il presidente mi ha chiesto: cosa vuoi veramente? Ho detto direttamente: voglio tutto. Poi il presidente ha detto: Va bene. Naturalmente non mi permetto di fare tutto, ma quando mi metto in mezzo me ne accorgo.

mondo: Il film non è stato approvato dal club?

Handel: Come sempre, ho mostrato il film ai membri del cast che volevano vederlo. Nessuno si è lamentato di nulla, a parte il fatto che il nome del giocatore è stato segnalato per motivi contrattuali. Non è necessario che a tutti piaccia tutto.

READ  Inter Miami: l'ossessione di Messi inizia con un gol da sogno

mondo: Il film sarà proiettato in tutta la Germania. Nonostante il suo successo, l’Union è un club natio con profonde radici a Berlino e non un club globalizzato come il Bayern Monaco e il Borussia Dortmund. Gli unionisti che vivono altrove si autodefiniscono “esilio”.

Handel: Molti che vivono in altre città hanno già ordinato il film al proprio distributore o al cinema. Sarebbe bello se anche i decisori calcistici di Monaco e Dortmund vedessero il film. Ma non è solo un film sul calcio. A Berlino stavo anche guardando un film sul cantiere navale Warnow a Rostock.

Leggi anche

Tutti possono festeggiare: quella dell'Hertha retrocessione è una delle tante, nella primavera del 2010

mondo: Il film si chiude con un successo davvero grande, la qualificazione alla Champions League, prima ancora le grandi trasferte a Napoli e Madrid, prima della crisi della stagione in corso con una lunga serie di partite perse. L'attenzione e il riconoscimento si trasformarono immediatamente in derisione e dispetto.

Handel: Questo non mi ha sorpreso.

mondo: All'improvviso, alla curva degli ospiti, la gente non gridava più: “Al diavolo il sindacato!” Non solo, ma anche “Odiamo la Germania dell'Est!”, E l'Union è tornato al posto in cui apparteneva il piccolo club secondo l'opinione di molti grandi club. Era anti-Oriente?

Handel: Ci sono state chiamate come questa anche la scorsa stagione. Mostriamo sempre i titoli principali del film. Esiste anche l'odio. Per molto tempo l'associazione è stata considerata benigna e innocua per gli altri club. Ma poi l’Unione ha tolto punti e luoghi agli altri. È stato anche bello che l’Unione non fosse più insipida, ma imprevedibile. Ed emozionante.

mondo: Il titolo del film è appropriato per l'Unione? “I giorni migliori”? Non fa parte della nostra immagine di noi stessi goderci anche i giorni brutti come se fossero i migliori?

Handel: È un film sull'ufficio del vecchio guardaboschi e si conclude con lo spostamento dell'ufficio nella casa del guardaboschi in preparazione dell'ampliamento dello stadio. Anche questo era il piano. Nessuno avrebbe previsto che l’Union sarebbe finita in Europa League e Champions League quando ho iniziato a girare il film. Ma è proprio questo il punto: ogni giorno è il giorno più bello. Così come ogni sconfitta viene celebrata come una vittoria, semplicemente perché all'Union fanno così.