Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Oliver Glasner porta i suoi vecchi compagni all’Eintracht Francoforte – il che comporta dei rischi

  • A partire dalThomas Kilchenstein

    Vicino

Il nuovo allenatore del Francoforte Oliver Glasner raccoglie intorno a sé vecchi compagni di cui si fida ciecamente. Questo è ovvio, ma comporta anche dei rischi, come abbiamo visto a Wolfsburg.

FRANCOFORTE – L’assistente perpetuo Armin Reuters Sahn, da anni definita la “madre di tutti gli assistenti allenatori”, ha trascorso un totale di dieci anni come capo allenatore all’Eintracht Francoforte. Inizialmente sotto Friedhelm Funkel, dal 2004 al 2009, e poi di nuovo dal 2016 ad oggi, prima sotto Niko Kovac, e poi con Adi Hutter. Di recente, si è saputo che tre assistenti allenatori hanno aiutato il presidente Christian Bentinger negli ultimi tre anni. Durante questo periodo, Armin Reuters Sahn si rese conto che avrebbero continuato a lavorare insieme professionalmente in futuro e che andavano d’accordo in termini di sport e persone. Qualcosa è cresciuto insieme, e non c’è da meravigliarsi, perché gli allenatori trascorrono molto tempo insieme, che sia sul campo, che si tratti di analisi, video o incontri dei giocatori. A volte più che con le loro famiglie. Qualcosa come saldato insieme. Trasferirsi con gli austriaci al Borussia Mönchengladbach è stata una mossa logica per l’ormai 61enne Reuters.

Qualche tempo fa, la tendenza era che gli allenatori portassero i dipendenti più vicini al loro nuovo datore di lavoro. In passato era per lo più solo un’azienda, ora ci sono almeno due assistenti laboriosi che non si limitano a indossare cappelli. Nel frattempo, gli allenatori sono spesso solo nella sala di monitoraggio durante i moduli di allenamento, mentre il coaching e i contenuti effettivi vengono trasmessi dagli allenatori partecipanti e dai preparatori atletici. Questa divisione del lavoro ha senso in una società di formazione sempre più complessa con per lo più 22-24 giocatori.

READ  I capi del Bayern Monaco incrociano le dita per Nagelsmann vs Dortmund

Il nuovo allenatore del Francoforte Oliver Glasner, 47 anni, che ha un’eccellente reputazione professionale, ha portato a Stadwald anche il suo caro amico, i connazionali Michael Engerschmid, 46 anni, e Ronald Bronmeier, 46 anni, compagni di lunga data. I tre, che hanno firmato contratti con l’Eintracht fino al 2024, hanno giocato e si sono allenati insieme a lungo all’SV Red in Alta Austria. Engerschmid divenne allenatore ad interim e in seguito assistente allenatore quando Glasner era ancora attivo.

Eintracht Francoforte: una squadra nella squadra

Nel 2014, Glasner ha assunto la posizione di allenatore presso SV Ried von Angerschmid. Un anno dopo, i due si sono incontrati di nuovo all’ASK di Linz e da allora non si sono più separati. Negli ultimi sei anni, hanno allenato quasi 250 partite insieme – con successo: LASK li ha portati alla European League, il duo Glasner / Ingerschmid, con il supporto del connazionale Thomas Seiger, che si è preso una pausa, ha guidato la squadra tedesca del Wolfsburg. nella Champions League. Bronmeier, ex giocatore professionista e otto volte nazionale austriaco, noto anche per molti anni Oliver Glasner, ha giocato anche per Reed e ha allenato la squadra LASK, a volte la seconda squadra, ma principalmente le giovanili. Di recente, il 46enne ha allenato il club di seconda divisione Blau-Weiß Linz.

L’allenatore Oliver Glasner si assicura di riunire il maggior numero possibile di persone vicine a sé, persone di cui si fida incondizionatamente e con le quali potrebbe anche essere amico. È chiaro che voi due lavorate insieme intensamente. Devi poter contare sui tuoi compagni attivisti. Inoltre, il 47enne non dovrebbe essere amico della contraddizione.

READ  Spagna e Svezia in parità

Questa unità corre il rischio che il personale addetto alla formazione si isoli e si consideri un’unità separata, alla quale quasi nessun estraneo ha accesso. Secondo gli ambienti informati, questo era un problema al Wolfsburg VFL: i tre austriaci erano visti come un gruppo cospiratorio difficile da raggiungere, nemmeno con consigli ben intenzionati, nemmeno il direttore sportivo Jörg Schmadtke. Si dice che la comunicazione con Glasner sia stata minimamente limitata. Come si diceva, questa cricca viveva a Wolfsburg quasi in un piccolo mondo a sé. A volte sembravano una squadra su una squadra, senza mostrare le loro carte. Questo non è stato ben accolto dal dipartimento sportivo e da parti della squadra; Il capitano della VFL Josuha Guilavogui ha recentemente cantato in pubblico canzoni sporche su Glasner.

Il fatto che a qualcuno piaccia fidarsi dei vecchi compagni in nuove posizioni professionali non si ferma al direttore sportivo: Markus Crouch ha chiamato Timo Harding dal Lipsia come capo del reparto giocatori con licenza e ha nominato Ole Siegel come assistente personale. Il 31enne è stato alla guida del professionista dell’SC Paderborn fino all’estate 2020, il club in cui Krösche ha lavorato per 13 anni. Ti fidi di più della tua gente. (Thomas Kellchenstein)