Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’herpes aumenta il rischio di demenza?  Un nuovo studio fornisce una risposta chiara

L’herpes aumenta il rischio di demenza? Un nuovo studio fornisce una risposta chiara

  1. Home page
  2. mondo

Insiste

Uno studio dell’Università di Uppsala ha dimostrato un legame tra herpes e demenza. Ciò potrebbe fornire un nuovo impulso ai farmaci per la demenza.

Uppsala – Secondo il Ministero federale per la famiglia, gli anziani, le donne e la gioventù, in Germania vivono 1,8 milioni di persone affette da demenza. Secondo il Ministero, questo numero dovrebbe aumentare significativamente entro il 2050, arrivando a 2,8 milioni. In Germania e a livello internazionale si fa molta ricerca sulla demenza per comprendere meglio la malattia, identificare i fattori di rischio e, nel migliore dei casi, trovare un trattamento efficace.

I ricercatori dell’Università di Uppsala sono riusciti a raggiungere questo obiettivo StareDa confermare un altro fattore di rischio: l'infezione da virus dell'herpes simplex (HSV). Nello studio, le persone colpite hanno sviluppato demenza più spesso rispetto ai partecipanti che non erano portatori del virus dell'herpes.

Un nuovo studio dell’Università di Uppsala ha dimostrato un legame tra demenza e infezione da virus dell’herpes. ©BMFUTO/IMAGO

Uno studio mostra un aumento del rischio di demenza nelle persone con herpes

Lo studio conferma così una teoria che già da tempo veniva indagata nella ricerca sulla demenza. E nel novembre 2023, i ricercatori della Columbia University ne hanno presentato uno Stare Che stabiliva una relazione tra herpes e demenza. Ciò è stato ora confermato dallo studio svedese. Tra le persone esaminate nell'ambito dello studio, quelle infette dal virus dell'herpes simplex avevano il doppio del rischio di sviluppare demenza.

“La particolarità di questo studio è che i partecipanti hanno all'incirca la stessa età, il che rende i risultati più affidabili, poiché le differenze di età, che altrimenti sarebbero associate allo sviluppo della demenza, non possono distorcere i risultati”, spiega Erika Festen, che è l'autore principale dello studio in uno comunicato stampa Università di Uppsala. Festein vede i risultati dello studio anche come un’opportunità Ulteriori ricerche su potenziali trattamenti.

READ  Il caffè decaffeinato è davvero migliore del caffè contenente caffeina?

Virus dell'herpes simplex

Esistono più di 200 virus dell'herpes, nove dei quali sono specifici per l'uomo. Il virus dell’herpes simplex (HSV) è probabilmente il più conosciuto. Si presenta in due tipi diversi: tipo 1 e tipo 2.

Virus dell'herpes simplex di tipo 1 (HSV-1) si presenta principalmente come Herpes labiale NB. Si trasmette principalmente attraverso la saliva.
Virus dell'herpes simplex di tipo 2 L'HSV-2 viene trasmesso principalmente attraverso il contatto sessuale ed è la causa più comune di herpes simplex Herpes genitale.

Tuttavia, in linea di principio, entrambi i tipi possono causare sia l'herpes raffreddore che l'herpes genitale. Non esiste un vaccino o un medicinale efficace per combattere il virus dell’herpes simplex. Una volta infettato, porti con te il virus per tutta la vita.

fonte: Centro Helmholtz per la ricerca sulle infezioni

Uno studio sul fattore di rischio per la demenza da herpes potrebbe stimolare la ricerca su nuovi metodi di trattamento

“I risultati potrebbero far avanzare ulteriormente la ricerca sulla demenza per trattare la malattia in una fase precoce utilizzando i comuni farmaci anti-herpesvirus o per prevenire la malattia prima che si verifichi”, ha detto Festen. Sono inoltre necessarie ulteriori ricerche per confermare oltre ogni dubbio che l’infezione da virus dell’herpes simplex è un fattore di rischio per la demenza.

Non è solo il virus dell’herpes che può aumentare la probabilità di sviluppare demenza. Anche altri fattori di rischio possono aumentare il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer o un'altra forma di demenza. Tuttavia, ci sono anche modi per prevenire la demenza. (sp)