Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Varta è a capo di un progetto di ricerca tedesco sulle batterie agli ioni di sodio

Varta è a capo di un progetto di ricerca tedesco sulle batterie agli ioni di sodio

Nel progetto “Developing Sodium Ion Technology for Industrially Scalable Energy Storage” (ENTISE), un consorzio di 15 aziende e università guidate da Varta vuole sviluppare batterie agli ioni di sodio (NIB) come alternativa economica ed ecologica alle batterie agli ioni di sodio . Batterie al litio avanzate. Il Ministero federale della ricerca finanzia il progetto con circa 7,5 milioni di euro. Il ministro federale della Ricerca Bettina Stark-Watzinger ha deciso il finanziamento lo stesso giorno in cui è stata aperta la prima fase di costruzione della produzione di ricerca sulle batterie.

annuncio

IL Il consorzio ENTISE cerca di raggiungere questo obiettivoSviluppare sostanze chimiche cellulari economicamente vantaggiose e convertirle in formati cellulari utilizzabili a livello industriale, in particolare per l’elettromobilità e lo stoccaggio dell’energia. L’obiettivo è migliorare la capacità di stoccaggio e la stabilità del ciclo attraverso nuovi materiali e processi. L’elemento centrale per produrre quantità sufficienti di materiale per campioni e prototipi di laboratorio è la progettazione di celle rotonde. Nella fase finale del progetto verrà creata una piccola serie di celle rotonde che consentiranno la valutazione in applicazioni pratiche. ENTISE mira a fornire celle agli ioni di sodio commerciabili su scala industriale entro la metà del 2027.

I materiali necessari per la produzione sono ampiamente disponibili, facilmente biodegradabili e riciclabili e più economici delle comuni celle al litio ferrofosfato (LFP) o al nichel-manganese cobalto (NMC). Inoltre si caricano più velocemente e funzionano meglio a temperature più basse. Anche i costi per kilowattora di contenuto energetico possono essere inferiori del 20%. Lo svantaggio però è una minore densità energetica e quindi un peso maggiore a parità di contenuto energetico rispetto alle corrispondenti batterie LFP o NMC. Mentre la densità energetica del NIB è compresa tra 120 e 140 Wh/kg, LFP è di circa 200 Wh/kg e NMC è addirittura superiore a 300 Wh/kg.

Anche l’ulteriore sviluppo di un anodo in carbonio amorfo (carbonio duro), che in precedenza portava a perdite significative, sarà probabilmente cruciale per la svolta della tecnologia NIB. CATL e BYD sembrano aver fatto progressi qui.

Mentre in questo paese la ricerca industriale è ancora agli inizi, i produttori cinesi – come il leader del mercato mondiale CATL – hanno già costruito stabilimenti per la produzione industriale di batterie agli ioni di sodio e introdotto le prime auto elettriche: il minivan E10X di JAC, l’auto azienda con batterie NIB Uno dei produttori precedentemente in gran parte sconosciuti è Hina. BYD, il più grande produttore di auto elettriche al mondo, utilizza batterie NIB anche nella sua piccola vettura BYD Seagull, disponibile sul mercato cinese per circa 10.000 euro.

Per Varta, il progetto ENTISE potrebbe arrivare proprio al momento giusto e essere un indicatore per il futuro: un attacco informatico ha costretto il produttore tedesco di batterie a fermare completamente la produzione a febbraio, spingendo ulteriormente il prezzo delle azioni. Secondo Varta sono stati colpiti tutti e cinque i siti produttivi e gestionali. Per motivi di sicurezza i sistemi IT e quindi la produzione sono stati “proattivamente temporaneamente” spenti e disconnessi da Internet.

Inoltre, la domanda di pile a bottone agli ioni di litio, da tempo responsabili del successo dell’azienda, è in calo e la produzione di batterie per veicoli elettrici non sta facendo grandi progressi. È diventato il primo prodotto competitivo di Varta Secondo ZDF mancano ancora anni.


(Fazza)

Alla home page

READ  Le ustioni gravi sono più pericolose per le malattie renali e cardiache