Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’economia russa si trova ora sull’orlo di condizioni simili a quelle vissute dall’Unione Sovietica

L’economia russa si trova ora sull’orlo di condizioni simili a quelle vissute dall’Unione Sovietica

  1. Home page
  2. un lavoro

Insiste

Nonostante la prevista crescita del PIL, la Russia soffre di un’inflazione elevata e di carenze di entrate. Il futuro del finanziamento della guerra rimane incerto.

MOSCA – Nel giro di pochi anni, l’economia russa si è trasformata in un’economia di guerra. Ora dipende completamente dalla produzione e dal commercio di armi Cina e le sue attività in corso nel settore del petrolio e del gas, che continuano a trovare acquirenti nonostante le sanzioni occidentali. Nonostante la Banca Mondiale preveda che quest’anno il PIL potrebbe raggiungere il 3,2%, la situazione economica in Russia non è affatto rosea. Con un’inflazione così elevata, i timori di esproprio e la carenza di manodopera dovuta alla coscrizione forzata, il Paese si trova ad affrontare sfide più grandi che mai.

L’economia russa sta perdendo rilevanza: l’inflazione è ancora elevata

Newsweek I rapporti indicano che l’economia russa subirà una contrazione a partire dal 2025 e poi in modo costante fino alla fine del decennio. Secondo il Fondo Monetario Internazionale il Pil l’anno prossimo non supererà l’1,8%. L’economia di guerra non è un’economia sostenibile e finché il presidente Vladimir Putin continuerà la sua sanguinosa guerra in Ucraina, la dipendenza economica dal conflitto continuerà ad aumentare. Nonostante i significativi aumenti dei tassi di interesse da parte della Banca Centrale Russa lo scorso anno, il tasso di inflazione rimane all’8%. La banca centrale prevede che il tasso di inflazione medio raggiungerà il 4,8% per il 2024.

Resta incerto come Putin intende finanziare la sua guerra dopo il 2024, ha detto l’economista russo Igor Lepsiz in un’intervista a un giornale all’inizio di aprile. Frankfurter Allgemeine Zeitung (FAZ): “A me e ad altri economisti sembra che la Russia sarà ancora in grado di finanziare la guerra quest’anno, ma non è chiaro da dove verranno i soldi”.

READ  Barricate e sparatorie: tensioni nel nord del Kosovo
Il presidente russo Putin non può perdere la guerra in Ucraina. © Pavel Bednyakov/DPA

Le fonti di reddito dello Stato stanno diventando sempre più piccole, cosa che solo ora risulta evidente. Gazprom ne è un esempio, poiché nel 2023 ha registrato perdite per la prima volta nella sua storia. Lo Stato, invece, contrae sempre più debiti, il cui rimborso costituirà un pesante onere per il bilancio nel prossimo futuro. Secondo gli esperti, il problema principale è l’attuale carenza di lavoratori qualificati, aggravata dalla mobilitazione in Russia. “Lo Stato sta espandendo il settore degli armamenti, che poi prende il sopravvento come un cancro sulle cellule sane dell’economia civile”, dice Igor Lepsiz.

Putin farà tutto ciò che è in suo potere per vincere la guerra contro l’Ucraina

Lipsez si aspetta che Putin e la sua struttura di potere facciano tutto ciò che è in loro potere per continuare a raccogliere fondi per la guerra in Ucraina, anche se ciò significa far crollare il sistema finanziario o tagliare le pensioni della popolazione. Secondo Lepsis le pensioni non sono ancora state adeguate come dovrebbero a causa dell’elevato tasso di inflazione.

Vasiliy Astrov del Vienna Institute for International Economic Studies (WIIW) condivide questa valutazione. Crede che Putin troverà sempre un modo per continuare la guerra. “Putin non rimarrà senza soldi per la guerra”, ha detto la settimana scorsa l’esperto russo. Astrov ha aggiunto: “Per l’economia russa, la domanda è cosa accadrà dopo la guerra, perché attualmente dipende completamente da essa”.

A causa della carenza di manodopera qualificata e dell’economia di guerra controllata dallo Stato, lo scorso anno i salari reali in Russia sono aumentati di circa l’8%, mentre i consumi privati ​​sono aumentati del 6,5%, secondo il rapporto dell’istituto specializzato in Europa dell’Est.

READ  Guerra in Ucraina: Lavrov minaccia di attaccare le forniture di armi e avverte della terza guerra mondiale

Economia russa: Putin accetta i sacrifici

Tuttavia Igor Lepsiz non crede che qualcosa cambierà al potere di Putin se i problemi economici diventeranno più evidenti tra la popolazione. “Qualsiasi deterioramento della situazione economica non porterà a proteste di massa. Anche se il cibo non si potrà più comprare se non con i francobolli, come è successo in Unione Sovietica, cosa che credo diventerà presto possibile, la gente lo sopporterà. Poi la gente muore di fame, i pensionati prendono solo medicine a buon mercato e semplicemente muoiono. Ha detto alla radio che la situazione politica non cambierà aveva vinto.