Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

I soldati chiedono solidarietà a Putin

I soldati chiedono solidarietà a Putin

  1. Home page
  2. Politica

Si lamentano delle frequenti operazioni suicide: i soldati russi stanno perdendo fiducia nella leadership militare; Tuttavia, appaiono sempre le presunte prove video. © Imago/Bulkin Sergey

I russi avvertono un trattamento disumano, l’Ucraina definisce il suo capo dell’esercito un “macellaio” e i guerrieri implorano pietà in un nuovo video.

NOVOMIKHILEVKA – “Il nostro ordine ci tratta come carne”, dice il soldato non identificato nella traduzione che appare. Il russo si lamenta in un videoclip t in linea Sulle condizioni insostenibili che esistono Vladimir Putin Le sue forze d'invasione Guerra in Ucraina ragionevole. Si tratta di un grido di aiuto, come chiarisce la voce fuori campo dello speaker. Russia Bruciando sistematicamente i suoi soldati, una dichiarazione inespressa che riecheggia in sottofondo. Nel video, 21 soldati della 155a Brigata Marina delle Forze Armate russe condannano le decisioni dei loro comandanti di spingerli a compiere missioni suicide. Poiché gli uomini temevano per la propria vita, si rintanarono in uno scantinato da qualche parte nella zona Ucraina – Ora speriamo di aiutarti.

Questo video è l'ultimo di tanti che accompagnano quotidianamente la vita di guerra, che prosegue ormai da due anni. Le fonti sono in gran parte sconosciute, i presunti fatti non sono verificati e gli eroi sono raramente menzionati per nome. Questi video fanno parte della guerra e i promotori in uniforme di entrambe le parti svolgono un ruolo nella vittoria delle loro forze tanto quanto i loro compagni combattenti nelle trincee. La sofferenza delle persone in lotta tra loro e le immagini che inondano l'Occidente sono talvolta due cose diverse – e devono necessariamente essere viste separatamente.

Indubbiamente, questa guerra rende facile per gli osservatori essere tentati di seguire la rappresentazione dell’Ucraina – un fatto che viene rapidamente messo in secondo piano da notizie apparentemente obiettive. Gli ucraini combattono per la sopravvivenza del loro Paese contro uno schiacciante potere tirannico che si comporta con grande brutalità Metro dopo metro l’Ucraina rischia di essere inghiottita. In un simile conflitto tra Davide e Golia, gli osservatori tendono a prendere la parte più debole. La parte russa perde credibilità anche a causa di evidenti menzogne, ad esempio quando afferma di non attaccare i civili o quando dichiara di voler “ripulire” l’Ucraina dal nazismo come casus belli.

READ  L'Ucraina parla di "antisemitismo profondamente radicato"

“Non ci vedono come persone”, si lamentano i soldati nel video.

Il video mira a fare appello alla leadership militare russa, o meglio ad etichettare chiaramente la leadership russa come disumana. “Non ci vedono come persone. Hanno creato unità d'assedio e i cecchini si sono mossi contro di noi. Vogliamo lanciare un appello collettivo a tutte le unità per fermare tutto questo una volta per tutte”, dice il portavoce del gruppo. “La prima vittima di un la guerra d'aggressione è sempre la verità – e questa frase è vera fin dai tempi antichi”. Sulla rivista e Impulso 24 D'altro canto, la giornalista austriaca Ingrid Brudnig promuove una visione ampia e scettica nei confronti dei presunti video provenienti da zone di guerra. Cita il contenuto emotivo o sorprendente dei video condivisi come evidenti segnali di allarme. “Più la registrazione è drammatica, più bisogna stare attenti”, ha avvertito Brodning. Nessuna foto, video o messaggio viene condiviso per caso.

Nell'ultimo rapporto video, i soldati hanno menzionato operazioni che assomigliano a una missione suicida. Furono mandati in battaglia senza equipaggiamento, armi e munizioni sufficienti. “Non è stata effettuata alcuna evacuazione dei feriti. Alcuni sono riusciti a fuggire in modi diversi ma sempre avventurosi. Quelli che tornavano venivano rimandati in battaglia armati di coltelli. Senza armi da fuoco. Il nostro ordine dice che siamo carne, ripete il soldato russo. La crisi quello che sta vivendo l'esercito di Vladimir Putin è antico quanto la guerra stessa.

Alla fine dello scorso anno, disertori russi uccisero il loro comandante e fuggirono dalla Crimea: diversi soldati della 20a divisione fucilieri a motore, che apparteneva all'8a armata nel sud della Russia, avrebbero disertato e ferito gravemente il vice comandante del reggimento che lui… è morto dopo in breve tempo. Lo hanno riferito diversi media indipendenti, citando l'intelligence ucraina, senza fornire ulteriori dettagli. La 20a divisione di fucilieri a motore era di stanza in quel momento nella Crimea occupata e il trattamento riservato ai soldati comuni indubbiamente attraversava l'intero esercito invasore.

READ  Jill Biden abbellisce la copertina del nuovo magazine Vogue

Vita quotidiana dei soldati: gravi molestie nei confronti dei soldati più giovani da parte dei soldati più anziani

Christian Goebel, tenente colonnello di riserva Centro di storia militare e scienze sociali A Potsdam nel podcast tedesco chiedere informazioni: “Purtroppo in Russia, ad esempio, esiste ancora la cosiddetta “Dedowtschina” (“Regola del Nonno”), che si riferisce a gravi molestie nei confronti dei soldati più giovani da parte dei soldati più anziani; gli ufficiali maltrattano anche i loro subordinati “Esiste un regime violento in generale, e i soldati si maltrattano a vicenda; bisogna vincere l’obbedienza del cadavere”.

Andreas Ruesch sottolinea l'immagine umana della leadership militare russa Nuovo giornale di Zurigo“La Russia tratta le sue truppe come spazzatura, come soldati sacrificabili”. Ciò a sua volta dà ai difensori un enorme stimolo psicologico, come spiega Reisner: “Le forze del presidente sono motivate”. Volodymyr Zelenskij Ha un vantaggio, come ha dimostrato il corso della guerra. Dopotutto, gli uomini e le donne dell’esercito ucraino difendono le loro case e la vita delle loro famiglie – sanno esattamente per cosa stanno combattendo. Gli esperti sono unanimemente convinti che i soldati russi in prima linea non siano molto utili per raggiungere gli obiettivi bellici di Vladimir Putin.

La realtà in Russia: il regime autoritario di Vladimir Putin resta radicato

Nonostante ciò, il regime autoritario di Vladimir Putin sembra finora ben consolidato e il suo popolo sembra sostenerlo. Nonostante tutte le buone intenzioni, il contrattacco finora è stato un fallimento. Pertanto, la partenza delle nostre forze armate rappresenta una sfida. Russia e Ucraina stanno litigando sulla definizione del termine libertà come motivo di uccidere e morire – sia il dittatore che la parte ucraina lo definiscono individualmente – ma sempre con la giustificazione di lottare per la libertà del loro popolo.

I video sono il metodo preferito e i social media hanno partner tecnici disposti a intervenire: la voce del presunto guerriero anonimo della città di Novomikhylivka suscita sicuramente simpatia; Se il video debba essere messo in scena o reale.

READ  Poliziotto di Londra accusato di nuovo di stupro

Ciò che conta in guerra, nonostante tutta la tecnologia, è la discrezione individuale, che la dottrina militare russa ignora completamente; Come il politologo Herfried Münkler in Frankfurter Allgemeine Zeitung il libro Soldati Lo storico militare Sönke Neitzel riassume: “Non sono le ideologie politiche, ma le esperienze di piccoli gruppi che determinano l'efficacia in combattimento dei soldati, la loro volontà di uccidere e la loro capacità di perseverare. Oltre alla fiducia nella competenza degli ufficiali, è al di sopra tutta l'esperienza del cameratismo che unisce la forza”. Ciò gli permette di continuare a combattere anche quando la situazione politico-militare è diventata senza speranza.

Nuovo comandante dell’esercito ucraino: “Il generale che chiamano “il macellaio”

Tuttavia, anche l’approccio più umano nei confronti degli altri non può nascondere il fatto che il sistema militare è strutturalmente disumano perché è progettato per essere in grado di sostituire istantaneamente un singolo soldato con un altro – eventualmente finché almeno un soldato rimane dopo la battaglia. Chi sia non ha importanza. In effetti, il soldato americano nella seconda guerra mondiale aveva poco valore, almeno linguisticamente, oltre alla sua presenza fisica. L'abbreviazione comune “GI” era semplicemente la forma abbreviata di “Government Issue”, il nome di un piccolo ingranaggio nell'apparato del potere. Parte usurata, per così dire.

Forse i brontolanti soldati russi avrebbero potuto sopportare meglio il fuoco costante e il pericolo mortale di un contrattacco se almeno valesse la pena di farlo. Ma per permettere alla libertà di prosperare, i russi in particolare ricorrono alla coercizione – contro il mondo esterno e internamente attraverso i loro superiori. La libertà è un’arma a doppio taglio al servizio della propaganda. Molto spesso una persona lo capisce solo discutendone con qualcun altro.

L’ex comandante dell’esercito ucraino, Valery Zalushnyj, potrebbe aver esteso eccessivamente la sua libertà d’azione e potrebbe aver mancato di solidità nel dirigere la battaglia; In ogni caso, gli obiettivi desiderati dell'attacco al suolo sono stati mancati. Tuttavia, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha ora sostituito il soldato di grado più alto del suo governo. Allo stesso tempo, il presidente ha chiesto nuovo rigore nella mobilitazione e nel reclutamento dei soldati. Oleksandr Sersky è il nuovo comandante supremo delle forze armate ucraine. La Russia dovrebbe essere in ginocchio. “Molte persone pensano che sia spietato e dicono: 'Metti i soldati in un tritacarne'”, dice. Specchio E prega affinché lo faccia “Il Generale lo chiama 'Il Macellaio'.” (Carsten Hinzmann)