Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Ucraina: Macron è convinto della possibilità di utilizzare forze di terra

Ucraina: Macron è convinto della possibilità di utilizzare forze di terra

HSi è trattato di una violazione del tabù che ha oscurato la conferenza sugli aiuti all’Ucraina di febbraio: il presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato apertamente di non escludere esplicitamente l’impiego delle forze di terra occidentali in Ucraina. Su questo tema, ha spiegato, gli europei non sono d’accordo, soprattutto Parigi e Berlino.

In una dichiarazione pubblicata oggi, giovedì Intervista alla rivista The Economist Macron ha riacceso il dibattito. “Se i russi penetrano in prima linea e se l’Ucraina lo chiede – cosa che finora non ha fatto – allora dovremo giustamente porci questa domanda”, ha detto Macron riguardo allo spiegamento delle forze di terra. La Francia è un Paese che ha inviato più volte le sue forze su richiesta di altri Stati sovrani, ad esempio nella lotta al terrorismo nella regione del Sahel.

Macron ha continuato dicendo che escludere qualcosa in anticipo significa non imparare alcuna lezione dagli ultimi due anni. “Al vertice della NATO dell’estate del 2022, abbiamo tutti escluso la consegna di carri armati, missili per acque profonde e aerei. Lo stiamo facendo tutti adesso, quindi sarebbe sbagliato tralasciare il resto.

Leggi anche

“neutralità permanente”

Macron ha dichiarato: “Non escludo nulla perché ci troviamo di fronte a coloro che non escludono nulla”, riferendosi al presidente russo Vladimir Putin. E ha continuato: “La nostra credibilità dipende anche da una certa capacità di deterrenza non rivelando ciò che faremo o non faremo”. La reazione aggressiva della Russia alle sue dichiarazioni sull’invio di forze di terra occidentali ha dimostrato che questa posizione stava già avendo un impatto.

Giovedì c’è stata una reazione immediata da parte dell’Ungheria. “Se un membro della NATO utilizza forze di terra (in Ucraina), si tratterà di uno scontro diretto tra NATO e Russia e quindi di una terza guerra mondiale”, ha detto alla radio LCI il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjártó.

READ  Dopo la richiesta del Toro nella guerra in Ucraina, Medvedev minaccia di bombardare le fabbriche tedesche

L’ambiguità strategica contraddice la politica di Schulz nei confronti dell’Ucraina

Per Macron, il potenziale dispiegamento di forze di terra è espressione di ambiguità strategica. Questo approccio significa quasi che non permetti a nessuno di vedere i tuoi documenti, non escludi nulla e non tracci linee rosse. Ciò contraddice la politica ucraina perseguita dal cancelliere Olaf Scholz (SPD) e dal governo federale. Schulz ha giustificato la sua posizione negativa sull’impiego dei missili da crociera Taurus a lungo raggio affermando che l’impiego dei missili Taurus non sarebbe possibile senza la partecipazione dei soldati tedeschi. Il governo federale descrive inoltre dettagliatamente il sostegno ricevuto dall’Ucraina dallo scoppio della guerra.

Considerate queste diverse scuole di pensiero tra Berlino e Parigi, non sorprende che Macron abbia apertamente elogiato gli altri paesi in un’intervista all’Economist. “Oggi accolgo con favore l’impegno molto forte, soprattutto da parte di canadesi e americani, insieme ai britannici e ai membri dell’Unione europea”, ha detto Macron, riferendosi agli annunci fatti dai capi di Stato e di governo alla conferenza filo-ucraina di febbraio 26. Concessione.

Leggi anche

Stefan Sigourney è stato membro del Parlamento europeo dal 2019 fino alla sua nomina a ministro degli Esteri a gennaio.

Ministro degli Esteri francese

Insieme hanno deciso di produrre anche in Ucraina, addestrare soldati in Ucraina, proteggere meglio i confini con Bielorussia e Moldavia, nonché effettuare manutenzione sul territorio ucraino. Macron ha detto che esiste anche una nuova alleanza per la fornitura di missili a medio raggio, senza specificare questo punto. È noto che gli Stati Uniti stanno ora fornendo all’Ucraina missili ATACMS che possono volare fino a 300 chilometri. Secondo la definizione internazionale, i missili a medio raggio hanno una gittata di almeno 1.000 chilometri.

Gran parte dell’intervista ruota attorno alle idee sull’”autonomia strategica” dell’Europa. Sette anni fa, Macron coniò per la prima volta il termine in un discorso all’Università della Sorbona di Parigi. Con la guerra in Ucraina, anche Berlino e altre capitali si sono rese conto che l’Europa deve prendersi cura della propria sicurezza, compresa la deterrenza nucleare.

READ  Il ministro degli Esteri russo Lavrov è sbalordito dal "sangue ebreo di Hitler" - Israele è arrabbiato

“La deterrenza è l’essenza della sovranità”, ha detto Macron all’Economist. Accoglie quindi con favore le considerazioni della Germania sulla creazione di uno scudo europeo di difesa antimissile, al quale la Francia non ha ancora aderito, o della Polonia sullo spiegamento delle armi nucleari della NATO nel paese. Macron ha sottolineato: “Noi europei dobbiamo sederci al tavolo per creare un quadro coerente”. L’obiettivo è costruire una garanzia di sicurezza per ogni Paese europeo. Dovrebbero essere presi in considerazione anche gli Stati non membri dell’UE, come la Gran Bretagna e la Norvegia.

Macron sulla politica economica cinese: “Non volevamo vedere una cosa del genere”

Macron ha anche condiviso i suoi pensieri sulla Cina. Lunedì e martedì è prevista la visita del presidente Xi Jinping a Parigi. Macron ha detto che convincerà Xi a sostenere un “cessate il fuoco olimpico” durante le Olimpiadi estive di Parigi. Le Nazioni Unite hanno accettato una richiesta simile avanzata dalla Francia a novembre.

“È nel nostro interesse garantire l’impegno della Cina per la stabilità del sistema internazionale”, ha affermato Macron. La Russia come forza destabilizzante, il Medio Oriente che scivola nel caos o l’Iran capace di dotarsi di armi nucleari: niente di tutto ciò è oggi nell’interesse della Cina. “È quindi necessario lavorare con la Cina per raggiungere la pace”.

Leggi anche

Xiaomi SU7

Ma quando si tratta di politica economica, Macron probabilmente cercherà di esercitare pressioni su Xi. La Commissione Europea sta attualmente conducendo un’indagine formale antisovvenzioni perché la Cina sembra stia spingendo la capacità in eccesso di veicoli elettrici sovvenzionati nel mercato europeo. L’industria automobilistica tedesca, in particolare, è critica nei confronti delle tariffe potenzialmente punitive – comprese quelle retroattive – perché teme ritorsioni in Cina.

READ  Conflitto in Medio Oriente nei Paesi Bassi: nessuna escalation, per favore

Gli americani hanno smesso di cercare di vincolare la Cina alle regole del commercio internazionale. “Hanno risposto da soli”, ha detto Macron, riferendosi all’Inflation Reduction Act, un massiccio pacchetto di sostegno del presidente americano Joe Biden. “Noi europei non volevamo vederlo. Questo è un grosso errore”, ha affermato Macron, invitando nuovamente l’Europa a utilizzare i sussidi per costruire i suoi campioni nella mobilità elettrica, nell’energia eolica e nell’intelligenza artificiale.

Macron parla di un accordo con la Merkel

L’Europa si considerava un mercato aperto e viveva di conseguenza. Credevamo che la strategia corretta per trattenere le persone dal punto di vista strategico e geopolitico fosse il commercio. “La Russia ci ha mostrato il contrario”, ha detto Macron.

Ha fatto riferimento all’accordo concluso con Angela Merkel nel 2018. All’epoca c’era un accordo con la cancelliera Angela Merkel in cui lui abbandonava il blocco contro Nord Stream 2 e la Merkel abbandonava il blocco dell’energia nucleare. Nel 2021 la Merkel ha accettato di classificare l’energia nucleare come una tecnologia verde a livello dell’Unione Europea.

Qui troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell’articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

La settimana scorsa, Macron ha dipinto una visione desolante per l’Europa in un discorso alla Sorbona. Ha aggiunto: “L’Europa potrebbe morire”. Un tono simile è stato usato nell’Economist, anche se in modo meno deciso.

“Se noi europei vogliamo avere un impatto nel mondo, dobbiamo essere più creativi e ambiziosi degli altri, perché ci mancano due cose fondamentali: non abbiamo i dati demografici e non abbiamo l’energia”, Macron “Dobbiamo raddoppiare i nostri sforzi. Dobbiamo raddoppiare le nostre ambizioni. Gli europei sono più ricchi di quanto pensano, ma non hanno utilizzato saggiamente il loro capitale. “C’è motivo di ottimismo mentre andiamo avanti insieme”.