Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Attacco al ponte di Crimea: la Russia minaccia “ritorsioni devastanti”

Attacco al ponte di Crimea: la Russia minaccia “ritorsioni devastanti”

Durante l’attacco al ponte di Crimea
La Russia minaccia “ritorsioni devastanti”

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

Il ponte di Crimea vicino a Kerch svolge un ruolo importante nella logistica delle forze russe in Ucraina. Mosca si aspetta che nei prossimi giorni l’Ucraina lanci un attacco al maestoso palazzo di Putin e ne minaccia le conseguenze.

La Russia ha avvertito di un “devastante attacco di ritorsione” se l’Ucraina attaccasse la Crimea o il ponte di Crimea con il sostegno occidentale. La portavoce del Ministero degli Esteri Maria Zakharova ha dichiarato a Mosca in una conferenza stampa: “Vorrei avvertire ancora una volta Washington, Londra e Bruxelles che qualsiasi azione aggressiva contro la Crimea non solo sarà destinata al fallimento, ma sarà anche accolta con una devastante ritorsione”. .” Nella capitale russa.

Negli ultimi giorni, le forze armate ucraine sono state osservate mentre utilizzavano diversi missili ATACMS contro la Crimea. Zakharova ha dichiarato: “Secondo il Ministero della Difesa russo, tutti i missili lanciati sono stati distrutti”. Ha espresso dubbi sul fatto che il governo di Kiev stesse pianificando un grande attacco prima o il 9 maggio. In questo giorno la Russia celebra la vittoria dell’Unione Sovietica sulla Germania nella Seconda Guerra Mondiale.

Attacchi ai sistemi antiaerei

Martedì il Ministero della Difesa russo ha annunciato di aver intercettato sei missili ATACMS sulla penisola di Crimea. Tuttavia, i media indipendenti hanno riferito di attacchi contro tre basi militari nella penisola. Gli attacchi miravano a contrastare i sistemi di difesa aerea russi.

Il portale Internet indipendente Astra ha riferito che è scoppiato un incendio durante un attacco a una postazione antiaerea vicino a Simferopoli. Anche l’aeroporto di Djankoy, dove hanno sede il reggimento di elicotteri e le forze di difesa antiaerea, è stato preso di mira. Secondo Astra, quattro soldati sono rimasti feriti in un attacco ad una struttura militare nella regione di Chornomorsky, a nord-ovest della penisola. Gli Stati Uniti avevano annunciato che avrebbero consegnato all’Ucraina anche missili ATACMS a lungo raggio come parte del nuovo pacchetto di armi. Nelle consegne precedenti, la sua autonomia era limitata a 165 km.

Il ponte di Crimea vicino a Kerch, aperto dal presidente del Cremlino Vladimir Putin nel 2018, collega la Russia meridionale alla penisola annessa in violazione del diritto internazionale e costituisce un’importante via di rifornimento per le associazioni russe nell’Ucraina meridionale. Alla fine di ottobre 2022 un’esplosione ha fermato il traffico sul ponte per diversi mesi. Successivamente seguirono attacchi di droni e missili marini. Kiev ha più volte sottolineato di voler liberare la penisola.

READ  Controversia sul fallimento dell'accordo sottomarino: Von der Leyen: il trattamento della Francia "inaccettabile"