Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Trump perde appello e 83 milioni di dollari

Trump perde appello e 83 milioni di dollari

  1. Home page
  2. Politica

Donald Trump dovrebbe pagare lo scrittore americano E. Jane Carroll ha ricevuto un risarcimento di 83 milioni di dollari. Ciò potrebbe distruggere l’ex presidente degli Stati Uniti.

Aggiornamento dal 27 gennaio alle 10:50: Nel frattempo, E. Jane Carroll ha salutato la sentenza contro Donald Trump come “una grande vittoria per ogni donna che si rialza quando viene spinta giù e una grande sconfitta per ogni tiranno che ha cercato di tenere sottomesse le donne”.

In un primo processo lo scorso anno, Trump è stato condannato a pagare 5 milioni di dollari a titolo di risarcimento danni per violenza sessuale e diffamazione della giornalista. Carroll ha citato in giudizio Trump due volte, motivo per cui ci sono state due cause legali.

In questo diagramma dell'aula di tribunale, l'avvocato Alina Haba indica il suo cliente, l'ex presidente Donald Trump, mentre espone la sua argomentazione conclusiva davanti alla giuria. © Elizabeth Williams/DPA

L'80enne accusa Trump di averla violentata nel camerino del grande magazzino di lusso Bergdorf Goodman a New York nel 1996. L'editorialista della rivista Elle ha reso pubbliche le sue accuse per la prima volta nel 2019, quando Trump era presidente. Il repubblicano ha poi accusato Carroll di mentire e ha detto che non era “il suo tipo”.

Processo Trump contro Carroll a New York: l'ex presidente parla di 'caccia alle streghe'

Aggiornamento dal 27 gennaio alle 9:00: La sentenza contro Donald Trump è stata celebrata dagli oppositori dell'ex presidente, analizzata da esperti legali e aspramente criticata dal presunto candidato repubblicano per il 2024 alla Casa Bianca e dai suoi fedeli sostenitori.

Trump ha definito la sentenza “assolutamente ridicola” e ha affermato che faceva parte della “caccia alle streghe” di Joe Biden contro “me e il Partito Repubblicano” – anche se la questione è una causa privata contro Trump.

READ  Corona in Gran Bretagna: l'alternativa indiana riduce il rischio di estinzione

Dal suo aereo, mentre gli avvocati di Carroll stavano ancora parlando, Trump ha scritto sulla sua piattaforma Social Truth: “Assolutamente ridicolo!” Sono assolutamente in disaccordo con entrambe le sentenze e farò appello alla caccia alle streghe di Biden contro di me e contro il Partito Repubblicano. Il nostro sistema legale è fuori controllo e viene utilizzato come arma politica. Ci hanno tolto tutti i diritti del Primo Emendamento. Questa non è l'America!

Processo a Trump a New York: “Una grande vittoria per ogni donna”

Aggiornamento del 27 gennaio, 5:15: La giuria composta da sette uomini e due donne in un tribunale di New York ha impiegato circa due ore per prendere una decisione: il verdetto afferma che Donald Trump ha agito “maliziosamente” con i suoi commenti su Carroll Agenzia di stampa tedesca modello.

Gli avvocati di Carroll hanno sostenuto che solo una grossa somma di denaro potrebbe impedire a Trump di continuare ad attaccare verbalmente l'autore. “Questa è una grande vittoria per ogni donna che si alza quando viene messa sotto pressione, e una grande sconfitta per ogni bullo che ha cercato di tenere a bada le donne”, ha detto Carroll dopo l'annuncio della decisione. Trump ha definito la sentenza “assolutamente ridicola” sulla piattaforma online Truth Social, da lui co-fondata. Il suo avvocato, Alina Haba, ha annunciato che farà ricorso contro la sentenza.

Processo Trump a New York: l'ex presidente interrompe il processo

Prima dell'inizio del secondo processo, il giudice Lewis Kaplan ha stabilito che i successivi commenti di Trump erano diffamatori. La giuria ora doveva solo decidere quale risarcimento Trump avrebbe dovuto pagare. Gli 83,3 milioni di dollari consistono in 7,3 milioni di dollari in danni compensativi, 11 milioni di dollari in danni per l'Author Reputation Repair Program e 65 milioni di dollari in cosiddetti danni punitivi, che puniranno il condannato e lo dissuaderanno da comportamenti futuri. Egli dovrebbe.

READ  Danimarca: donna incinta accoltellata - il feto sopravvive | Notizia

Trump è comparso di persona più volte al secondo processo – a differenza del primo, al quale non ha nemmeno assistito – e si è fatto notare in modo allarmante dai tanti pareri pendenti, motivo per cui il giudice ha nel frattempo minacciato di squalificarlo. Venerdì, durante le discussioni conclusive, Trump ha inaspettatamente lasciato temporaneamente la stanza senza prima chiedere il permesso al giudice. L'avvocato Hapa di Trump si è scontrato più volte anche con il giudice Kaplan.

Trump deve pagare un risarcimento: 83,3 milioni di dollari

Il primo rapporto: NEW YORK – L'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump è stato condannato a pagare ulteriori 83,3 milioni di dollari (circa 77 milioni di euro) di danni in un secondo processo per diffamazione a New York. Questo è ciò che ha deciso venerdì la giuria, come hanno riferito all'unanimità i media americani. L'autore americano E. Jean Carroll fece nuovamente causa.

Si tratta della seconda causa civile intentata dallo scrittore americano E. Jean Carroll (80 anni) contro Trump. L'importo è molte volte superiore all'importo richiesto da Carroll, che ammontava a più di dieci milioni di dollari.

Al termine del primo processo di maggio, una giuria di New York ha ritenuto che fosse stato dimostrato che Trump aveva aggredito Carroll in un negozio di lusso di New York nel 1996, lo aveva aggredito sessualmente e in seguito lo aveva diffamato. La giuria ha poi riconosciuto allo scrittore un risarcimento pari a cinque milioni di dollari (circa 4,65 milioni di euro).

Prima dell'inizio del secondo processo, il giudice Lewis Kaplan ha stabilito che i successivi commenti di Trump erano diffamatori. La giuria ora doveva solo decidere quale risarcimento Trump avrebbe dovuto pagare.

READ  Violenti disordini sul Monte del Tempio

Come possono 83 milioni abbattere il miliardario Trump?

La rivista Forbes stima la ricchezza di Trump a circa 2,6 miliardi di dollari, ma un risarcimento pari a “soli” 83 milioni di dollari potrebbe distruggerlo. Questo perché la stragrande maggioranza della ricchezza di Trump è costituita da beni immobili. L’ex presidente sembra avere solo una quantità molto ragionevole di liquidità. La situazione è stata peggiorata per Trump da altri due fattori legali.

Innanzitutto c'è la Procura Generale di New York, che ritiene che le proprietà di Trump siano notevolmente sopravvalutate. Tra le altre cose, Trump avrebbe ottenuto condizioni di prestito migliori dalle banche. Pertanto, il procuratore generale di New York Letitia James ha accusato Trump di frode in un altro caso. Nell'ambito di questo caso in corso, i pubblici ministeri hanno congelato tutte le proprietà in questione a New York. Quindi Trump non poteva venderlo per ottenere gli 83 milioni di dollari che ora deve pagare a E. Jane Carroll.

Il nostro sistema giudiziario è fuori controllo e viene utilizzato come arma politica. […] Questa non è l'America!

Trump vuole ricorrere in appello contro questa sentenza di diffamazione, come ha annunciato sul suo social network privato Truth Social subito dopo l’annuncio della sentenza: “Totalmente ridicolo!” “Sono assolutamente in disaccordo con entrambe le sentenze e mi opporrò a questa caccia alle streghe che Biden sta conducendo contro di me e contro il Partito Repubblicano”. Ma questo potrebbe essere molto difficile per Trump, perché nello Stato di New York l’importo richiesto del risarcimento dei danni deve essere depositato su un conto di garanzia per poter presentare ricorso. Quindi, Trump può fare appello solo se ha 83 milioni di dollari in liquidità – e questo è noto per essere un problema per lui.

Pertanto, la sentenza nel processo per diffamazione contro Jean Carroll potrebbe avere conseguenze di vasta portata per Trump di quanto possa sembrare a prima vista.

Trump vuole candidarsi alla presidenza

Trump, 77 anni, è considerato il candidato più promettente dei repubblicani alle elezioni presidenziali previste per il prossimo novembre. Tuttavia, attualmente deve affrontare i tribunali su molte questioni diverse. Trump utilizza spesso le date dei tribunali come una sorta di evento elettorale. (Scheil/DPA/AFP)