Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Se il corona virus non si placa

L’onda Omicron negli ultimi mesi ha iniziato lentamente a recedere in Germania per il momento. Ma oltre a potenziali nuove ondate di infezione, Covid-19 ha altre conseguenze a lungo termine. Molti hanno curato la malattia a casa e sono sopravvissuti in gran parte senza conseguenze. “Anche nei giovani sani che hanno avuto lievi sintomi di raffreddore, l’infezione può persistere a lungo”, afferma Bjorn Eric Ole Jensen. Lo specialista in infezioni dirige l’ambulatorio per l’assistenza post Covid 19 presso l’University Hospital Dusseldorf ed è il portavoce del progetto scientifico “Beyond Covid”.

Questo si può già vedere dai lunghi tempi di attesa negli ambulatori – a volte così lunghi che “Long Covid” è effettivamente cambiato gradualmente in “Post Covid” per i contagiati. Si parla di “Covid lungo” quando i sintomi sono ancora presenti quattro settimane dopo un risultato positivo del test PCR o la prima insorgenza dei sintomi. Il post Covid inizia tre mesi dopo il contagio acuto.

Prima dell’infezione da corona, queste persone erano di mezza età e ora non sono in grado di lavorare e hanno bisogno di supporto a più livelli.

Judith Bellmann-Strobel, Charité – Università di Berlino

Circa il dieci percento dei pazienti Corona è colpito. Le persone di età compresa tra 20 e 50 anni, circa il doppio delle donne rispetto agli uomini, spesso si riprendono lentamente dopo una lesione acuta non grave. Ma include anche i pazienti dell’ospedale Covid. I sintomi post-Covid colpiscono quasi tutti i sistemi di organi. Una delle principali lamentele è la stanchezza patologica, chiamata affaticamento, insieme all’intolleranza allo stress. Le prestazioni fisiche sono ridotte.

“Chiunque tenti di allenarsi come al solito ha sintomi come mancanza di respiro, tachicardia e rapido affaticamento”, afferma Jensen. “I controlli standard della funzionalità cardiaca e polmonare sono spesso insignificanti”. Spesso si verificano disturbi neurocognitivi come disturbi nella scoperta delle parole, nell’attenzione, nella memoria e nella concentrazione, anche dopo un decorso lieve. Da un terzo a tre quarti dei pazienti ospedalieri con Covid-19 avevano ancora problemi cognitivi da tre a sei mesi dopo.

L’impronta cognitiva del virus

I medici dell’Università di Cambridge e dell’Imperial College London hanno esaminato le prestazioni cognitive nel 2020 Dei 46 pazienti ricoverati nell’ospedale Covid-19, 16 di loro sono stati sottoposti a ventilazione artificiale. Sono stati seguiti per un massimo di dieci mesi. Un test al computer eseguito in media sei mesi dopo il Covid-19 ha mostrato che i pazienti avevano bisogno di molto più tempo per elaborare le risposte ai test e in modo meno accurato rispetto a un gruppo di controllo, che comprende 66.000 persone sane. Questo è stato il caso sei mesi dopo. I più colpiti sono stati i sedici pazienti che hanno dovuto essere ventilati artificialmente.

READ  Come il latte può peggiorare la sclerosi multipla

I partecipanti allo studio avevano un QI medio di 10 punti inferiore rispetto ai partecipanti sani. Dieci punti QI corrispondono all’incirca al costo del normale processo di invecchiamento da 50 a 70 anni in termini di prestazioni mentali. Non è stato solo trovare la parola giusta a causare problemi alle persone colpite, ma ci sono voluti anche processi di pensiero più lunghi. “I pazienti hanno fatto progressi molto lenti, ma almeno le cose stanno andando nella giusta direzione”, ha affermato l’autore dello studio David Menon dell’Università di Cambridge. Tuttavia, è molto probabile che alcuni malati non si riprendano completamente.

Piccoli incrementi sono tra le modalità di trattamento per i pazienti con Long-Covid e altri pazienti.
© Picture Alliance / dpa / dpa-Zentralbild

Grazie alle vaccinazioni, ci sono cicli meno pericolosi del Covid 19. “Anche i corsi leggeri possono compromettere le prestazioni mentali per qualche tempo”, avverte Jensen. Anche un’infezione da omicron, anche se più spesso. “Omicron può anche causare Long e Post Covid in coloro che sono stati vaccinati tre volte”. Secondo i dati preliminari, la vaccinazione riduce di quasi la metà il rischio.

Il virus è sparito, ma la risposta immunitaria continua

Possono verificarsi altri sintomi, in particolare ricorrenti – temporanei – perdita dell’olfatto e del gusto. Alcuni non odorano affatto o tutto ha un odore e un sapore disgustoso. Si verificano anche alterazioni della pelle e problemi cardiaci come tachicardia, palpitazioni cardiache, dolori articolari, mal di testa e alterazioni dei capelli inclusa la caduta dei capelli.

Come possono questi sintomi durare per settimane? “Le infezioni virali intensificano notevolmente il sistema immunitario in alcune persone. Un violento conflitto difensivo porta anche a reazioni infiammatorie”, afferma il medico senior Judith Bellmann-Strobel, che dirige le consultazioni post-Covid presso il Campus Buch di Berlino Charité. Anche se il virus è stato sconfitto molto tempo fa dal sistema immunitario, la risposta immunitaria può continuare a influenzare fino a un anno. Questo è il caso anche nelle persone con sintomi lievi o assenti, Hanno scoperto anche i ricercatori del Cedars-Sinai Medical Center.

READ  Eclissi lunare totale maggio 2021 - Presto "Blood Moon"

La buona notizia: “Molti malati si riprendono in modo significativo da tre a sei mesi dopo l’infortunio acuto”, afferma Bellman-Strobel. Tuttavia, in ogni 10 pazienti dopo il Covid, si teme che si possa sviluppare la sindrome da stanchezza cronica correlata al virus (encefalomielite mialgica, ME/CFS). La ME/CFS è una malattia multisistemica comune e grave in cui il sistema immunitario, il sistema nervoso autonomo e il metabolismo energetico delle cellule sono compromessi.

Cosa ti fa ammalare?

Ad oggi, non è sufficientemente compreso cosa accade esattamente nel corpo. Come cause vengono discussi vari meccanismi, eventualmente interagenti o presenti contemporaneamente: il sistema immunitario può rimanere in allerta perché i residui virali, cioè piccoli frammenti proteici del virus, sono ancora presenti in alcune cellule immunitarie o nei linfonodi. Il sistema immunitario può danneggiare direttamente gli organi.

SARS-CoV-2 costringe le cellule infette a proliferare. La maggior parte di loro muore a causa della produzione di nuovi virus.
© NIAID

Inoltre, viene discusso in che misura l’aumentata permeabilità della barriera ematoencefalica causata da virus e infezioni aumenti l’ingresso di sostanze infiammatorie nel cervello. Questo può stimolare le cellule immunitarie locali, portare a infiammazioni nel cervello e danneggiare le cellule nervose.

Non solo Covid-19 produce anticorpi in grado di neutralizzare il punto di aggancio Sars-Cov-2 sulle superfici cellulari. Possono anche essere autoanticorpi che compaiono nella reazione immunitaria a lungo termine, Come hanno scoperto i ricercatori americani l’anno scorso. Si sospetta che questi autoanticorpi possano continuare ad attaccare i tessuti e gli organi autologhi per mesi dopo un’infezione acuta. I ricercatori ritengono che anche il sistema nervoso autonomo, che controlla funzioni vitali come respirazione, battito cardiaco, digestione e metabolismo, sia stato colpito. Questo può spiegare la respirazione, la circolazione, la pressione sanguigna e problemi cardiaci. Sorprendentemente, molti dei sintomi sono simili a quelli di malattie autoimmuni come la ME/CFS.

Diagnosi difficile, pochissimi punti di contatto, finora solo sollievo dai sintomi

Finché non è chiaro cosa sta succedendo esattamente nel corpo, Non ci sono nemmeno criteri diagnostici per il Post Covid. Ma vengono i malati Con un mucchio di denunce a un’ambulanza post-Covid. È necessario effettuare una diagnosi di esclusione che richiede molto tempo. “Quello che possiamo fare è curare i malati sintomatici, alleviare i sintomi e coinvolgere un medico psicosomatico fin dall’inizio”, afferma Bellman-Strobel.

READ  Dopo la vaccinazione con Biontech e Moderna: sospetti effetti collaterali rari

Uno sguardo alle linee guida mostra cosa è possibile: In caso di danno polmonare persistente, ossigenoterapia e in caso di insonnia, assumere farmaci che favoriscono il sonno invece dei tradizionali sonniferi. Gli esercizi di respirazione possono aiutare a curare la mancanza di respiro. Per le persone con intolleranza all’esercizio, l’attenzione è rivolta alla velocità. Questo significa dividere le forze, prendere tutto molto più lentamente, evitare il sovraccarico sensoriale e mantenere lo stress fisico e mentale entro dei limiti. Nella vita di tutti i giorni, questa si rivela una vera sfida. “Non è facile quando vuoi, ma non puoi o non dovresti”, dice il dottore.

Ad un certo punto, raggiungerai i tuoi limiti con un trattamento sintomatico. Tuttavia, non esiste ancora un trattamento approvato e nessun farmaco approvato per il post-Covid-19. La start-up berlinese Berlin Cures ha sviluppato un principio attivo per il trattamento dell’insufficienza cardiaca autoimmune. Può aiutare anche con il Post Covid. La molecola blocca i siti di legame degli autoanticorpi diretti contro specifici recettori che fanno parte del sistema nervoso autonomo. Uno studio clinico, che inizialmente spiega gli aspetti di tollerabilità e sicurezza, è ancora in corso. I rapporti di prova sono incoraggianti, ma indicano anche che alcuni malati apparentemente formano autoanticorpi non solo per un breve periodo, ma in modo permanente.

Gli studi sono in preparazione per l’immunosoppressione, che è un lavaggio del sangue che rimuove gli anticorpi dal sangue al di fuori del corpo in modo che il sangue pulito possa rifluire nel corpo. La sperimentazione di questo approccio terapeutico potrebbe iniziare presto. Ma per le persone colpite, “presto” è ancora troppo lungo.

“Queste persone erano di mezza età prima del coronavirus e ora non sono in grado di lavorare, spesso hanno ancora figli di cui prendersi cura, ma non hanno la forza necessaria per loro e hanno bisogno di supporto a molti livelli”, afferma Il dottor Bellman Strobel.

alla home page