Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Esperimenti promettenti con vaccini corona mediante spray nasale

Scienza vaccino vivo

Esperimenti promettenti con vaccini corona mediante spray nasale

spray nasale spray nasale

La vaccinazione intranasale produce immunità locale nella mucosa

Credito: Getty Images / ULTRA.F

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

I ricercatori di Berlino hanno compiuto un passo importante nello sviluppo di un vaccino vivo: nelle sperimentazioni sugli animali, questo offre una migliore protezione contro il Covid-19 rispetto ai vaccini precedenti. È costituito da virus indeboliti che si depositano nel naso, dove i veri virus entrano nel corpo.

DottI precedenti vaccini contro SARS-CoV-2 hanno uno svantaggio: vengono tutti iniettati in un muscolo e lì stimolano il sistema immunitario. Quindi garantiscono una buona risposta immunitaria sistemica nel sangue, ma assicurano una minore immunità locale nelle mucose delle vie aeree, dove il virus entra nel corpo. Quindi da tempo si è ritenuto che la vaccinazione con spray nasale potesse essere più efficace della vaccinazione per iniezione. Una buona protezione immunitaria delle mucose intercetterebbe il virus quando penetrasse, impedendo così eventualmente alle persone vaccinate di infettarsi e diffondere ulteriormente il virus.

I ricercatori di Berlino hanno ora compiuto un enorme passo avanti nello sviluppo di un tale vaccino. Hanno sviluppato un nuovo vaccino chiamato SCPD9 e lo hanno messo nel naso di questi criceti siriani. Questi sono particolarmente appropriati per la ricerca sul Covid-19. Tre settimane dopo, hanno infettato gli animali con il vero virus. Allo stesso tempo ne vaccinarono altri criceto Con un vaccino mRNA di Biontech e un vaccino a base di adenovirus simile al vaccino AstraZeneca. Il risultato è impressionante: la vaccinazione nasale ha prevenuto la quantità di virus nei polmoni e la malattia negli animali in modo molto più chiaro rispetto ad altri vaccini.

Leggi anche

Il maggiore generale Carsten Breuer, 57 anni, guida le squadre federali e statali del coronavirus presso la Cancelleria

Leader della squadra di crisi di Corona

Il lavoro è stato finora pubblicato solo come bozza preliminare, quindi non è stato ancora esaminato. La ricercatrice sui vaccini Liv Sanders di Berlin Charité si è congratulata con i suoi colleghi su Twitter: “Ottimo lavoro. Il coronavirus attenuato come vaccino nasale vivo, da solo o in combinazione con un vaccino mRNA, fornisce una protezione significativamente migliorata contro SARS-CoV-2 nei criceti. Hanno anche condiviso la medicina Molecolare e Charité Cosa rende speciale sCPD9: è un vaccino vivo, cioè una variante gravemente indebolita di Sars-CoV-2.

Questi vaccini vivi sono usati anche contro altre malattie, ad esempio contro di loro morbillo o poliomielite. Tuttavia, lo sviluppo e la produzione sono molto più complessi, ad esempio, della produzione di mRNA. Ad oggi, i vaccini vivi sono stati creati consentendo ai virus naturali di mutare in determinate condizioni in laboratorio per molti anni. Al contrario, sCPD9 è un tipo di virus in cui i ricercatori hanno introdotto deliberatamente 200 mutazioni. Questo è possibile perché ora abbiamo una migliore comprensione delle singole funzioni dei geni del virus.

Leggi anche

Duello tra produttori di vaccini

Il virus indebolito può attaccare le cellule della mucosa umana, ma non si moltiplica lì. “Per questo motivo, puoi essere vaccinato con dosi di virus molte volte superiori rispetto alle infezioni naturali”, spiega Emmanuel Wheeler del Max Delbrück Center che è stato coinvolto in questo lavoro. Questo può portare a una risposta immunitaria più forte e affidabile rispetto a una normale infezione. Poiché i virus indeboliti difficilmente si replicano, difficilmente possono utilizzare i meccanismi mediante i quali i virus naturali possono sopprimere la risposta immunitaria.

Più anticorpi nella mucosa

Esperimenti con criceti hanno dimostrato che gli animali da test hanno significativamente più anticorpi IgA nella mucosa respiratoria dopo la vaccinazione rispetto ad altri vaccini – e anche più degli animali non vaccinati dopo l’infezione. Questa classe di anticorpi è prodotta dalle cellule immunitarie situate nella membrana mucosa ed è responsabile della risposta immunitaria locale. Inoltre, subito dopo l’infezione, la produzione di anticorpi IgA è stata fortemente stimolata negli animali immunizzati con sCPD9. La risposta è stata molto più debole negli animali immunizzati con i vecchi vaccini

Il vaccino sCPD9 è ora programmato per essere sviluppato dalla società biotecnologica con sede a Basilea Rocketvax, fondata nel 2020. Tuttavia, ci vorranno ancora diversi mesi prima dei primi studi clinici. La società statunitense Codagenix sta sviluppando un vaccino simile. Le sperimentazioni cliniche sono già iniziate. Vaccinazione contro la corona come spray nasale in avvicinamento.

READ  L'incidenza continua a salire leggermente: sempre più giovani si vaccinano