Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La sonda spaziale interstellare della NASA: i dati della Voyager 1 sono sconcertanti

La Voyager 1, la sonda più lontana di sempre, sta inviando dati che non corrispondono a ciò che sta accadendo a bordo. La NASA lo ha annunciato e ha confermato che il team di ingegneri sta cercando di capire il motivo di questo comportamento sconcertante. La sonda, che vola nello spazio interstellare, funziona normalmente ed esegue correttamente i comandi dalla Terra, ma i dati del computer di bordo (il “sistema di assetto e articolazione di controllo”) responsabile dell’allineamento e del controllo orbitale non erano corretti. La squadra affronta un enigma. Data l’età e la distanza della sonda, ci si aspetterebbe un comportamento così sconcertante, poiché è la prima a viaggiare nello spazio interstellare con forti radiazioni.

Tra le altre cose, il sistema AACS è responsabile dell’allineamento preciso della grande antenna Voyager 1 in modo che la sonda possa comunicare con la Terra. Tutto indica che il sistema continua a fare questo lavoro, ma i dati di telemetria ricevuti a terra non sono validi, Scrive il Jet Propulsion Laboratory della NASA. La sonda è controllata da lì. A volte sembra che i dati siano generati casualmente o come se indicasse uno stato in cui il computer non potrebbe trovarsi. Nonostante questi errori, l’anomalia non ha fatto sì che Voyager 1 entrasse automaticamente in modalità di sospensione per proteggere il dispositivo e dare al team sulla Terra il tempo di diagnosticare. Inoltre, il segnale ricevuto non è diventato più debole, quindi l’antenna rimane correttamente allineata.

La NASA continuerà ora a monitorare da vicino come si sviluppano i dati per scoprire, tra le altre cose, se l’errore ha origine direttamente nell’AACS o in un sistema coinvolto nella produzione o trasmissione dei dati. Finché l’anomalia non viene compresa meglio, non è quindi possibile determinare se e per quanto tempo può influenzare per quanto tempo la sonda può continuare a raccogliere e inviare dati sulla Terra. È anche possibile che la causa non venga trovata affatto e dovrai venire a patti con essa. In caso contrario, possono essere visualizzati aggiornamenti software o modifiche all’hardware di backup.

READ  Grave carenza di vitamina D in autunno e inverno

Il Voyager 1 è stato lanciato il 5 settembre 1977 e dista più di 23 miliardi di km da noi, quasi 156 volte più lontano dalla Terra del Sole. Lungo la sua strada, ha guadagnato slancio su Giove e Saturno e da allora è uscito di corsa dal sistema solare a quasi 17 chilometri al secondo. I segnali dalla Terra ora impiegano più di 21 ore per raggiungere la sonda. Nel 2012, Voyager 1 ha raggiunto lo spazio interstellare e la sua sonda sorella Voyager 2 ha completato l’impresa alla fine del 2018. Nel 2017, Voyager 1 ha avviato i suoi motori per la prima volta in 37 anni per allineare la propria antenna più esattamente con la Terra . Solo nell’ultimo anno la sonda ha dimostrato che sta ancora facendo ricerche preziose.

terra e luna

In questa immagine, il satellite è stato illuminato in modo da poter essere visto sopra la brillante Terra. (Foto: NASA/JPL)


(mo)

alla home page