Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Quali sono le conseguenze del fallimento di Signa?

Quali sono le conseguenze del fallimento di Signa?


Riusciranno i creditori e gli azionisti di Signa ad accordarsi su un piano di ristrutturazione? Sarà difficile e complicato, dice Leonard Dubosch, economista ed esperto di Cigna.

Si tratta della più grande operazione di ristrutturazione mai realizzata nella storia dell’economia austriaca. Mercoledì è successo qualcosa che molti esperti del settore immobiliare si aspettavano da tempo: Signa Holding ha presentato una denuncia al Tribunale commerciale di Vienna. Insolvenza Tutti i partecipanti hanno ora novanta giorni per concordare un piano di ristrutturazione. Impegni: circa cinque miliardi di euro. Secondo addetti ai lavori ed esperti non è del tutto chiaro se e quante altre aziende di Signa dovranno dichiarare fallimento di conseguenza. In ogni caso il rivenditore di articoli sportivi SportScheck, che fa parte della rete dell’azienda, ha annunciato giovedì che dichiarerà fallimento.

Signa Holding offre ai suoi creditori il 30% del debito. Il curatore fallimentare nominato, l’avvocato viennese Christoph Stapf, deve ora decidere se questa offerta è adeguata e realistica e se Signa Holding può ancora continuare la sua attività commerciale. Considerata la struttura estremamente complessa che l’inventore della Cigna René Bencoux aveva creato nel corso degli anni, si trattava di un’impresa enorme. Alla fine l’impero dell’inventore della Cigna Rene Benko verrà liquidato sotto la sua responsabilità, il che significa che i proprietari avranno voce in capitolo nella ristrutturazione e nella riqualificazione. Questo è esattamente ciò che rende la procedura successiva così difficile.

Cosa dice l’esperto Leonard Dubusch della situazione?

Leonard Dubusch è la persona che per primo si è occupata del modello di business ad alto rischio dell’impero Cigna. All’inizio del 2020, un economista dell’Università di Innsbruck e del sindacato Momentum Institute hanno esaminato i bilanci e hanno notato che Cigna era operativamente negativo al netto degli interessi. “Ora Cigna sta recuperando i peccati del passato”, dice l’economista in un’intervista alla nostra redazione. “Il fatto che Cigna non sia deliberatamente consolidata e che non sia del tutto chiaro quali azionisti investano e dove, è diventato un problema”, Dubosch sottolinea la struttura azionaria altamente complessa di Cigna. Gli azionisti hanno interessi diversi e hanno anche rapporti di lavoro diversi tra loro. . “Il problema è che è molto difficile chiarire chi trarrà vantaggio da un’eventuale misura di ristrutturazione e chi la pagherà”, afferma Dubusch. “Poiché è molto difficile rendere tutto ciò trasparente, potrebbe anche essere difficile raggiungere un accordo di ristrutturazione”.

READ  Guadagno stabile: protezione contro l'iperinflazione: queste 3 aziende che Warren Buffett ama a causa dell'elevato flusso di cassa | newsletter

Qual è il futuro della Galleria Karstadt Kaufhof?

Anche Dobusch non si aspetta nulla di buono per il futuro della Galeria Karstadt Kaufhof. Il crollo dell’impero Cigna “significherà probabilmente la fine dei grandi magazzini in generale”, dice l’economista. In questa fase si ritiene improbabile che i 200 milioni di euro promessi dalla Galleria Karstadt Kaufhof arrivino effettivamente. “Significa anche che il piano di ristrutturazione promesso per la Galleria Kaufhof è uno spreco.”

Già da mercoledì sera i dipendenti della catena di grandi magazzini Galeria Karstadt Kaufhof avrebbero dovuto anticipare la vendita della loro azienda. Già si sapeva che la filiale svizzera del fallito gruppo Signa, la Signa Retail Selection AG, voleva chiedere al tribunale di rinviare il pagamento dei debiti. I lavori dovranno essere svolti in modo organizzato, ha annunciato l’azienda a Zurigo. Anche l’azienda tedesca Galleria, con sede a Essen, sta seguendo l’esempio. Dal punto di vista degli esperti del commercio al dettaglio, la catena di supermercati ha poche possibilità di sopravvivere. “Le prospettive sono fosche. Dal punto di vista economico questo non ha senso”, afferma Gerrit Heinemann dell’Università di Scienze Applicate di Niederrhein. Agenzia di stampa tedesca Per quanto riguarda la questione delle possibilità di successo in caso di vendita.

Leggi anche questo

Qual è il rapporto di Sebastian Kurz con René Benko?

Anche in Austria l’attuazione del piano di ristrutturazione della Galeria Karstadt Kaufhof solleva interrogativi. Come la ricerca condotta dalla rivista Notizia È stato rivelato che l’ex consulente della SPÖ Alfred Gusenbauer avrebbe tratto notevoli benefici dal suo lavoro di consulenza per Signa. Secondo ulteriori informazioni, Gusenbauer Signa avrebbe emesso una fattura del valore di circa sette milioni di euro tra gennaio 2020 e febbraio 2021.

READ  L’intelligenza artificiale viene utilizzata anche dalle aziende di Heusenstamm

Uno dei creditori che ora possono far valere i propri crediti in una procedura di insolvenza è un confidente di René Benko: lo scorso aprile, l’ex consigliere del vicepresidente austriaco Sebastian Kurz, che ora è attivo tra l’altro come consulente, ha aiutato Benko nella sua ricerca per gli investitori in Medio Oriente. I due avrebbero infatti concluso un affare del valore di 100 milioni di euro e Kurz avrebbe addebitato al Banco una commissione di successo del 2,5%, secondo l’austriaco. Corriere. Secondo i media, dei due milioni e mezzo di euro resta ancora da pagare un milione e mezzo. (con EPA)