Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La sostenibilità è diventata un compito arduo per le aziende europee

Dal 2024. I nuovi rapporti obbligatori sulla sostenibilità non hanno più nulla a che fare con il fantasioso prodotto di marketing “rapporto CSR”.

L’Unione Europea vuole raggiungere la neutralità climatica entro il 2050. La strada per raggiungere questo obiettivo è il cosiddetto Green Deal, che riunisce non solo i paesi dell’UE, ma anche le aziende europee che operano in Europa per combattere il cambiamento climatico causato dall’uomo. A tal fine, la Commissione e il Parlamento hanno formulato nuovi requisiti di trasparenza giuridica per le imprese, di ampia portata: le grandi aziende con un fatturato pari o superiore a 50 milioni di euro e/o 250 dipendenti – seguite da altre aziende in una scala graduata maniera. A seconda del loro bilancio complessivo, del turnover del personale e del numero dei dipendenti, sono costretti a farlo dall'inizio di quest'anno presentando ampi “rapporti non finanziari”, che saranno pubblicati insieme alla relazione sulla gestione a partire dall'anno prossimo.

In base alla Direttiva Corporate Sustainability Reporting (CSRD), a partire dal 1° gennaio 2024 le grandi aziende offriranno ora uno sguardo dietro le quinte, che non è privo di conseguenze: devono fornire piena visibilità su quanta acqua, energia e territorio utilizzano. L'impatto diretto e indiretto sulla biodiversità, lo stato di salute del sistema anticorruzione dell'azienda, il grado in cui le comunità locali sono interessate dalle attività dell'azienda e molto altro ancora. Molto di piu. Perché i nuovi rapporti sulla sostenibilità richiesti dalla legge non hanno più nulla a che fare con il luccicante prodotto di marketing “rapporto sulla responsabilità sociale delle imprese” degli ultimi decenni, ma sono piuttosto un compendio di centinaia di dichiarazioni.

READ  Misure Corona sul posto di lavoro: le aziende chiedono maggiori opportunità e sicurezza legale

L’idea del legislatore europeo: utilizzare la trasparenza “coercitiva” per incoraggiare le aziende a riconoscere e affrontare i rischi ambientali, sociali ed etici nelle loro azioni e contribuire così alla tutela dell’ambiente. Ciò sarà cruciale anche per la finanza aziendale in futuro. Nei corridoi delle istituzioni di Bruxelles le persone si sono convinte che il mercato seguirà le regole e che gli investitori preferiranno investire i loro soldi in aziende che pongono il minor rischio ambientale e reputazionale possibile.

Prendersi cura della complessa catena di fornitura

Dalla stessa scuola di pensiero arriva la Direttiva europea sul dovere di diligenza nella catena di fornitura, approvata dal Parlamento Europeo alla fine del 2023 e che necessita ancora di una conferma formale da parte del Consiglio Europeo. La FDP, come parte del governo tedesco, non sembra disposta ad accettarlo adesso. Lei sostiene che gli sforzi di documentazione sono troppo elevati e gli ostacoli burocratici insormontabili, soprattutto per le aziende di medie dimensioni, che saranno indirettamente interessate anche dalle nuove normative come parte delle catene di fornitura globali. Questa critica non è nuova. Allora cosa c'è dietro la politica assediata?

Le aziende che operano nell’Unione Europea sono obbligate a verificare ed escludere questo NO Fornitore dentro completare La catena di fornitura viola gli standard ambientali o commette violazioni dei diritti umani. All'inizio sembra un buon argomento, non è poi così male. Ad un esame più attento, la questione diventa più complessa, perché i requisiti della nuova legge sulla catena di fornitura nella sua forma attuale si basano su un gran numero di accordi: nello specifico, le aziende europee sono ora responsabili dell’attuazione di 22 accordi sui diritti umani e di sette accordi sull’ambiente . E un piano di protezione del clima lungo tutta la catena di fornitura, compresi i fornitori dei loro fornitori, ecc.

READ  Aldi butta il latte a buon mercato fuori dalla gamma

Alla luce delle gravi violazioni dei diritti umani nell’industria tessile asiatica, ad esempio, è positivo che le norme fondamentali del lavoro dell’ILO siano obbligatorie. Se le aziende non si adeguano, rischiano sanzioni fino al 5% delle loro vendite nette globali.

Tuttavia, data l’ampiezza dell’applicazione, sorge la domanda se Bruxelles non stia effettivamente chiedendo troppo alle aziende europee attraverso la privatizzazione degli accordi intergovernativi: se un’azienda europea con impianti di produzione in Pakistan sarà in grado di garantire la “libertà di coscienza”. .” È discutibile la “religione” o se la certezza giuridica e la libertà di espressione saranno garantite in Cina.

Al fine di proteggere i lavoratori nel Sud del mondo, proteggere le risorse e il clima rafforzando al contempo la competitività europea, l’ideale sarebbe che nella bozza finale della direttiva sul dovere di diligenza nella catena di fornitura prevalesse un approccio pragmatico. Lo slogan “ciò che vale in Europa dovrebbe applicarsi alla catena di fornitura globale” incluso nel nuovo regolamento è difficile da implementare per le aziende europee con siti produttivi al di fuori dell’Europa.

Ma qualunque sia la forma specifica che assumerà in definitiva la Direttiva sulla catena di fornitura, ciò che è certo è che i nuovi requisiti di trasparenza in materia di sostenibilità ambientale, sociale ed etica per le aziende europee sono destinati a durare. Le aziende non sopravviveranno a questa nuova realtà.

Autore:

Mag. Anna Vetter (*1982) lavora nel campo della tensione tra politica ed economia. È socio dirigente della società di consulenza strategica e di crisi Vetter & Partner e manager ESG certificato.

Ulteriori informazioni su questi argomenti: