Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La strategia cinese: l'industria automobilistica permette ad Habeck di accumulare

La strategia cinese: l’industria automobilistica permette ad Habeck di accumulare

DottLa gioia in BMW è stata grande per la cosiddetta “licenza commerciale”. Cina. L’11 febbraio, il governo di Pechino ha consentito alla casa automobilistica di Monaco di acquisire una quota di maggioranza nella sua joint venture cinese con Brilliance (BBA). “La giornata di oggi segna un passo importante nell’espansione del nostro impegno lungo e coerente con la Cina”, ha affermato all’epoca il CEO Oliver Zipse.

Due settimane dopo la situazione geopolitica è completamente cambiata. Dall’invasione russa dell’Ucraina, c’è stata preoccupazione per la dipendenza di molte aziende tedesche dal mercato cinese. Ministro federale dell’economia Robert Habeck Vuole rallentare gli affari cinesi delle aziende tedesche e il pubblico chiede rapporti più duri con il regime autoritario della Repubblica popolare. La casa automobilistica tedesca Opel, almeno così sembrava, ha rispettato le richieste e ha annullato i suoi piani di espansione in Cina pochi giorni prima nella pubblicità. Il motivo: non ultima la situazione politica in Cina.

Le richieste della trasformazione di Habik e Opel sono di fronte a segnali di un importante allontanamento dalla Cina? Al contrario, un sondaggio attualmente condotto da FAZ lo mostra tra le principali case automobilistiche in Germania. I migliori produttori e i loro fornitori continuano a fare pieno affidamento sulla Cina e a lasciare che Habik abbia la meglio. se Volkswagen, BMW O Mercedes, o fornitori come Bosch, ZF, Schaeffler o Continental: tutti vogliono non solo continuare indisturbati la loro attività in Cina, ma anche espanderla. Nessuno ha indicato di voler andare in pensione.

Habeck ha dichiarato pochi giorni fa, dopo una riunione dei ministri del Commercio del G7 a Brandeburgo, che “l’ingenuità nei confronti della Cina è finita”. Era d’accordo con i suoi colleghi su una “politica commerciale più forte”. il verde Hanno già annunciato cambiamenti di rotta simili nella loro piattaforma per le elezioni federali del 2021. L’accordo di alleanza con SPD e FDP prevedeva poi che “le dipendenze strategiche devono essere ridotte” e che le violazioni dei diritti umani devono essere affrontate, in particolare nello Xinjiang, dove la Cina perseguita la minoranza uigura. Il Gruppo Volkswagen gestisce uno stabilimento nella regione con il suo partner SAIC. Il Wolfsburg è stato oggetto di critiche crescenti per anni.

READ  Permesso di giardinaggio artigianale RheinMain per le aziende di Vogelsberg