Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il neuroscienziato Tobias Esch: “In definitiva, la felicità è una decisione”.

Il neuroscienziato Tobias Esch: “In definitiva, la felicità è una decisione”.

“In fondo, la felicità è una decisione”: il neuroscienziato Tobias Esch racconta come esercitarsi per essere felici

  • e-mail

  • Divide


  • Di più

  • Twitter


  • Insiste


  • Segnala un errore

    Hai notato un errore?

    Si prega di segnare le parole rilevanti nel testo. Con soli due click potrai segnalare l’errore alla redazione.

    Non esiste alcuna ingegneria genetica nelle piante

    Ma non preoccuparti:
    Geneticamente modificati
    Lei

Martedì 14 maggio 2024 alle 16:17

Cosa ci rende veramente felici? Il neuroscienziato Tobias Esch spiega cos’è realmente la felicità e quali fattori influenzano il nostro senso di felicità. Oggi la scienza sa che i geni influiscono meno del pensiero e che la felicità può essere allenata.

Uno con uno
I collegamenti contrassegnati con un simbolo o una sottolineatura sono collegamenti di affiliazione. Se viene effettuato un acquisto tramite questo, ne otterremo uno
commissione – Senza alcun costo aggiuntivo per te! Maggiori informazioni

Quali fattori hanno la maggiore influenza sul senso soggettivo di felicità di una persona?

Oggi conosciamo tutta una serie di questi fattori. Oltre agli aspetti già noti di uno Una vita sana è come fare abbastanza esercizio fisico, seguire una dieta sana e dormire a sufficienzaLui è al di sopra di tutte le domande Posizione e prospettivaQuesto conta.

Le persone che si sentono particolarmente realizzate sono spesso in grado di lasciare andare cose che non esistono più o che sono ormai scadute. Sono grati. Amano dare, anche senza aspettarsi nulla in cambio. Hanno uno scopo, sono completamente dediti a qualcosa, ma alla fine possono lasciare andare cose che non esistono più o che servivano al loro scopo (o gli sono state portate via). Si considerano meno designer che vittime.

Poi c’è la dimensione Fede Le persone particolarmente felici o soddisfatte hanno spesso una convinzione esplicita o implicita, una spiritualità e la risposta associata alla domanda sul significato: trovano un significato nella vita, un significato.

La disciplina più alta è senza dubbio questa Amore – Sentirsi connessi ad altre persone, avere una casa e un posto che ami. Qui parlo anche della dimensione culturale della salute, oltre alla dimensione spirituale, che è stata ridefinita come “dimensione di significato” o “quarta dimensione” della salute. In genere si tratta di connettersi con il mondo, con il terreno su cui mi trovo, con le persone intorno a me, ma anche con qualcosa di “più alto”.

Informazioni sull’esperto Tobias Esch

Dal 2016 Tobias Esch lavora come professore universitario e direttore dell’Istituto per l’assistenza sanitaria integrata presso l’Università di Witten/Herdec, oltre a gestire l’ambulatorio dell’università da lui fondata. Vice Preside per lo sviluppo organizzativo, è attualmente anche co-presidente del Mind-Body Medical Research Council. In precedenza è stato professore in visita presso la Harvard Medical School (2013-2015) e Harkness Fellow a New York (2013-2014), nonché neuroscienziato presso la State University di New York (2001-2015). Tobias Esch È un autore di best-seller, un professionista della salute e un ricercatore specializzato, tra gli altri, nella ricerca sulla felicità e la soddisfazione.

Esiste una formula per la felicità che vada bene per tutti allo stesso modo?

Il principio base della felicità, ovvero le motivazioni universali – le cose per cui ci svegliamo la mattina – sono essenzialmente le stesse per tutte le persone. Questo perché la nostra biologia, il sistema di ricompensa del cervello, ci dice per cosa vale la pena vivere. In termini di storia della vita, i contenuti individuali vengono dopo, il che può variare notevolmente da persona a persona, ma il principio rimane lo stesso.

Ma la cosa importante è: I fattori che determinano la felicità e la soddisfazione cambiano nel corso della vita.

Ad esempio, se in gioventù l’accento è posto maggiormente sull’euforia, sulla piacevole felicità, sul divertimento e sull’attesa, spesso legati a eventi esterni, nella fase intermedia della vita l’attenzione si concentra maggiormente sul sollievo dalle pressioni della vita e dalle ore di punta. – La valle delle lacrime, come la chiamo a volte – prendersi una pausa. Quando il conflitto, il dolore e la malattia ci permettono di restare fermi per un attimo.

E poi, soprattutto – ma non solo – nella seconda metà della vita, si avverte un crescente senso di pace interiore. La chiamiamo anche felicità o contentezza quando non ti aspetti necessariamente qualcosa dall’esterno o devi lottare per questo, o devi proteggerti senza sforzo da qualcosa, ma quando hai la sensazione di essere esattamente nel posto giusto, in il posto giusto. Il momento, cioè: è arrivato.

Quindi, a seconda della fase, sono diverse le cose che ti rendono felice: dalle avventure giovanili, all’innamoramento, alla creazione di una famiglia, alla fede…

Altro dalla cerchia degli esperti

La discussione su un’imposta patrimoniale globale sta guadagnando slancio e il G20 vuole affrontare la questione. Ma chi è il vero bersaglio di questa tassa e come potrebbe influenzare gli investimenti? L’esperto finanziario Sebastian Hill fornisce informazioni sulle potenziali implicazioni di questa tassa.

L’assicurazione sanitaria in Germania è obbligatoria dal 2009. Ma ci sono ancora persone che non hanno un’assicurazione sanitaria, tra cui Heinz Honig. L’avvocato Ingo Linsen spiega i retroscena della non essere assicurati e le conseguenze che ne possono derivare.

Come è cambiata la nostra definizione di felicità nel corso degli anni?

Come descritto in precedenza, la felicità cambia nel corso della vita. Si potrebbe dire che si muove dalla felicità estatica, dalla felicità giovanile alla contentezza interiore, alla beatitudine. E anche dall’“io” al “noi”, e forse anche alla “trascendenza”. Il famoso neurologo Viktor Frankl parlava di “autotrascendenza” – quando l’ego si dissolve gradualmente e si fonde in qualcosa di più grande.

L’idea si ritrova anche in Immanuel Kant, ma ciò che è molto importante, dal punto di vista scientifico di oggi, è che la felicità non è un ricordo superficiale, un “suggerimento” o un’idea su qualcosa, né uno sforzo o un’idea interpretativa. Spiegazione dell’esperienza, Ma la felicità è un sentimento diretto, diretto, quando qualcosa va bene.

Il sistema di ricompensa del nostro cervello è responsabile di questo, ci mostra per cosa vale la pena vivere.

Che ruolo giocano i fattori genetici nella predisposizione alla felicità o all’insoddisfazione?

I geni svolgono un ruolo, così come la famiglia di origine o la cultura in cui una persona è nata. Ma alla fine, l’importanza dei geni è stata sempre più sottovalutata nella scienza; Oggi si presuppone che circa un terzo della soddisfazione della vita sia dovuta alle impostazioni di fabbrica o alle apparecchiature di base. Il resto sembra docile.

In altre parole: La felicità non è principalmente una cosa esterna, che ci cade in grembo, o il caso, o i geni innati, ecc., ma è soprattutto un sentimento e come cambia nel tempo. Le nostre esperienze, le conclusioni che ne traiamo e, in definitiva, la nostra volontà di accettare la vita e imparare da essa sono fondamentali per questo. Dobbiamo conoscere le nostre ragioni e motivazioni per questo – Nello specifico: per cosa ci svegliamo la mattina e su cui lavoriamo. Alla fine, la felicità è una decisione: vivere.

Raccomandazione di libro (pubblicità)

“Perché ti svegli la mattina?” Di Tobias Esch

Che ruolo giocano la ricchezza materiale e la sicurezza finanziaria nella ricerca della felicità?

Sarebbe sbagliato sostenere che la ricchezza materiale non abbia alcun effetto sulla felicità. Tuttavia, da tempo osserviamo nella ricerca che l’effetto del reddito sulla felicità, ad esempio, tende a diminuire all’aumentare dei livelli, cioè all’aumentare del reddito. Abbiamo creduto a lungo che ci sarebbe stato un punto di saturazione, oltre il quale maggiori entrate non avrebbero più generato più felicità.

Oggi lo guardiamo in modo più differenziato, ma possiamo ancora dire una cosa: gli esseri umani hanno tre bisogni fondamentali: sicurezza e sopravvivenza, crescita interiore e sviluppo e infine amore, connessione e connessione. Ma la sicurezza e la sopravvivenza implicano anche la garanzia della propria esistenza, e qui un reddito ragionevole e una prosperità materiale sufficiente sono senza dubbio di importanza esistenziale.

Si può allenare la felicità? Qual è il rapporto tra salute e felicità?

Come descritto, possiamo effettivamente allenare la stragrande maggioranza della nostra felicità. Attraverso uno stile di vita sano, esercizio fisico, sonno, buona alimentazione e divertimento. La meditazione e la consapevolezza possono anche aiutare con: momenti di contemplazione interiore, rilassamento e riduzione dello stress.

Ma la disciplina più alta è questa Interconnessione, quella dimensione spirituale-culturale o “quarta dimensione”: quando ci sentiamo connessi al mondo, alle persone che ci circondano, e anche a qualcosa di più alto. Quando conosciamo la risposta al “perché” quando ci svegliamo. E poi, insieme al perché e al perché: “Perché qui?”

Con queste due domande ti avvicini alle dimensioni spirituale/propositiva e culturale – la questione di sperimentare la casa e avere radici: dove mi sento in sintonia, visto, a casa e connesso? Dove mi sento connesso, cosa dà un significato più profondo alla mia vita? Tali aspetti trasmettono beatitudine. E poi fare di più quelle cose, integrandole bene nella tua vita, ecco di cosa si tratta.

Questo aiuta anche la tua salute. Sappiamo che le persone possono ancora essere felici e soddisfatte, anche se tutto oggettivamente va contro e non sono più in salute. Poiché l’effetto della salute sulla felicità diminuisce con l’età, parliamo anche di disimpegno della soddisfazione dalla salute, il “paradosso della contentezza”.

Ma è in gioco il contrario: le persone più felici generalmente vivono più a lungo – e meglio.

Questo testo proviene da un esperto del circolo di esperti online FOCUS. I nostri esperti hanno un elevato livello di conoscenza specialistica nel loro campo e non fanno parte della redazione. Impara di più.

READ  I primi sintomi del cancro: riconoscere i primi segni e segnali di pericolo