Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La sonda scopre antiche strutture nello spazio – “La Via Lattea è cambiata molto”

La sonda scopre antiche strutture nello spazio – “La Via Lattea è cambiata molto”

  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Insiste

Un gruppo di ricerca ha scoperto strutture nella Via Lattea risalenti ai primi giorni della galassia. I ricercatori sono stupiti.

Heidelberg – Oggi la Via Lattea è conosciuta come una galassia a spirale, con caratteristici bracci a spirale che avvolgono il centro. Ma circa dodici miliardi di anni fa, la nostra galassia appariva molto diversa. La ricerca suggerisce che la Via Lattea si sia formata da diversi filamenti lunghi e irregolari di gas e polvere che si sono uniti e hanno reso possibile la nascita della nostra galassia. Un gruppo di ricerca ha ora scoperto due antiche correnti stellari nella Via Lattea che sembrano essersi formate sin dai tempi della formazione dell'universo.

Con l'aiuto della sonda spaziale Gaia dell'Agenzia spaziale europea, un gruppo di ricerca guidato da Khayati Malhan dell'Istituto Max Planck di astronomia (MPIA) di Heidelberg ha scoperto i due componenti e li ha chiamati “Shakti” e “Shiva”. Questi due flussi, che portano i nomi di divinità indiane, sembrano essere i resti di due galassie che si fusero con la Via Lattea circa 12-13 miliardi di anni fa.

Scoperta di un'antica struttura nella Via Lattea

Le due strutture sono così antiche che si sono formate molto prima che si sviluppassero i caratteristici bracci a spirale della Via Lattea. Qualcuno dice che per l'astronomia questa scoperta equivale a scoprire tracce del primo insediamento che oggi si è sviluppato in una grande città. Pubblicità dell'MPIA.

“È davvero sorprendente che possiamo persino identificare queste antiche strutture”, afferma il leader della ricerca Malhan in uno di questi studi. Annuncio dell'ESA. “La Via Lattea è cambiata così tanto dalla nascita di queste stelle che non ci aspettavamo di vederle chiaramente come gruppo, ma i dati senza precedenti che abbiamo ricevuto da Gaia lo hanno reso possibile”. valuta Nella rivista specializzata Giornale astrofisico pubblicato.

READ  Scoperta cruciale in una galassia vicina: “prova diretta”
Rappresentazione artistica della Via Lattea. Le stelle appartenenti a Shiva (verde) e Shakti (rosa) appaiono come punti colorati. Il fatto che alcune aree della Via Lattea siano completamente prive di segni verdi e rosa non significa che lì non ci siano stelle di Shiva o Shakti. Il set di dati utilizzato in questo studio copre solo alcune regioni della Via Lattea. © S. Payne-Wardenar / K. Malhan / MPIA

Osservando l'universo: due strutture spiccavano tra le stelle

Utilizzando la sonda spaziale Gaia, il gruppo di ricerca è stato in grado di determinare le orbite e la composizione delle singole stelle nella Via Lattea. Al-Khayati spiega in una dichiarazione: “Quando abbiamo visualizzato le orbite di tutte queste stelle, sono emerse tra le stelle due nuove strutture con una composizione chimica specifica”.

Sia le correnti stellari di Shiva che quelle di Shakti hanno una massa di circa dieci milioni di soli. Secondo il gruppo di ricerca, le stelle hanno un'età compresa tra 12 e 13 miliardi di anni, hanno composizioni molto simili e si muovono tutte su orbite molto simili. Entrambi i flussi si trovano vicino al centro della Via Lattea.

Le stelle di Shakti e Shiva sono molto antiche e prive di metallo

Il coautore dello studio Hans-Walter Rex (MPIA) spiega: “Le stelle sono così vecchie che mancano di molti degli elementi metallici più pesanti che si sono formati più tardi nell'universo. Questi metalli pesanti si formano nelle stelle e si diffondono nello spazio quando muoiono”. Le stelle al centro della nostra galassia sono povere di metalli, motivo per cui la regione è conosciuta come il “povero cuore antico” della Via Lattea.

“Finora conoscevamo solo questi primissimi pezzi che si unirono per formare l'antico nucleo della Via Lattea. Con Shakti e Shiva, ora vediamo i primi pezzi che sembrano avere la stessa età, ma si trovano più lontano”, spiega Rex. “Rappresentano i primi passi nella crescita della nostra galassia fino alle dimensioni attuali.”

Un quadro completo della storia antica della Via Lattea

Le scoperte di Shiva e Shakti potrebbero colmare le lacune e dipingere un quadro completo della prima storia cosmica della Via Lattea, afferma Timo Prosti, scienziato del progetto Gaia presso l'Agenzia spaziale europea (ESA). “Scoprire di più sugli inizi della nostra Galassia è uno degli obiettivi di Gaia, ed è stato raggiunto”, dice lo scienziato.

READ  I ricercatori di Erlangen scoprono la possibile causa del "Covid lungo"

E aggiunge: “Abbiamo bisogno di conoscere le sottili ma cruciali differenze tra le stelle della Via Lattea per capire come si è formata e si è evoluta la nostra galassia. Ciò richiede dati incredibilmente accurati e, grazie a Gaia, ora li abbiamo. (fattura non pagata)