Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La malattia di Alzheimer può essere trasmessa, in circostanze molto rare

La malattia di Alzheimer può essere trasmessa, in circostanze molto rare

  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Un gruppo di ricerca londinese afferma di aver dimostrato che la malattia di Alzheimer può essere trasmessa. Tuttavia, un esperto ritiene che questa valutazione sia “prematura”.

LONDRA – Il morbo di Alzheimer è una malattia insidiosa che distrugge il cervello umano molto prima che si notino i primi sintomi della malattia. La proteina beta amiloide è piegata in modo errato e si aggrega nel cervello. Piccoli accumuli si sviluppano tra le cellule nervose, portando al declino cognitivo. Al momento non esiste una cura per questa malattia neurologica, ma sono stati fatti alcuni progressi nei farmaci e nei trattamenti.

Un gruppo di ricerca dell'University College di Londra ha scoperto qualcosa che a prima vista sembra inquietante: la malattia di Alzheimer sembra essere trasmissibile.

La malattia di Alzheimer può essere trasmessa? Un nuovo studio descrive otto pazienti

Almeno questo è ciò che ha concluso dal proprio lavoro il gruppo di ricerca guidato dal neurologo John Collinge Nella rivista specializzata Medicina naturale pubblicato era diventato. In esso, Collinge e il suo team descrivono otto persone a cui è stato iniettato uno specifico ormone della crescita durante l'infanzia e che ora sviluppano sintomi neurologici di età compresa tra 38 e 55 anni. Cinque di queste persone avevano sintomi di demenza e avevano già ricevuto una diagnosi di Alzheimer o ne soddisfacevano i criteri, ha detto uno di loro. avviso Studiare.

Nella malattia di Alzheimer, la proteina beta amiloide è piegata in modo errato e si aggrega nel cervello. Piccoli accumuli si sviluppano tra le cellule nervose, portando al declino cognitivo. (Avatar) ©IMAGO/ingimage

Pertanto, un'altra persona soddisfaceva i criteri per il deterioramento cognitivo lieve. Poiché i pazienti erano insolitamente giovani quando hanno sviluppato i sintomi, il gruppo di ricerca ritiene che non si tratti della tipica malattia di Alzheimer legata all'età. Anche la malattia genetica di Alzheimer è stata esclusa in cinque pazienti sui quali i ricercatori hanno potuto condurre test genetici.

READ  Una volta si pensava che i pesci di acque profonde fossero estinti - ora il salmerino originale è tornato

È possibile che l'ormone della crescita trasmetta la malattia di Alzheimer

Pertanto, il gruppo di ricerca si è concentrato sull’ormone della crescita che i pazienti ricevono durante l’infanzia. L'ormone della crescita (c-hGH) è stato ottenuto dal tessuto cerebrale di persone decedute e almeno 1.848 persone sono state curate in Gran Bretagna tra il 1959 e il 1985. Tuttavia, quando si scoprì che alcune infusioni di ormone della crescita causavano la malattia di Creutzfeldt-Jakob, il farmaco fu sostituito con ormoni della crescita sintetici nel 1985.

In uno studio del 2018, i ricercatori sospettavano che le persone a cui era stato iniettato c-hGH contaminato che non avevano sviluppato la malattia di Creutzfeldt-Jakob avrebbero successivamente sviluppato la malattia di Alzheimer. Questo è esattamente ciò che il team di ricerca di Cooling vuole mostrare. Tuttavia, il responsabile dello studio ha subito chiarito: “Non ci sono prove che la malattia di Alzheimer possa essere trasmessa da persona a persona durante le attività della vita quotidiana o durante le cure mediche di routine”.

Lo studio della trasmissione del morbo di Alzheimer può fornire informazioni sui meccanismi della malattia

Il coautore Jonathan Schott ha detto: “È difficile tornare al lavoro, ma è una persona che soffre del morbo di Alzheimer, ma non deve preoccuparsi di questo”.

Collinge afferma che è necessario agire ora: “La conoscenza che la patologia amiloide-beta è stata trasmessa in questi rari casi dovrebbe spingerci a rivedere le misure per prevenire la trasmissione accidentale attraverso altre procedure mediche o chirurgiche al fine di evitare che tali casi vengano evitati in futuro. ”

Limitazioni degli esperti: lo studio sulla malattia di Alzheimer si basa solo su cinque persone

Michael Bex del Robert Koch Institute (RKI) di Berlino non è stato coinvolto nello studio. Lo considera “un importante studio pilota”, ma ha anche alcune riserve: “Tuttavia, le conclusioni dello studio sulla trasmissione del morbo di Alzheimer si basano solo su cinque pazienti a cui è stata diagnosticata la malattia dopo tre o quattro decenni di trattamento”. Gli ormoni della crescita hanno causato la demenza.

“Due delle cinque persone avevano disabilità intellettive fin dall'infanzia”, ​​ha continuato Bex, “che è associata a un aumento del rischio di sviluppare demenza a esordio precoce”. Né si tratta di “una prova neuropatologica conclusiva del morbo di Alzheimer”.

Lo scienziato vorrebbe vedere più studi su questo argomento e sottolinea: “Secondo me, sembra prematuro caratterizzare la sindrome clinica dei pazienti come malattia di Alzheimer iatrogena – cioè indotta da cure mediche – sulla base dei dati attualmente riportati, e quindi la malattia di Alzheimer è una malattia reversibile”. Muoversi. (fattura non pagata)