Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Le vaccinazioni salvano la vita di oltre 154 milioni di persone

Le vaccinazioni salvano la vita di oltre 154 milioni di persone

Basilea – Nel 1974, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha lanciato un programma globale di vaccinazione per i bambini attraverso il Programma Esteso sull’Immunizzazione. Un nuovo studio mostra che da allora i vaccini hanno prevenuto circa 154 milioni di morti. Lo hanno pubblicato i ricercatori dell’Istituto svizzero per la sanità tropicale e pubblica (Swiss TPH) sulla rivista specializzata “The Lancet” in collaborazione con l’Organizzazione mondiale della sanità e altri organismi di ricerca.

Ispirata dai progressi compiuti nell’eradicazione del vaiolo attraverso la vaccinazione, nel 1974 l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha lanciato il Programma Esteso di Immunizzazione (EPI). Oggi, mezzo secolo dopo, i ricercatori stanno cercando di misurare l’impatto del programma sulla salute pubblica sin dal suo inizio in uno studio .

I risultati principali includono che le vaccinazioni hanno prevenuto circa 154 milioni di decessi in tutto il mondo dal 1974, inclusi 146 milioni di decessi tra i bambini sotto i cinque anni e 101 milioni di decessi tra i bambini sotto un anno di età.

In media, per ogni morte evitata, si guadagnano 66 anni di salute, pari a un aumento sconcertante di 10,2 miliardi di anni di salute. Le vaccinazioni rappresentano il 40% della riduzione osservata della mortalità infantile a livello globale, con un contributo in regioni come l’Africa in aumento del 52%.

Nel 2024, un bambino sotto i dieci anni avrà il 40% di probabilità in più di sopravvivere fino al prossimo compleanno rispetto a uno scenario ipotetico senza sforzi di vaccinazione storici. I benefici della vaccinazione continuano anche in età adulta, con una maggiore probabilità di sopravvivenza in tutte le fasce d’età.

“I vaccini sono efficaci, salvano vite umane e rendono il nostro mondo più sano”.

Professore Dott. Jorg Otzinger

“Questi risultati sottolineano l’enorme impatto delle vaccinazioni sulla salute pubblica globale negli ultimi 50 anni. Siamo lieti di aver potuto contribuire a questo studio pionieristico con la nostra esperienza nella modellazione matematica”, afferma il professor Dr. Jörg Otzinger, direttore dell’Istituto. I ricercatori svizzeri del TPH e professori di epidemiologia dell’Università di Basilea hanno condotto lo studio in collaborazione con diversi colleghi dell’Organizzazione mondiale della sanità e di altri istituti di ricerca.

READ  I satelliti possono rivelare "Planet 9" precedentemente sconosciuto.

I ricercatori hanno utilizzato modelli matematici e statistici per stimare l’impatto sulla salute pubblica regionale e globale dei vaccini del Programma Esteso di Immunizzazione (EPI) contro 14 agenti patogeni (tra cui morbillo, poliomielite e tubercolosi) negli ultimi 50 anni. Per i patogeni modello, hanno preso in considerazione la copertura di tutti i vaccini di routine e aggiuntivi, e hanno stimato la mortalità e la morbilità evitate per ciascuna fascia di età.

“Mentre dovremmo celebrare questo successo, dobbiamo anche riconoscere che malattie come il morbillo, il tetano e la tubercolosi continuano a mietere vittime”.

medico. Andrea Shattuck

“Questo studio è l’analisi più completa dell’impatto storico delle vaccinazioni fino ad oggi. I tassi di mortalità infantile e infantile sono diminuiti drasticamente negli ultimi 50 anni, e i nostri risultati mostrano che le vaccinazioni sono state il fattore più importante in questo progresso.” Andrew Shattock, ricercatore senior presso TPH Switzerland e l’Università di Basilea e primo autore dello studio.

“Mentre dovremmo celebrare questo successo, dobbiamo anche riconoscere che malattie come il morbillo, il tetano e la tubercolosi continuano a mietere vittime. È quindi imperativo continuare a investire nei progressi medici più efficaci, compresi i vaccini esistenti e nuovi”, Shattuck disse.

Questo testo si basa su un comunicato stampa emesso dal TPH svizzero. (Università di Basilea/MK/PS)

Posta originale
Andrew J. Shattuck et al.
Il contributo della vaccinazione al miglioramento della sopravvivenza e della salute: modellare 50 anni del Programma ampliato sull’immunizzazione
The Lancet (2024), doi: 10.1016/S0140-6736(24)00850-X
Università di Basilea