Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La luna si sta restringendo e tremando: i ricercatori avvertono del pericolo

La luna si sta restringendo e tremando: i ricercatori avvertono del pericolo

  1. Home page
  2. Lo sappiamo

L’atterraggio lunare previsto per il 2026 si trova ad affrontare sfide inaspettate. Uno studio recente sottolinea il pericolo dei terremoti lunari.

COLLEGE PARK – Da qualche parte al polo sud della Luna ci saranno nuovamente impronte umane nella polvere lunare nei prossimi anni. Ciò è già confermato perché la ricerca presuppone la presenza di ghiaccio d'acqua lì. Questo verrà esaminato dagli astronauti e utilizzato per i loro scopi. Ma un recente studio condotto dall’Università del Maryland e dallo Smithsonian’s Center for Earth and Planetary Studies suggerisce che l’atterraggio sul polo sud della Luna potrebbe comportare dei rischi.

Lo sfondo è la geologia della Luna: il corpo celeste si raffredda dall'interno e di conseguenza si contrae. Questo processo non è drammatico – in diverse centinaia di milioni di anni la Luna ha perso solo circa 45 metri della sua circonferenza – ma ha effetti sulla superficie dell'astro. Proprio come l’uva forma delle rughe quando diventa uva passa, anche la superficie della luna forma delle rughe quando si restringe. Tuttavia, poiché la superficie della Luna è fragile, le collisioni con la crosta provocano terremoti e faglie.

La Luna si sta restringendo: i terremoti potrebbero mettere a repentaglio i viaggi nello spazio

Sviluppato da Thomas R. Watters, che ha condotto uno studio su questo argomento, in uno di questi studi avviso “I nostri modelli indicano che i terremoti lunari superficiali che potrebbero causare forti terremoti nella regione antartica sono possibili attraverso lo scivolamento su faglie esistenti o attraverso la formazione di nuove faglie di spinta”. Giornale di scienze planetarie È stato pubblicatoIl gruppo di ricerca di Watters ha esaminato un gruppo di faglie nella regione antartica.

Il team ha collegato uno dei più potenti terremoti lunari, rilevato dai sismometri Apollo più di 50 anni fa. Secondo i risultati della ricerca, alcune zone situate al polo sud della Luna sono particolarmente vulnerabili al rischio di terremoti. Quindi Watters avverte: “La distribuzione globale delle faglie di spinta emergenti, la loro capacità di essere attive e il potenziale di formazione di nuove faglie di spinta attraverso la continua contrazione globale devono essere presi in considerazione quando si pianifica la posizione e la stabilità dei siti lunari permanenti”.

I terremoti sulla Luna possono danneggiare le strutture create dall’uomo

I terremoti lunari si verificano vicino alla superficie lunare, a circa un centinaio di chilometri sotto la crosta. Potrebbe essere abbastanza potente da distruggere edifici, attrezzature o altre strutture create dall'uomo (che ancora non esistono). A differenza dei terremoti sulla Terra, che in genere durano solo pochi secondi o minuti, i terremoti lunari superficiali possono durare ore o addirittura un intero pomeriggio.

Anche il terremoto di magnitudo 5 registrato negli anni '70, utilizzato dai ricercatori nel loro studio, è durato a lungo. Nicholas Schmer, coautore dello studio, spiega la situazione nel sito: “Puoi immaginare che la superficie della luna sia asciutta e ricoperta di ghiaia e polvere. Nel corso di miliardi di anni, la superficie è stata colpita da asteroidi e comete, con frammenti angolari spesso dispersi a causa degli impatti.

La Luna non ha perso la sua magia: nei prossimi anni sono previste diverse missioni sul satellite della Terra.  (foto d'archivio)
La luna si sta restringendo e tremando: non è un luogo piacevole per un futuro atterraggio. (Foto d'archivio) © IMAGO/Wolfgang Maria Weber

Il materiale della superficie è “dimensione del micron rispetto al blocco, ma molto poco compatto”. Il ricercatore, convinto che i terremoti lunari potrebbero distruggere gli insediamenti umani sulla Luna, avverte che questi sedimenti sciolti hanno reso possibili “tremori e frane”.

La NASA vuole mandare l’uomo sulla Luna nel 2026

Nel lanciare i loro avvertimenti, gli scienziati pensano innanzitutto alla missione Artemis 3 della NASA, che è stata recentemente rinviata al 2026 e mira a portare l'uomo sulla Luna per la prima volta. Successivamente si prevede di stabilire una stazione in orbita lunare (“Gateway”) e stazioni di ricerca sulla Luna.

“Più ci avviciniamo al lancio della missione Artemis con equipaggio, più diventa importante rendere i nostri astronauti, le nostre attrezzature e le nostre infrastrutture quanto più sicuri possibile”, sottolinea Shamir. Monitorare e identificare altre aree potenzialmente pericolose. (fattura non pagata)

L'editore ha scritto questo articolo e poi ha utilizzato un modello linguistico AI per migliorarlo a sua discrezione. Tutte le informazioni sono state attentamente controllate. Scopri di più sui nostri principi di intelligenza artificiale qui.

READ  FINAL FANTASY ORIGIN: Espansione Trials of the Dragon King disponibile ora