Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Israel News ++ I ribelli Houthi attaccano con missili la nave americana “Kim Ranger” ++

Israel News ++ I ribelli Houthi attaccano con missili la nave americana “Kim Ranger” ++

DottI ribelli Houthi nello Yemen hanno attaccato ancora una volta una nave mercantile americana. Venerdì notte, la milizia appoggiata dall’Iran ha dichiarato di aver attaccato con missili la petroliera “Kim Ranger” nel Golfo di Aden. Mentre i ribelli hanno affermato che la nave è stata colpita, l'esercito americano ha affermato che i missili hanno mancato il bersaglio.

Il centro di comando militare statunitense responsabile della regione, Central Command (Centcom), ha confermato che la nave “Kim Ranger” è stata attaccata da due missili antinave Houthi. Tuttavia, la nave non è stata colpita. “L'equipaggio ha osservato i missili cadere nelle acque vicino alla nave”, aveva precedentemente twittato l'SMS Regional Command X. Non ci sono state vittime e nessun danno alla nave. “La nave ha continuato il suo viaggio.”

Secondo le informazioni, la nave cisterna batte bandiera delle Isole Marshall, è di proprietà di una compagnia di navigazione americana ed è gestita da una compagnia greca. Secondo il sito specializzato Marine Traffic, si tratta di una nave cisterna chimica che era in viaggio da Jeddah, Arabia Saudita, al Kuwait.

Leggi anche

Nel frattempo, la società di sicurezza britannica Ambre ha detto che i droni si sono avvicinati a una nave cisterna chimica battente bandiera delle Isole Marshall senza nome nella zona. Uno dei droni è caduto in acqua a circa 30 metri dalla nave. Non ci sono state vittime o danni e una nave da guerra indiana ha assistito all'incidente. L’Organizzazione per la sicurezza marittima del Regno Unito (UKMTO) ha rilasciato dichiarazioni simili.

Una settimana fa gli Stati Uniti e la Gran Bretagna hanno bombardato le posizioni degli Houthi nello Yemen in risposta agli attacchi. La milizia continua i suoi attacchi alle navi. Tuttavia, un alto funzionario ribelle ha assicurato il passaggio sicuro delle navi russe e cinesi. Secondo l’International Chamber of Shipping (ICS), il 12% del commercio globale passa attraverso il Mar Rosso.

Tutti gli sviluppi nella diretta streaming:

23:50 – Gli Stati Uniti d'America attaccano nuovamente obiettivi Houthi nello Yemen

Gli Stati Uniti affermano di aver attaccato ancora una volta obiettivi Houthi nello Yemen. Il Comando Centrale degli Stati Uniti ha dichiarato sulla piattaforma dei social media: “Le forze statunitensi hanno identificato i missili nelle aree dello Yemen controllate dagli Houthi e hanno stabilito che rappresentano una minaccia imminente per le navi commerciali e navali statunitensi nella regione”. e ha distrutto i missili per legittima difesa”.

READ  I passeggeri e l'equipaggio sono sopravvissuti: l'aereo ha preso fuoco

12:07 – La Striscia di Gaza è quasi senza comunicazioni per l'ottavo giorno consecutivo

I servizi di telecomunicazione nella Striscia di Gaza sono diminuiti significativamente oggi, venerdì, per l'ottavo giorno consecutivo. Si tratta dell'interruzione più lunga dei servizi telefonici e di Internet su nove interruzioni dall'inizio della guerra di Gaza, più di tre mesi fa. La maggior parte dei residenti della Striscia di Gaza non ha più avuto alcun contatto con il mondo esterno dal 12 gennaio, ha scritto NetBlocks, un'organizzazione nota per il monitoraggio dei blackout su Internet, sulla piattaforma X (ex Twitter). Il contatto con il mondo esterno è possibile solo tramite telefoni cellulari satellitari, a volte da grattacieli nel sud della Striscia di Gaza utilizzando carte SIM israeliane.

11:28 – L'esercito israeliano: un anziano jihadista è stato ucciso a Gaza

L'esercito israeliano ha annunciato di aver ucciso un membro di spicco dell'organizzazione terroristica della Jihad islamica nella Striscia di Gaza. L'esercito ha detto venerdì che Wael Abu Fununa era il vice capo dell'unità di propaganda del movimento della Jihad islamica ed è stato ucciso giovedì in un attacco aereo contro una casa. Ha inoltre pubblicato una foto aerea di una enorme esplosione avvenuta sulla sommità di un edificio a più piani. Abu Fununa è stato tra l'altro responsabile anche dei video degli ostaggi israeliani nella Striscia di Gaza. Inizialmente non era possibile verificare in modo indipendente le informazioni.

Qui troverai i contenuti di Twitter

Per visualizzare il contenuto incorporato è necessario ottenere il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori del contenuto incorporato richiedono questo consenso come fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l'interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

10:20 – Ex comandante militare: è necessario un cessate il fuoco per liberare gli ostaggi

L'ex capo di stato maggiore dell'esercito israeliano Gadi Eisenkot ritiene che l'accordo di cessate il fuoco con il Movimento di resistenza islamica (Hamas) sia una condizione per il rilascio di dozzine di ostaggi israeliani nella Striscia di Gaza. “Gli ostaggi non torneranno vivi a meno che non ci sia un accordo che includa una significativa cessazione dei combattimenti”, ha detto giovedì Eisenkot al programma “Uvda” di Canale 12. Ha aggiunto che coloro che affermano che la liberazione potrebbe essere ottenuta con altri mezzi stanno diffondendo illusioni.

READ  Jared Kushner: il genero di Trump sta combattendo contro il cancro | Politica

10:05 – La Cina chiede la fine degli attacchi Houthi contro le navi nel Mar Rosso

La Cina ha chiesto la fine degli attacchi della milizia yemenita Houthi contro le navi commerciali nel Mar Nero. “Chiediamo la fine delle minacce alle navi civili per mantenere il buon funzionamento della produzione globale, delle catene di approvvigionamento e del sistema commerciale internazionale”, ha detto venerdì il portavoce del ministero degli Esteri cinese Mao Ning. Anche il Ministero del Commercio di Pechino ha chiesto il ripristino della sicurezza nel Mar Rosso.

Leggi anche

Il primo ministro cinese Li Qiang

8:48 – Stato attuale

DWO_AP_Gaza_190124

Fonte: OpenStreetMap; Il mondo delle infografiche

08:21 – Conflitto con l'Iran: si riunisce il Comitato per la sicurezza nazionale del Pakistan

Dopo lo scambio di attacchi con l'Iran, il primo ministro ad interim pakistano Anwar Haq Kakar ha chiesto che venerdì si tenga il Comitato per la sicurezza nazionale. Secondo un alto funzionario della sicurezza di Islamabad, all'incontro pomeridiano parteciperanno il capo di stato maggiore dell'esercito e il capo dell'intelligence.

07:06 – Netanyahu contraddice gli Stati Uniti sulla guerra di Gaza

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha rifiutato di fondare uno Stato palestinese dopo la fine della guerra a Gaza, in chiara contraddizione con gli Stati Uniti. Riferendosi alla soluzione dei due Stati su richiesta degli Stati Uniti, Netanyahu ha detto: “Il primo ministro israeliano deve essere in grado di dire no quando necessario, anche ai nostri migliori amici”.

6:25 – Gli Houthi promettono un passaggio sicuro per le navi cinesi e russe

Un alto funzionario Houthi ha dichiarato in un’intervista al quotidiano russo Izvestia che alle navi russe e cinesi che attraversano il Mar Rosso sarà garantito un passaggio sicuro. Ha anche detto che le acque che circondano lo Yemen sono sicure per chiunque non abbia rapporti con alcuni paesi, soprattutto con Israele.

READ  Un uomo britannico infligge 121 ferite a una donna: la vita

3:30 – Israele ha distrutto la più importante fabbrica di armi di Hamas

Le forze israeliane hanno affermato di aver completato la distruzione del principale impianto di produzione di armi di Hamas nella Striscia di Gaza centrale. Qui Hamas produceva razzi e armi nella Striscia di Gaza centrale. Al di sotto è stata messa in sicurezza anche un'estesa rete di tunnel dove sono stati collocati alcuni impianti. Giornale israeliano Lo riferisce il quotidiano Times of Israel. In un post su X, il giornale mostra anche le foto dei fabbricanti di armi.

Ciò è avvenuto in un momento in cui l’esercito ha affermato di aver raggiunto il punto più meridionale del suo attacco di terra nella Striscia di Gaza e stava intensificando le sue operazioni nei territori palestinesi meridionali.

Qui troverai i contenuti di Twitter

Per visualizzare il contenuto incorporato è necessario ottenere il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori del contenuto incorporato richiedono questo consenso come fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l'interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

Oggi, venerdì, Israele ha continuato i suoi attacchi nel sud della Striscia di Gaza. Testimoni oculari e la Mezzaluna Rossa palestinese hanno parlato di attacchi aerei e bombardamenti di artiglieria nelle prime ore del mattino sulla città di Khan Yunis. La Mezzaluna Rossa palestinese ha riferito di intensi bombardamenti di artiglieria vicino all'ospedale Al-Amal a Khan Yunis.

01:54 – Portavoce del Pentagono: non siamo in guerra con gli Houthi

Nonostante i ripetuti attacchi alle postazioni delle milizie Houthi appoggiate dall’Iran nello Yemen, gli Stati Uniti non sono in guerra, secondo un portavoce del Dipartimento della Difesa americano. “Non vogliamo la guerra. Non pensiamo di essere in guerra. Sono gli Houthi che continuano a lanciare missili da crociera e missili antinave contro marinai innocenti e navi commerciali nel Mar Rosso. “Quello che stiamo facendo con i nostri partner è legittima difesa”.

Leggi anche

Un soldato israeliano tiene in mano una foto del leader di Hezbollah, sostenuto dall'Iran, Nasrallah

01:15 – La Cina vuole monitorare da vicino gli sviluppi nel Mar Rosso

Il Ministero del Commercio cinese vuole monitorare da vicino gli sviluppi nel Mar Rosso. Un portavoce del ministero ha dichiarato: “Ci auguriamo che tutte le parti interessate ripristinino e garantiscano la sicurezza delle linee di navigazione nel Mar Rosso”, aggiungendo che la Cina è disposta a fornire supporto e assistenza alle società di esportazione colpite.

01:00 – Ex comandante militare di Israele: all'epoca aveva impedito un attacco a Hezbollah

L'ex capo di stato maggiore dell'IDF Gadi Eisenkot ha affermato di aver impedito a Israele di lanciare un attacco preventivo contro Hezbollah in Libano dopo l'attacco di Hamas del 7 ottobre. A quel tempo convinse i membri del gabinetto di guerra a ritirarsi, anche se il paese stava per attaccare Hezbollah.

Ha detto al canale israeliano 12 che questo ha evitato a Israele di commettere un pericoloso errore strategico. Scontri quotidiani si verificano al confine israelo-libanese. Tuttavia, sia Israele che Hezbollah hanno espresso il desiderio di evitare la guerra.

Qui troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare il contenuto incorporato è necessario ottenere il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori del contenuto incorporato richiedono questo consenso come fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l'interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.