Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Proteste contro la riforma della legge elettorale: la Francia dichiara lo stato di emergenza in Nuova Caledonia

Proteste contro la riforma della legge elettorale: la Francia dichiara lo stato di emergenza in Nuova Caledonia

Dopo le violente proteste contro la riforma della legge elettorale in Nuova Caledonia Francia Dichiarazione dello stato di emergenza nel territorio d’oltremare del Pacifico meridionale. Secondo la portavoce del governo francese Prisca Thevenot, lo stato di emergenza durerà almeno dodici giorni. Il governo risponde alle “scene di caos”. Dichiarando lo stato di emergenza, alle autorità sono stati conferiti ampi poteri per contenere i disordini. Ciò include l’ordinazione degli arresti domiciliari per le persone ritenute una minaccia per l’ordine pubblico in Nuova Caledonia. Le autorità hanno anche annunciato un divieto temporaneo dell’app video TikTok.

Nonostante il coprifuoco e il divieto di assembramenti, da lunedì continuano i disordini dentro e intorno alla capitale Noumea. Giovedì sera si sono verificati nuovamente disordini. I media locali hanno pubblicato foto e video di supermercati e distributori di benzina saccheggiati e completamente distrutti.

Dall’inizio della settimana, i sostenitori dell’indipendenza hanno ripetutamente dato fuoco a negozi e automobili. L’aeroporto La Tontora è rimasto chiuso. Le autorità locali hanno riferito della morte di almeno quattro persone, tra cui un membro dei servizi di emergenza. Più di 300 persone sono rimaste ferite e più di 130 persone sono state arrestate. L’Alto Commissariato della Nuova Caledonia ha annunciato che circa 5.000 rivoltosi avrebbero preso parte ai disordini nella zona metropolitana della capitale, Nouméa.

Secondo il ministro dell’Interno Gerald Darmanin, mercoledì erano in servizio 1.800 poliziotti e gendarmi. Inoltre, dalla Francia sono stati inviati 500 servizi di emergenza. Qualsiasi forma di violenza non può essere accettata e porterà a una reazione ostinata per ripristinare il ritorno del sistema repubblicano. Mercoledì sostenitori e oppositori dell’indipendenza hanno anche rilasciato una dichiarazione congiunta in cui hanno invitato i residenti a “calmare e ragionare”.

READ  Trattati nucleari difficili: l'Unione europea e gli Stati Uniti sono profondamente delusi dall'Iran

Emmanuel Macron chiede un altro incontro di crisi

Il presidente francese Emmanuel Macron ha rinviato la visita prevista per giovedì al reattore nucleare di Flamanville, che stava per diventare operativo. Giovedì mattina ha convocato un’altra riunione d’emergenza. Ha chiesto la ripresa del dialogo politico e desidera che le delegazioni caledoniane partecipino rapidamente Parigi Lo ha annunciato il governo a Parigi. Con le sue parole, il primo ministro Gabriel Attal vuole proporre alle parti interessate di incontrarsi con lui e il ministro degli Interni e degli Esteri Darmanin a Parigi per trovare insieme una soluzione politica.

Lo sfondo delle proteste è la riforma della legge elettorale approvata a Parigi che permette ai residenti francesi che vivono in Nuova Caledonia da più di dieci anni di partecipare alle elezioni regionali. Molti popoli indigeni dei territori d’oltremare vedono questo come una diminuzione dei loro interessi. Finora i residenti avevano diritto di voto solo se risiedevano nel territorio d’oltremare da 25 anni.

I sostenitori dell’indipendenza dalla Francia, che colonizzò l’arcipelago a metà del XIX secolo, temono che l’influenza della popolazione indigena diminuirà. Circa 300mila persone vivono nei territori d’oltremare. “Questa decisione limiterà gravemente la nostra capacità di governare la Nuova Caledonia”, ha affermato Luis Mabo, capo del governo locale e partito indipendentista.

READ  Ucraina: la famiglia ebrea combatte Putin: "Vinceremo sicuramente!" - Politica all'estero