Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

++ Notizie da Israele e Gaza: i ribelli Houthi attaccano una nave mercantile americana

++ Notizie da Israele e Gaza: i ribelli Houthi attaccano una nave mercantile americana

  1. Home page
  2. Politica

La milizia Houthi nello Yemen attacca una nave mercantile americana. Il primo ministro israeliano Netanyahu ignora le proposte americane. Ticker di notizie sulla guerra in Medio Oriente.

  • Più aperto conflitto: Gli Stati Uniti spingono per una soluzione a due Stati e Netanyahu rifiuta uno Stato palestinese
  • Attacchi Fuori posto Siria: Lancio di missili contro Israele
  • Le informazioni qui trattate riguardano la guerra in Israele e la lotta contro Hamas nella Striscia di Gaza Provengono da media e agenzie di stampa locali e internazionali. Molte delle informazioni non possono essere verificate in modo indipendente.

Aggiornamento del 19 gennaio, 16:51: Una delegazione di rappresentanti di Hamas ha incontrato a Mosca il diplomatico russo Mikhail Bogdanov. Se queste informazioni sono corrette, questo sarebbe il secondo viaggio del gruppo in Russia dall'inizio della guerra. E ha aggiunto: “Era importante per loro dimostrare che sono i benvenuti qui, che non sono isolati e che vedono Mosca come loro amica e partner”. Al Jazeera La giornalista Yulia Shapovalova da Mosca.

Nel frattempo, decine di migliaia di persone sono scese nuovamente in piazza nello Yemen venerdì per mostrare solidarietà al popolo palestinese e contro gli attacchi di Stati Uniti, Gran Bretagna e altri. Nelle immagini dal canale televisivo Houthi Almarissa Decine di migliaia sono state viste radunarsi sotto la pioggia nella capitale, nella sola Sanaa. Secondo il canale televisivo, il tema dell’evento era “L’America (gli Stati Uniti d’America) è la madre del terrorismo”, e alcuni manifestanti hanno cantato “L’America è il Grande Satana”.

READ  Corona tape: Consiglio comunale contro la chiusura dei grandi centri di vaccinazioneتطعيم

Aggiornamento del 19 gennaio, 15:55: Gli Houthi nello Yemen hanno affermato che non intendono aumentare i loro attacchi contro le navi nel Mar Rosso. Ha aggiunto: “Non vogliamo che l’escalation si diffonda. Sky News ha citato il suo portavoce, Mohamed Abdel Salam, che ha detto: “Questa non è la nostra richiesta”. Secondo Abdel Salam, gli Houthi “volevano solo fare pressione su Israele”.

Dopo la guerra in Israele sono aumentati i timori per l’espansione del conflitto. Gran Bretagna e Stati Uniti hanno effettuato attacchi aerei sulle posizioni Houthi. Il politico britannico Grant V. Shapps (Tory) ha fatto visita all'equipaggio del cacciatorpediniere HMS Diamond giovedì 18 gennaio e li ha ringraziati per il loro servizio nel Mar Rosso. L'equipaggio difenderà la libertà di navigazione, salverà vite innocenti e garantirà che la navigazione commerciale sia protetta dagli attacchi illegali degli Houthi, secondo un post su X.

Aggiornamento del 19 gennaio, 14:24: Gli attuali piani per un’operazione militare dell’UE per proteggere la navigazione commerciale nel Mar Rosso non includono il mandato di partecipare agli attacchi statunitensi contro le posizioni Houthi nello Yemen. Come hanno confermato venerdì diversi diplomatici a Bruxelles, la missione avrà inizialmente un carattere puramente difensivo. Pertanto, le navi da guerra europee verranno utilizzate solo come parte della missione dell’UE per proteggere la navigazione nella regione. L'uso delle armi sarebbe possibile solo per respingere attacchi alle navi mercantili o per legittima difesa.

Secondo ambienti governativi, la Germania vorrebbe partecipare all'operazione militare con la fregata Hessen, a condizione che il Bundestag conferisca un mandato simile una volta completata la pianificazione dell'UE. Secondo i piani attuali, l'operazione militare dell'UE dovrebbe essere decisa al più tardi durante la riunione dei ministri degli Esteri a febbraio e poi lanciata immediatamente.

READ  La prossima accusa contro Boris Johnson - primo minuto di silenzio, poi festa di compleanno - politica all'estero
Può esserci una soluzione a due Stati dopo la guerra di Gaza? No, dice il primo ministro israeliano Netanyahu. Nel frattempo continuano gli scontri tra le forze israeliane e Hamas nella Striscia di Gaza. © Jill Cohen-Magen/Xinhua/DPA

L’Iran vuole inviare navi militari durante la guerra in Israele

Aggiornamento del 19 gennaio, 12:14: L’Iran ha annunciato che schiererà nuove navi militari nelle “acque internazionali e oceaniche” nel mezzo della guerra in Israele, ma non ha specificato luoghi o destinazioni specifiche. Si dice che le navi includano la nave da sbarco Tomb e la nave appoggio Bushehr. Sito di notizie controllato dallo Stato Tasneem Si basa su dichiarazioni dell'esercito iraniano. L'obiettivo del Naval Combat Training Group è garantire che le forze armate siano in grado di svolgere missioni marittime nel “prossimo futuro”.

Sembra che l'esercito israeliano stia bombardando le postazioni di Hamas

Aggiornamento del 19 gennaio, 10:57: Nonostante la controversia politica sul cessate il fuoco, Israele ha continuato la sua offensiva nella guerra contro Hamas. L'esercito israeliano a Gaza ha nuovamente bombardato diversi siti di milizie terroristiche vicino all'ospedale Al-Shifa. Secondo i media palestinesi, almeno dodici persone sono state uccise e un numero imprecisato è rimasto ferito. Secondo quanto riferito, l'attacco aereo ha colpito un edificio residenziale. Ciò non può essere verificato in modo indipendente.

Estendere la guerra in Israele? Gli Houthi attaccano una nave mercantile americana

Aggiornamento del 19 gennaio, 6:30: I ribelli Houthi hanno rivendicato l’attacco alla petroliera americana “Chemical Ranger” nel Golfo di Aden. Secondo il portavoce della milizia, l'obiettivo è stato colpito con missili navali. Gli Houthi hanno affermato in un comunicato che la ritorsione per gli attacchi britannici e americani è inevitabile e che qualsiasi nuova aggressione non rimarrà impunita. Secondo gli Stati Uniti, la nave mercantile americana non è stata danneggiata. Due missili balistici antinave sono stati lanciati contro la petroliera. Tuttavia, questi colpiscono solo l'acqua.

La soluzione dei due Stati dopo la fine della guerra di Gaza tra Israele e Hamas? Netanyahu dice “no”

Primo resoconto del 19 gennaio: Tel Aviv/Gaza – Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha rifiutato la creazione di uno Stato palestinese dopo la fine della guerra di Gaza, in chiara contraddizione con gli Stati Uniti. Netanyahu ha detto: “Da ogni regione dalla quale ci ritiriamo, arriva il terrore, un terrorismo terribile”. Ciò è accaduto nel sud del Libano, nella Striscia di Gaza e in alcune parti della Cisgiordania. Riguardo alla soluzione dei due Stati, Netanyahu ha affermato: “Il Primo Ministro israeliano deve essere in grado di dire ‘no’ quando necessario, anche ai nostri migliori amici”.

Il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha spiegato questa settimana al World Economic Forum di Davos che una soluzione permanente per la regione deve includere la visione di uno Stato palestinese. Altrimenti, Israele non avrà una vera sicurezza. Molti paesi arabi e islamici hanno recentemente cambiato il loro atteggiamento nei confronti di Israele e sono ora interessati a relazioni stabili. Israele deve decidere in quale direzione vuole svilupparsi.

La guerra tra Israele e Hamas: razzi lanciati dalla Siria sulle alture di Golan

Nel frattempo, secondo l'esercito israeliano, giovedì sera tre missili sono stati lanciati dalla Siria sulle alture di Golan. In risposta ad una domanda, l'esercito israeliano ha affermato che i proiettili provenienti dal paese vicino hanno colpito aree aperte vicino ad una comunità della zona e su una strada rurale. Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani a Londra, le milizie che lavorano con Hezbollah in Libano hanno sparato proiettili contro la parte occupata da Israele delle alture di Golan. (parlare con le agenzie)