Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’Iran è un bastione missilistico, motivo per cui gli Stati Uniti d’America, la superpotenza, non possono punire i mullah senza correre rischi

L’Iran è un bastione missilistico, motivo per cui gli Stati Uniti d’America, la superpotenza, non possono punire i mullah senza correre rischi

Armamento L’Iran è un bastione missilistico, motivo per cui gli Stati Uniti d’America, la superpotenza, non possono punire i mullah senza correre rischi

La testata del missile Khyber Chikan può manovrare utilizzando le alette e deviare così dalla sua traiettoria balistica.

©Iran

L’Iran ha utilizzato il suo missile più avanzato contro un obiettivo poco importante in Siria. Questo è stato un chiaro avvertimento agli Stati Uniti e a Israele. Ogni operazione contro Teheran comporta il rischio di ritorsioni missilistiche e missilistiche iraniane. Queste armi potrebbero raggiungere anche l’Europa meridionale.

Gli Stati Uniti hanno compiuto molti sforzi per prevenire le armi nucleari iraniane. Finora con successo. Ma non sono stati in grado di fermare la costruzione da parte dell’Iran di una massiccia gamma di armi di precisione. Nonostante tutte le sanzioni, l’arsenale spazia dai semplici droni ai missili da crociera e ai missili balistici. Solo pochissimi paesi al mondo hanno tali opportunità. Ciò non renderà l’Iran una superpotenza globale, ma andrà oltre il quadro del potere regionale limitato. Perché Teheran è in grado di sviluppare la sua potenza militare a più di 1.000 chilometri dal suo Paese.

Ultimi missili

L’attacco avvenuto il 15 gennaio contro un presunto “quartier generale delle spie” israeliano vicino al consolato americano nella città di Erbil, nel nord dell’Iraq, e contro obiettivi nel nord della Siria dimostra che Teheran è ora pronta a usare questa forza. L’Iran ha dimostrato l’efficacia delle sue armi. Le immagini satellitari mostrano gli effetti molto sottili dei missili iraniani. Ciò dimostra la capacità di Teheran di colpire obiettivi con precisione. Si può presumere che anche i missili da crociera Soumar, che hanno una gittata di almeno 2.500 chilometri, raggiungeranno questa precisione. In linea di principio, possono colpire obiettivi nell’Europa meridionale e orientale. Si può presumere che in futuro verranno aggiunti missili per coprire l’Europa centrale.

READ  Coppia sposata (81, 74) smembrato figlio, figlia e genero - BZ Berlin

Nello specifico, Khyber ha sorpreso Sheikan. Il missile a combustibile solido è stato utilizzato contro un obiettivo a Idlib. Si dice che la sua autonomia sia di 1.500 chilometri. Il vantaggio speciale non risiede solo nella precisione. La sua testata ha una controllabilità limitata, rendendolo un obiettivo difficile per la difesa aerea. Un avvertimento chiaro, perché questo missile avrebbe potuto raggiungere anche Israele.

Nessun attacco militare è privo di rischi

Questi attacchi rimescolano le carte nel gioco del World Power Poker. Finora tali attacchi erano un’opzione riservata agli Stati Uniti. Anche Israele è nelle vicinanze. Attraverso operazioni attente, il potenziale militare di un altro stato – spesso chiamato “stato canaglia” – è stato ridotto. Di solito senza rischi per gli Stati Uniti perché il nemico non può rispondere allo stesso modo.

Questa regola non si applica all’Iran. Dopo l’uccisione di Qassem Soleimani, l’Iran ha risposto con un attacco missilistico contro le strutture americane in Iraq. Il nuovo missile aumenta il pericolo. Nel suo raggio d’azione ci sono innumerevoli potenziali obiettivi per gli Stati Uniti e i suoi alleati a vari livelli. Sarebbe impossibile proteggerli tutti con un’adeguata campana di difesa aerea. L’idea di eliminare l’arsenale iraniano con un attacco limitato, e poi lasciare Teheran indifesa, sarebbe altrettanto senza speranza. L’enorme numero di armi immagazzinate nei bunker e nei tunnel smentisce ciò. L’intelligence statunitense stima che l’Iran possieda 3.000 missili balistici a lungo raggio e una scorta in rapida crescita di missili da crociera. Se aggiungi missili più semplici con una gittata più breve, vengono forniti numeri che vanno da 60.000 a 200.000.

READ  I vacanzieri in Grecia interrompono il viaggio troppo presto - altri sono costretti a dormire sulla spiaggia

Potenza missilistica nonostante le sanzioni

Inoltre, esiste un'ampia difesa aerea del paese. L’Iran ha più sistemi di difesa aerea dell’intera Unione Europea. Si sa poco sulle sue prestazioni, ma si ritiene che Teheran sia rimasta indietro rispetto ai vecchi sistemi sovietici dal punto di vista tecnologico. Anche senza armi nucleari, Teheran è riuscita a portarsi in una posizione quasi insormontabile. Qualsiasi attacco deve essere affrontato con un contrattacco, in cui l’Iran può scegliere il livello successivo di escalation. Potrebbe quindi rimanere solo uno scambio di colpi, ma Teheran potrebbe anche scegliere il suo obiettivo in modo che gli Stati Uniti siano costretti a rispondere a loro volta. Un gioco di escalation che potrebbe sfociare – almeno in teoria – in una guerra totale. Ma anche la leadership di Teheran vuole evitare questo. Nonostante tutte le sanzioni, il regime è sull’orlo della bomba atomica. Lo scenario peggiore è il seguente: in primo luogo, l’Iran sta costruendo una forza missilistica convenzionale che dissuaderà qualsiasi aggressore. Questa protezione è poi seguita dalle armi nucleari.

Il modello iraniano dovrebbe ispirare altri paesi. Anche l’Arabia Saudita vuole diventare una potenza missilistica. Nessun paese ha la capacità di costruire una flotta o un’aeronautica in grado di rivaleggiare con gli Stati Uniti. Ma i droni, i missili da crociera e i missili che non contengono armi nucleari gli danno l’opportunità di attaccare obiettivi nemici distanti. Stanno finendo i giorni in cui gli Stati Uniti potevano effettuare un “rimprovero” senza correre alcun rischio. È difficile fermare lo sviluppo. L’Iran era stato a lungo soggetto alle sanzioni più dure ed era ancora in grado di diventare una potenza missilistica. Gli iraniani sono abili nell’assemblare le loro risorse militari da componenti civili. L’Iran è anche un fornitore di armi per la Russia e si può presumere che Mosca pagherà non solo con materie prime e valuta estera, ma anche con il trasferimento di competenze in materia di armi.

READ  Come Armin Laschet ha battuto Schulz e Beerbuck: basta pettegolezzi