Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il crescente spostamento a destra sta allontanando i lavoratori qualificati dall’estero

Il crescente spostamento a destra sta allontanando i lavoratori qualificati dall’estero

  1. Home page
  2. un lavoro

Insiste

All’inizio dell’anno un incontro tra funzionari dell’AfD ed estremisti di destra ha scosso tutta la Germania. La conseguenza evidente è che i lavoratori stranieri qualificati non vogliono più venire.

BERLINO – Le aziende tedesche soffrono attualmente di una grave carenza di lavoratori qualificati. I lavoratori stranieri qualificati, che di solito vogliono venire in Germania, allevierebbero il problema. Tuttavia, il nostro Paese si trova ad affrontare una crescente xenofobia, che rende difficile l’assunzione di dipendenti stranieri. Alcune aziende sono addirittura costrette a lasciare partire i dipendenti migranti a causa del clima politico sempre più duro.

Rechtsruck vende lavoratori qualificati dalla Germania

Secondo quanto riferito da ntv Diverse aziende hanno riferito che i loro dipendenti abbandonano i loro posti di lavoro sicuri in Germania a causa dell’aumento dell’estremismo di destra. “Due dei nostri dipendenti stranieri hanno lasciato la Germania perché hanno affermato di non sentirsi più a proprio agio e al sicuro qui”, afferma Detlef Neuhaus, presidente dell'azienda. Azienda solare SolarWatt di Dresda.

Alla CAC Engineering di Chemnitz la situazione è ancora più drammatica: secondo il CEO Jörg Engelmann, negli ultimi 12 mesi 40 dipendenti stranieri si sono dimessi a causa di discriminazioni e xenofobia. “Facciamo quello che possiamo fare. Ma non possiamo essere guardie del corpo. Ci sono parti della popolazione che non si rendono conto di essere lavoratori stranieri qualificati e di voler dare un reale contributo alla Germania”, continua Engelmann.

Discriminazione come motivo di licenziamento

Anche l'amministratore delegato della FDTech, un fornitore di software con sede a Chemnitz, Carsten Schulz, ha commentato l'espulsione dei dipendenti stranieri. Egli ha sottolineato che il problema della xenofobia non esiste solo in Sassonia o a Chemnitz, ma in tutta la Germania e anche in Europa.

READ  Se hai tre dispositivi, non staccare mai la spina

Presso un'altra società di software di Chemnitz, Community4You, alcuni dipendenti hanno deciso di trasferirsi in altre parti della Germania. Tra loro c'è il manager Lavenio Circuetti, che ha affermato di aver dovuto agire con cautela a Chemnitz a causa del suo background di immigrato. “A volte avevo la sensazione che il fatto di dover stare attento fosse legato anche al fatto che ero straniero”, dice l'italiano. Alla fine si spostò più vicino a Lipsia, dove sperimentò un'atmosfera più cosmopolita

Manifestazione contro l'estremismo di destra a Rostock. © Jens Buettner/DPA

La Germania dell’Est è particolarmente colpita dall’estremismo di destra

Secondo un sondaggio condotto dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) dal 2022 al 2023, la Germania è una destinazione attraente per i lavoratori stranieri qualificati. Tuttavia, molti dei 30.000 partecipanti hanno riferito di aver subito discriminazioni dopo essersi trasferiti.

Secondo il Ministero federale degli Interni, il numero di crimini a sfondo xenofobo è più che triplicato tra il 2013 e il 2022 e ammonta attualmente a oltre 10.000 casi. Nel frattempo, le stime ufficiali prevedono che alle aziende mancheranno sette milioni di lavoratori qualificati nel 2035, a causa del cambiamento demografico.

Questa tendenza è particolarmente evidente nella Germania orientale, dove si registra un notevole spostamento verso destra. Ciò è dovuto tra l’altro alla chiusura delle imprese dopo la riunificazione del 1990, che ha portato all’abbandono di una parte significativa della popolazione più giovane. Un esempio di ciò è Chemnitz, l'ex città di Karl Marx, la cui popolazione da allora è diminuita di circa il 20% arrivando a 250.000 abitanti. Allo stesso tempo, la percentuale dei residenti stranieri è aumentata dal 2 al 14%, come dimostra un'analisi del locale FOG Istituto per la ricerca di mercato e sociale.

READ  Il produttore di scarpe Giesswein si considera vincitore

Il partito Alternativa per la Germania trae vantaggio da questo clima

Questa dinamica favorisce l’Alternativa per la Germania (AfD), un partito talvolta considerato di estrema destra e soggetto al controllo dell’Ufficio federale per la protezione della Costituzione. Con le prossime elezioni statali in tre Länder della Germania orientale, potrebbe diventare la forza politica più forte. Membri di spicco del partito diffondono costantemente teorie del complotto razzista, come il “Grande Scambio”, che sostiene che l’élite politica vuole sostituire le popolazioni bianche europee con immigrati non bianchi.

Nel gennaio 2024 fece scalpore un rapporto della rete di ricerca Correctiv, che rivelò un incontro tra funzionari dell’AfD ed estremisti di destra. Tra le altre cose è stata discussa l’idea dell’espulsione di massa degli immigrati. Uno degli oratori di questo incontro è stato Martin Sellner, classificato come un estremista di destra, che da anni invoca la cosiddetta “immigrazione”, che presumibilmente non significa altro che deportazioni.

L’economia si contrappone alla destra

La crescente preoccupazione per politiche di immigrazione più severe non colpisce più solo le piccole e medie imprese, ma anche i manager di grandi aziende in Germania e nei Paesi Bassi. I manager temono di rimanere indietro nella competizione internazionale per accaparrarsi lavoratori qualificati.

Recentemente il capo della Bundesbank tedesca, Joachim Nagel, ha espresso la sua preoccupazione per lo spostamento a destra in Germania. Ha aggiunto che l’ascesa dell’estremismo di destra scoraggerebbe i lavoratori qualificati dall’estero e metterebbe a repentaglio la prosperità. “Faccio appello a tutti a non sottovalutare il pericolo dell'estremismo di destra”, ha detto ai giornali Funke Media Group.