Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Energia: il grande ritorno dell'Europa al nucleare

Energia: il grande ritorno dell'Europa al nucleare

DottIl punto di riferimento della capitale europea ha visto giorni migliori. Le nove sfere atomiche nel nord di Bruxelles erano diventate opache, opache e sporche, e i tubi ad esse collegati erano arrugginiti. La città, sede della Commissione Europea, voleva demolire il modello atomico alto 102 metri all'inizio del millennio. L'enorme simbolo dell'uso pacifico dell'energia nucleare dal 1958 era considerato obsoleto e sacrificabile agli albori dell'era delle energie rinnovabili.

Ma quando i capi di governo e i ministri di 32 paesi si sono incontrati giovedì scorso in vista del vertice Atomium sull’energia nucleare nel padiglione 11 del sito dell’Expo di Bruxelles, il modello atomico rinnovato ora ha brillato tanto quanto il primo giorno.

Il primo ministro belga Alexander De Croo ha spontaneamente trasformato il punto di riferimento in un simbolo del rinascimento nucleare: “Il cambiamento climatico è una delle sfide più grandi che dobbiamo affrontare”, ha detto De Croo ai massimi politici riuniti, tra cui il presidente francese Emmanuel Macron: “Possiamo farcela”. .” Come opportunità per progredire, creare posti di lavoro, aumentare la qualità e la resilienza delle nostre comunità e offrire un futuro reale per l’innovazione e la nostra industria, l’energia nucleare ha tutto.

Leggi anche

Questo è stato il primo vertice globale sull'energia nucleare dall'insediamento del presidente degli Stati Uniti Dwight D. Settant’anni fa Eisenhower sradicò l’uso pacifico della fissione nucleare con il suo discorso “Atomi per la pace”. Lo scorso dicembre, in occasione della ventottesima Conferenza mondiale sul clima ospitata da Dubai, le Nazioni Unite hanno incluso l’energia nucleare nel loro “stock globale” di tecnologie per la protezione del clima che devono essere ampliate rapidamente. Ora, il presidente dell'incontro, Rafael Mariano Grossi, capo dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica, ha attribuito simile “importanza storica” ​​all'incontro nella capitale belga.

Leggi anche

Nella Dichiarazione di Bruxelles, le delegazioni dei paesi europei, americani, africani e asiatici si sono impegnate a fornire sostegno per espandere la portata dell'energia nucleare. Si è fatto riferimento all'obiettivo già concordato a Dubai di triplicare l'uso dell'energia nucleare entro il 2050. Nel corso del pomeriggio le delegazioni si sono scambiate opinioni principalmente su questioni finanziarie; Non è più una questione di “se”, ma piuttosto una questione di “come”.

La presidente dell’Unione Europea Ursula von der Leyen ha invitato gli Stati membri dell’UE a prendere in considerazione l’estensione della vita delle centrali nucleari. I paesi dell’Unione Europea devono anche lavorare per accelerare lo sviluppo della nuova generazione di piccoli reattori, o i cosiddetti piccoli reattori modulari (SMR). Qui l’Europa può dimostrare ancora una volta la sua competenza tecnologica. “Ci sono 80 progetti su piccola scala che vengono portati avanti in tutto il mondo”, ha avvertito von der Leyen, “Siamo in una corsa”.

READ  La guerra causa problemi in patria: gli inglesi vedono che la Russia sta affrontando un'enorme carenza di manodopera

Paesi come la Svezia prevedono un aumento della domanda di elettricità

Alcuni attivisti climatici la pensavano diversamente: gli attivisti di Greenpeace sono scesi dal tetto dell'edificio espositivo e hanno innalzato striscioni antinucleari. L’Ufficio europeo dell’ambiente (EEB), che sostiene di essere la più grande rete di gruppi ambientalisti europei, ha dichiarato che l’energia nucleare non è necessaria per raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi sul clima.

Oltre ad espandere l’uso delle energie rinnovabili, è sufficiente “una forte riduzione del consumo di elettricità”. I tempi di inattività nella fornitura di energia eolica e solare possono essere soddisfatti attraverso “opzioni di flessibilità” e “misure dal lato della domanda”. Ciò che il Consiglio europeo per l'energia intende con questo è chiarito in un rapporto di accompagnamento del gruppo: secondo questo, l'Europa deve più che dimezzare il suo fabbisogno energetico finale entro il 2040. Allora funzionerà senza energia nucleare.

Tuttavia i capi di governo presenti al vertice sul nucleare non hanno voluto seguire la premessa di dimezzare il consumo energetico. Il primo ministro svedese Ulf Kristersson ha spiegato che non prevede che la domanda di elettricità nel suo Paese si dimezzerà, ma al contrario raddoppierà a causa dei progressi della mobilità elettrica, della trasformazione digitale e della modernizzazione industriale. Attraverso un nuovo programma di potenziamento nucleare, Stoccolma ora vuole avere due reattori funzionanti rapidamente entro il 2035, e poi altre dieci unità entro il 2045.

Il prossimo reattore in Slovacchia dovrebbe diventare operativo nel 2025

Il primo ministro slovacco ha sottolineato anche il fabbisogno aggiuntivo del suo Paese, che è uno dei più grandi siti di produzione dell’industria automobilistica europea: “Attualmente produciamo un milione di automobili all’anno e ci sono piani per aumentare la cifra fino a 1,5 milioni”. Roberto Fico ha detto. Per garantire il fabbisogno energetico si utilizza l’energia nucleare. FICO ha annunciato il prossimo contratto di costruzione a palcoscenico aperto a Bruxelles: “Invitiamo tutti i produttori del mondo a presentare offerte per ulteriori 1.200 megawatt di capacità nucleare”.

La Slovacchia attualmente copre più della metà del suo fabbisogno elettrico con l’energia nucleare. Il governo prevede di mantenere la quota di energia nucleare costante a oltre il 50%, mentre le energie rinnovabili sostituiranno le centrali elettriche a carbone. Il prossimo reattore slovacco, Mochovce 4, dovrebbe diventare operativo il prossimo anno. A medio termine Bratislava vuole sostituire il carburante che la Russia le ha finora fornito sfruttando i suoi giacimenti di uranio vicino a Koreškova.

READ  Cosa si sa del terremoto di Taiwan

Come nel caso della Svezia e della Slovacchia, diversi paesi europei stanno pianificando di espandersi nel settore dell’energia nucleare. I politici non si sono lasciati scoraggiare dal fatto che, dopo decenni di chiusura, il nuovo reattore europeo ad acqua pressurizzata EPR2 soffre ancora di problemi in fase di fondazione. Nonostante anni di ritardi e costi alle stelle nei progetti EPR, come a Flamanville in Francia, nel progetto britannico Hinkley Point C o a Olkilooto in Finlandia, l'energia nucleare è considerata da molti indispensabile.

Leggi anche

Vertice sul nucleare a Bruxelles

Ci sono diverse ragioni per questo: oltre alle richieste sempre più pressanti dei sostenitori del clima, le preoccupazioni geopolitiche sull’approvvigionamento di gas naturale post-russo sono il principale motore del passaggio all’opzione nucleare. L'annuncio del presidente americano Joe Biden, nel gennaio di quest'anno, di prendere in considerazione la possibilità di fermare l'esportazione di gas naturale liquefatto ha fatto aumentare questi timori in Europa. Un altro fattore è il timore di restare indietro nella competizione per i siti contro gli Stati Uniti d'America, nazione energeticamente a basso costo. D'altro canto, secondo gli esperti, l'uranio può essere facilmente ottenuto anche da paesi diversi dalla Russia.

Quasi nessuno al di fuori della Germania condivide la speranza che l’espansione delle fonti energetiche rinnovabili da sola possa portare ad un’enorme fornitura di elettricità e ad una riduzione dei prezzi. I miliardi del governo federale in aiuti e pacchetti di sostegno per la transizione verso un'energia senza nucleare sono apertamente presentati come un esempio nelle pubblicazioni della World Nuclear Association (WNA).

Anche le istituzioni impegnate nella transizione verde del settore energetico commentano quasi senza segreto di scetticismo il percorso eccezionale della Germania: ad esempio, l'agenzia di stampa finanziaria BloombergNEF stima che il denaro necessario per la transizione energetica in Germania sia di circa mille miliardi di euro entro il 2030. Analisti si chiedeva pubblicamente se fosse possibile raccogliere fondi pubblici e privati ​​su questa scala.

L'uscita della Francia

Di fronte a “costi opportunità” di questa portata, altri paesi preferiscono fare affidamento su alternative. Il numero di progetti nucleari in Europa è attualmente in rapido aumento. Ci sono nuovi piani di costruzione in Ungheria, Bulgaria, Slovenia, Repubblica Ceca, Belgio, Paesi Bassi e altri. L’anno scorso, la Polonia ha deciso di costruire tre centrali elettriche di produttori americani e coreani a Chuczew e Batnau, la cui costruzione dovrebbe iniziare nel 2026.

READ  Grecia: il partito conservatore di Mitsotakis è chiaramente in testa

La Francia, la nazione numero uno nel settore nucleare, ha da tempo completato il suo processo di eliminazione graduale: dopo che nel 2015 il paese ha deciso di ridurre la quota di energia nucleare da oltre l’80 al 50% entro il 2025, l’ordine è stato rapidamente rinviato al 2035 – ed è stato finalmente incassato per intero lo scorso anno.

Nel marzo 2023 l’Assemblea nazionale ha deciso di costruire sei reattori del nuovo tipo EPR2 a Benelli, Gravelines e Bougie. Allo stesso tempo è stata creata la base giuridica per estendere a 60 anni la durata operativa delle centrali nucleari esistenti. Nel gennaio di quest'anno, il ministro dell'Energia Agnes Pannier-Runacher ha annunciato la costruzione di un'ulteriore centrale nucleare da 16 gigawatt.

Lì potrebbero essere utilizzati anche nuovi piccoli reattori. I piccoli reattori modulari (SMR) producono meno di un terzo della produzione delle grandi centrali nucleari convenzionali. Il loro vantaggio risiede nel maggiore livello di sicurezza e nei minori costi di capitale, poiché sono praticamente progettati per essere prodotti in grandi quantità. La società francese EdF ha fondato Nuward SMR all’inizio del 2023.

Qui troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare il contenuto incorporato è necessario ottenere il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori del contenuto incorporato richiedono questo consenso come fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l'interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

L’Estonia – che è troppo piccola per costruire una centrale nucleare di dimensioni convenzionali – vuole costruire centrali nucleari su piccola scala. Nella Repubblica Ceca, il fornitore di energia CEZ ha concluso una serie di contratti iniziali con sviluppatori SMR come Rolls-Royce, GE Hitachi, NuScale e EdF Nuward. Come riportato dalla rivista specializzata atw, la multinazionale petrolifera polacca Orlin sta valutando la possibilità di costruire fino a 76 aerei di piccole dimensioni in 26 siti a partire dal 2028.

Come istituzione, l’Unione europea ha iniziato una trasformazione notevole. Il primo ministro slovacco Fico ha dichiarato nel suo discorso a Bruxelles: “Quando, come primo ministro, volevo completare la costruzione dei due reattori a Mošovce nel 2007, ero ancora fortemente convinto sostenuto dalla Commissione europea”, ha detto. “È stato fortemente criticato.” Secondo Fico si è detto felice “perché il vertice di Bruxelles dimostra ora la capacità di apprendimento dell'Unione europea”.

Qui troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare il contenuto incorporato è necessario ottenere il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori del contenuto incorporato richiedono questo consenso come fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l'interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.