Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Dietro le loro mani temono il peggio

La disputa sui sottomarini ha gettato un’ombra sull’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York. La Francia interrompe l’incontro. Nell’Unione Europea crescono i dubbi sulla credibilità di Joe Biden e preoccupano i diplomatici.

Se il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden In città, per i newyorkesi significa soprattutto una cosa: il caos. Ci sono poliziotti ad ogni angolo di strada, luci blu, sirene rumorose e barricate ovunque. Strade e marciapiedi in molti isolati sono chiusi regolarmente.

Le persone devono aspettare, a volte 15, a volte 30 minuti. Reazione molto seccata. “Questa è New York”, ha risposto un ufficiale di polizia a guardia di un incrocio presso la sede delle Nazioni Unite a Manhattan. “Siamo abituati a una situazione di emergenza”.

Questo non è più del tutto vero. Le persone nella capitale devono anche abituarsi al caos dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Per la prima volta dallo scoppio della pandemia di Corona, le Nazioni Unite si riuniscono di nuovo fisicamente questa settimana. Varie crisi e conflitti sono all’ordine del giorno. Diventa presto chiaro agli osservatori: per ora, c’è tanto fastidio e rabbia al quartier generale delle Nazioni Unite quanto ce ne sono all’esterno dell’edificio.

U-Boot-Zoff mette in ombra gli incontri delle Nazioni Unite

Soprattutto la disputa sottomarina tra Francia e il Stati Uniti d’America dominare l’incontro. L’accordo sull’Accordo Indo-Pacifico ha colpito le fila dei paesi della NATO come una bomba. La rabbia per questo è così grande in Francia e nell’Unione europea che ora c’è la prossima crisi di fiducia transatlantica. I diplomatici di New York stanno già parlando di una nuova era glaciale che potrebbe avere un enorme impatto sulle relazioni internazionali – e durerà a lungo.

Emmanuel Macron: Nell’anno che ha preceduto le elezioni presidenziali, il presidente francese ha subito una sconfitta in politica estera inflitta dai suoi alleati. (Fonte: Reuters)

Gli Stati Uniti, l’Australia e la Gran Bretagna hanno negoziato un accordo di sicurezza in colloqui segreti. Ciò include un enorme affare per l’acquisto di sottomarini nucleari. A seguito dell’accordo, l’Australia si è ritirata da un accordo sui sottomarini già negoziato con la Francia. La consegna di sottomarini da 40 miliardi di dollari concordata con la compagnia di navigazione Naval nel 2016 è ormai obsoleta.

I francesi si sentono traditi dagli Stati Uniti. Anche il presidente Emmanuel Macron è stato colpito duramente. Mentre teme la rielezione a presidente l’anno prossimo, i suoi alleati gli hanno inflitto una sconfitta in politica estera. Un diplomatico a New York ha anche detto a porte chiuse che gli Stati Uniti stanno conducendo una campagna per gli estremisti di destra Marine Le Pen Atto.

READ  Inizia il blocco di tre settimane contro il montaggio delle infezioni

“Non pensate che la Francia stia esagerando”

Di conseguenza, la reazione iniziale della Francia è stata chiara: il governo francese ha richiamato i suoi ambasciatori da Canberra e Washington per tornare alle deliberazioni – una chiara indicazione nella bolla diplomatica. Inoltre, la Francia minaccia di bloccare l’accordo di libero scambio tra l’Unione europea e l’Australia.

António Guterres apre il 76° Dibattito Generale dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite: Ci sono molte questioni a New York.  (Fonte: dp)António Guterres apre il 76° Dibattito Generale dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite: Ci sono molte questioni a New York. (Fonte: dp)

Ma non si ferma qui a New York. Anche la Francia ha tenuto una riunione programmata nel cosiddetto coordinamento quadripartito tra Francia, Germania e Stati Uniti d’America Gran Bretagna Esplode. Il motivo è “il malcontento della parte francese”, secondo il ministro degli Esteri Heiko Mass è stato confermato. Poi il politico del Partito socialdemocratico ha annullato la sua partecipazione all’incontro. Inoltre, secondo i diplomatici dell’UE, la parte francese sta spingendo per il rinvio del primo consiglio commerciale e tecnologico congiunto UE-USA mercoledì prossimo a Pittsburgh, a tempo indeterminato.

Le relazioni transatlantiche tra Unione Europea e Stati Uniti si avviano verso una nuova tempesta. Il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian ha rinnovato l’accusa di “grave violazione della fiducia” a New York. Gli europei ora devono “pensare attentamente” a come rispondere. “Non credo che la Francia stia reagendo in modo eccessivo”, ha detto il ministro dell’Europa francese Clement Beyon. È una “questione europea”.

La Germania è al fianco della Francia

E così il sottomarino Zov si sta trasformando in un test di solidarietà all’interno dell’Unione Europea – finora la comunità internazionale ha sostenuto la Francia. Il Presidente della Commissione dell’Unione Europea Ursula von der Leyen Ha descritto l’accordo sottomarino come “inaccettabile”. A margine dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, il rappresentante degli Esteri Josep Borrell ha confermato che i ministri degli esteri di altri 26 Paesi europei hanno assicurato a Parigi la loro “solidarietà”.

Il presidente degli Stati Uniti Biden incontra anche il primo ministro australiano Scott Morrison a New York: stanno celebrando la nuova alleanza tra l'Indo-Pacifico.  (Fonte: Reuters)Il presidente degli Stati Uniti Biden incontra anche il primo ministro australiano Scott Morrison a New York: stanno celebrando la nuova alleanza tra l’Indo-Pacifico. (Fonte: Reuters)

Anche il governo federale sta con la Francia, anche se allo stesso tempo vuole evitare che i rapporti con gli Stati Uniti si deteriorino nuovamente dopo l’orrore degli anni di Trump.

READ  Turchia: Manifestazione di maggio a Istanbul - La polizia agisce brutalmente contro i manifestanti - Politica all'estero

“Quello che vediamo lì lo ha reso più difficile. Temo che rimarrà difficile per qualche tempo”, ha detto il ministro degli Esteri tedesco Maas a New York. “Ciò che è stato deciso lì e il modo in cui è stata presa è inquietante. E non è solo per la Francia”. Tuttavia, il ministro degli Esteri tedesco ha risposto a una domanda sul fatto che un’era glaciale delle relazioni transatlantiche come l’ultima era glaciale sotto Trump minacci con un “no”.

Il problema dell’UE va oltre il fallimento dell’accordo sui sottomarini. La comunità europea sta perdendo sempre più influenza sui temi della sicurezza. Naturalmente, gli Stati Uniti sapevano che la Francia avrebbe risposto con indignazione, quindi i colloqui con l’Australia erano segreti. Ma Washington ha accettato la rabbia perché il governo degli Stati Uniti ha promesso maggiori profitti dall’alleanza indo-pacifica.

Gli Stati Uniti contano su più alleanze

“Gli Stati Uniti non hanno un alleato più stretto e affidabile”, ha detto il presidente degli Stati Uniti Joe Biden in un incontro con il primo ministro australiano martedì. Scott Morrison A margine del dibattito generale delle Nazioni Unite. Biden ha aggiunto che gli Stati Uniti e l’Australia stanno lavorando “a pieno ritmo”. Biden e Morrison non hanno risposto all’indignazione in Francia.

Più tardi, quando è stato chiesto a Biden, ha chiamato un giornalista in cui ha affermato che i suoi rapporti con il presidente francese Macron erano “fantastici”. Ma è ancora duro sulla questione. Il suo obiettivo è bilanciarlo Cina Edificio nell’Oceano Pacifico. Biden non dipende dall’Unione Europea. Per l’Europa, il Pacifico non è solo geograficamente remoto, ma molti paesi europei resistono anche a ulteriori investimenti in armamenti e piedi.

Questo era un problema per Obama e Trump, ma Biden sta ora formando altre alleanze. Perché gli Stati Uniti sanno che la Cina ha già una marina più grande degli Stati Uniti in termini di numero di navi. Ma Pechino non ha una cosa: stretti alleati. È qui che entra in gioco la strategia degli Stati Uniti e viene aggiunto un accordo sottomarino economicamente fattibile.

Qual è il ruolo del Regno Unito?

Heiko Maas Arrivo a New York: Nella disputa sui sottomarini, è chiaro che la Germania ha sostenuto la Francia.  (Fonte: dp)Heiko Maas Arrivo a New York: Nella disputa sui sottomarini, è chiaro che la Germania ha sostenuto la Francia. (Fonte: dp)

Il fatto che la Gran Bretagna sia coinvolta nei colloqui a New York sulla Carta indo-pacifica viene spesso trascurato. Negli ambienti diplomatici, il contributo britannico è poco significativo e considerato più simbolico. Anche il ministro degli Esteri francese Le Drian ha dichiarato che gli inglesi sono la “ralla opportunistica dell’auto”. Ecco perché non si sono preoccupati di convocare l’ambasciatore francese a Londra. Indifferente al primo ministro Boris Johnson.

READ  USA (Colorado): il padre ha ucciso suo figlio (13) a causa di foto fetish - Notizie dall'estero

In Gran Bretagna è oggetto di aspre critiche per il contenzioso con la Francia. Inoltre, il Regno Unito potrebbe essere a rischio di essere coinvolto in un conflitto militare con la Cina, come indicato dall’ex Primo Ministro Theresa May NS.

macchinista britannico

La situazione è precaria per Johnson. La Gran Bretagna non può permettersi cattive relazioni con la Francia e l’Unione Europea. Ma il primo ministro britannico ha delineato la sua visione di una “Gran Bretagna globale” post-Brexit in diversi discorsi: un regno globale. Difendere l’Indo-Pacifico contro la Cina in alleanza con gli Stati Uniti – suona come un’antica grandezza imperiale e si adatta alla sua narrativa.

Come sempre sulla stampa: il primo ministro britannico Boris Johnson è su un treno a New York.  (Fonte: dp)Come sempre sulla stampa: il primo ministro britannico Boris Johnson è su un treno a New York. (Fonte: dp)

Allo stesso tempo, il governo britannico vuole migliorare un rapporto precedentemente teso con l’amministrazione Biden. Interrotte le trattative per un accordo commerciale. Di recente, all’indomani del disastro in Afghanistan, i circoli del governo britannico hanno definito Biden un “perdente” e un “gaga” – le dichiarazioni sono state rese pubbliche dai media britannici. Il British Times ha appreso da uno dei dipendenti di Biden che questo ha fatto arrabbiare il presidente degli Stati Uniti. Tuttavia, a Washington decisero di seguire il corso pratico nel conflitto con la Cina e ora invitarono Johnson nella capitale americana per ringraziare per l’adesione della Gran Bretagna all’Alleanza Indo-Pacifica.

A New York, attualmente, si può osservare sotto la lente d’ingrandimento dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite come stanno cambiando le rivalità e le alleanze nel mondo. Con la Carta indo-pacifica, gli Stati Uniti hanno osato fare il passo più grande attuale, aumentando la pressione sulla rivale Cina e ingannando il loro stretto alleato, la Francia. Questo rende molto, ma non più facile, la cooperazione internazionale nel primo vertice dallo scoppio del Corona. Non solo i residenti si abitueranno di nuovo al caos.