Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Cessate il fuoco nella Striscia di Gaza?  Hamas presenta la propria proposta

Cessate il fuoco nella Striscia di Gaza? Hamas presenta la propria proposta

Dopo una lunga esitazione, l'organizzazione terroristica ha inviato a Israele le condizioni per un nuovo cessate il fuoco. La risposta da parte di Israele è arrivata più rapida: mercoledì sera il primo ministro Benjamin Netanyahu ha respinto la proposta.

Si dice che Yahya Sinwar, il leader di Hamas perseguitato a Gaza, voglia disperatamente raggiungere un cessate il fuoco.

Mohamed Salem/Reuters

Martedì, quando il segretario di Stato americano Antony Blinken si è presentato alla stampa a Doha, sembrava avere motivi di cauto ottimismo. Almeno questo è ciò che ha detto il primo ministro Mohammed Abdul Rahman Al Thani, suo ospite del Qatar. Perché nel quarto giorno del suo quinto viaggio in Medio Oriente dall'inizio della guerra di Gaza, il capo diplomatico americano ha finalmente ricevuto la notizia del cessate il fuoco.

È stato a lungo un mistero quando Hamas risponderà finalmente all’ultima proposta avanzata da Stati Uniti, Qatar ed Egitto con i capi dell’intelligence israeliana. E ora sembra che sia giunto il momento. “La risposta contiene alcuni commenti. “Ma nel complesso è positivo”, ha detto Blinken. Tuttavia, questa non sembra una svolta imminente. Il Segretario di Stato americano ha subito aggiunto che c’è ancora molto da fare.

Da settimane il movimento sta negoziando attraverso il Qatar un possibile nuovo cessate il fuoco a Gaza. Recentemente gli israeliani hanno proposto un cessate il fuoco di sei settimane, compreso uno scambio di prigionieri. Ma la leadership di Hamas ha preso tempo per rispondere prima di presentare la sua proposta martedì.

READ  L’esperto del cervello vede “motivo di preoccupazione”

Superato l'obiettivo

Inizialmente il contenuto dell'offerta di Hamas non era chiaro. Il messaggio inviato dall'ufficio delle forze dell'ordine a Beirut parla solo di “indicatori positivi”. IL Sembra che l'agenzia di stampa Reuters sia ora a conoscenza di questa proposta. Ha scritto che Hamas vuole sospendere le armi in tre fasi, ciascuna della durata di 45 giorni. Nel frattempo, anche i restanti 130 ostaggi israeliani verranno scambiati in tre lotti per un totale di 1.500 prigionieri palestinesi. Inoltre, gli aiuti a Gaza dovrebbero essere aumentati.

L'essenza della proposta di Hamas: gli islamisti vedono il cessate il fuoco come l'inizio di un cessate il fuoco illimitato. Chiedono inoltre il ritiro completo dell'esercito israeliano dalla Striscia di Gaza e l'avvio del processo di ricostruzione. Hamas potrebbe aver esagerato un po’ con le sue condizioni, motivo per cui il presidente Biden ha commentato le proposte avanzate da Gaza.

Non è chiaro perché Hamas abbia impiegato così tanto tempo a rispondere. Molti osservatori ritengono che all’interno del gruppo si stiano aprendo spaccature sempre più ampie. Ecco come dovrebbe essere secondogiornale di Wall Street» Si è verificata una disputa tra il leader di Gaza Yahya Sinwar e il leader in esilio Ismail Haniyeh a Doha. Mentre Sinwar, secondo quanto riferito, voleva un cessate il fuoco immediato, Haniyeh ha insistito per un cessate il fuoco permanente.

Sembra che gli attacchi israeliani stiano avendo effetto

Si dice che ci sia anche una disputa sul numero di prigionieri che Hamas vuole liberare dalle carceri israeliane. I conflitti all’interno di Hamas non sono una novità. Sinwar ha sostituito Haniyeh come presidente di Gaza nel 2017, e da allora ha concentrato su di sé sempre più potere nell’enclave costiera. Nel 2021, la leadership in esilio ha tentato invano di sostituire Sinwar con un candidato più accettabile. Anche la fazione di Doha è apparsa sorpresa dall’attacco terroristico avvenuto il 7 ottobre.

READ  Zelenskyj sostituisce il comandante dell'esercito Zalochny | tagesschau.de

Il fatto che Sinwar, tra tutti, voglia che i combattimenti finiscano dimostra che i colpi di martello dell’IDF stanno avendo un chiaro impatto sulla radicata leadership di Hamas a Gaza. D’altro canto, i leader in esilio guardano sempre più al dopoguerra. Spesso inviano segnali concilianti verso il movimento rivale Fatah guidato dal presidente palestinese Mahmoud Abbas, che gli americani vedono come una potenziale alternativa ad Hamas a Gaza.

Mercoledì sera il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha chiaramente respinto la proposta di Hamas. Accettare questi termini porterà solo a un altro massacro. In una conferenza stampa ha dichiarato: “Non esiste altra soluzione che la vittoria completa”. Israele non è pronto a porre fine alla guerra. Blinken, arrivato mercoledì a Gerusalemme dopo la sosta in Qatar, ha ancora molto lavoro da fare.