Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Al valico di frontiera di Kerem Shalom: il braccio armato di Hamas rivendica il lancio dei razzi

Al valico di frontiera di Kerem Shalom: il braccio armato di Hamas rivendica il lancio dei razzi

Al valico di frontiera di Kerem Shalom
L’ala militare di Hamas rivendica la responsabilità del lancio del razzo

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

Quando i razzi vengono lanciati verso il principale valico di frontiera per portare aiuti nella Striscia di Gaza, Israele risponde rapidamente e chiude il valico. Ora il braccio armato di Hamas ha rivendicato l’attacco.

Il braccio armato del movimento islamico palestinese Hamas ha rivendicato gli attacchi missilistici contro l’attuale più importante valico di frontiera israeliano per la fornitura di aiuti alla Striscia di Gaza. Le Brigate Al-Qassam hanno affermato in un comunicato che le Brigate Al-Qassam “hanno incontrato le forze nemiche” al valico di frontiera di Kerem Shalom. Ha allegato un videoclip che presumibilmente mostrava l’attentato.

Secondo il comunicato, negli attacchi sarebbero stati utilizzati “missili a corto raggio”. L’esercito israeliano aveva precedentemente affermato che dieci colpi di arma da fuoco erano stati sparati da un’area vicino alla città di Rafah verso il valico di Kerem Shalom. Di conseguenza, Israele ha chiuso il valico.

Solo in aprile il governo israeliano, sotto la pressione del suo importante alleato, gli Stati Uniti, ha accettato di consentire “temporaneamente” la consegna degli aiuti attraverso il valico di frontiera di Erez e il porto di Ashdod, nonché di consentire aiuti più diretti dalla Giordania attraverso il valico di Kerem Shalom. Il valico di frontiera a sud. Una dichiarazione rilasciata all’epoca dall’ufficio del primo ministro Benjamin Netanyahu affermava che gli aiuti erano necessari “per prevenire una crisi umanitaria e garantire la continuazione dei combattimenti”.

“La carestia si sta diffondendo sempre più a sud”.

Dopo quasi sette mesi di guerra tra Israele e l’organizzazione estremista islamica palestinese Hamas, la situazione umanitaria nella Striscia di Gaza è diventata devastante. Secondo le ultime informazioni diffuse dal Programma alimentare mondiale, c’è “una carestia nel nord della Striscia di Gaza si estende sempre più a sud”.

La guerra è stata scatenata dall’attacco senza precedenti di Hamas contro Israele il 7 ottobre, che, secondo Israele, ha provocato la morte di circa 1.170 persone e la presa di circa 250 ostaggi nella Striscia di Gaza. Dopo l’attacco di Hamas, Israele ha condotto un’operazione militare su larga scala nella Striscia di Gaza. Secondo il Ministero della Sanità controllato da Hamas, che non può essere verificato in modo indipendente, finora sono state uccise più di 34.600 persone.

READ  Almeno 13 infezioni: grande epidemia di Omicron a Oslo