Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Aziende: le imprese e i liberi professionisti sono preoccupati per il pagamento immediato degli aiuti Corona

Aziende: le imprese e i liberi professionisti sono preoccupati per il pagamento immediato degli aiuti Corona

All’inizio della pandemia di coronavirus, il governo federale ha messo da parte le aziende con aiuti di emergenza. Ora potrebbe essere necessario pagare un po’ di soldi.

Imprenditorialità nel governo federale, ma anche in Bayern Alcuni sono seriamente preoccupati di dover rimborsare l’immediato aiuto per la corona dalla prima ondata di pandemie nella primavera del 2020. Perché alla luce dell’incombente variabile Omikron, gli affari stanno diventando di nuovo difficili. Le preoccupazioni sono particolarmente diffuse tra i liberi professionisti e le piccole imprese. Una panoramica di problemi e fatti.

1. Ecco perché le aziende sono preoccupate per gli aiuti di emergenza:

Lo Stato è saltato dalla parte delle imprese nella pandemia con programmi di aiuti. I fondi erano legati a determinate condizioni. Se non viene soddisfatto, potrebbe essere richiesto un rimborso. Sarebbe sfavorevole per le autorità pagare il rimborso in questo momento. Era il fatto che solo le persone vaccinate e guarite avevano accesso a negozi, ristoranti o eventi che mettevano sotto pressione il lavoro, descrive Stefan Goleneck dell’Associazione dei lavoratori autonomi della Baviera. “Con 2G o 2G plus le vendite sono crollate”, afferma. “Nella situazione attuale, pagamenti più elevati potrebbero rappresentare una campana a morto per molte aziende”, avverte. “Le aziende spesso mancano di liquidità”, racconta Golink alla nostra redazione, in altre parole: soldi. Le cose potrebbero andare ancora meglio nell’estate del 2022, quando gli affari torneranno. Un recente sondaggio delle associazioni di categoria tedesche ha mostrato che la situazione è tragica: “Ora un’azienda su cinque sta pensando, perché Corona fermare. “

Golink afferma che il rimborso potrebbe diventare un problema in tutti i programmi di aiuto Corona. “Il problema è che le condizioni del programma sono spesso cambiate”, spiega, facendo un esempio: per un breve periodo, i ristoranti hanno segnalato che i costi dei posti all’aperto erano ammissibili. “Questa opzione è stata esclusa durante la notte e potrebbe costare rapidamente diverse migliaia di euro”, afferma. Quindi l’importo deve essere restituito.

READ  3 aziende tedesche tra le prime 20

2. Questo è ciò che fa il governo federale su questa materia:

Gli stati federali stanno attualmente procedendo in modo diverso per quanto riguarda il potenziale rimborso dell’assistenza di emergenza per il coronavirus. “Gli stati federali hanno implementato gli aiuti in modo diverso nei loro programmi di governo, quindi ora si comportano in modo molto diverso”, spiega Dieter Janicek, membro del Green Bundestag ed economista. A Berlino e nella Renania settentrionale-Vestfalia, ad esempio, ogni beneficiario può mantenere una quota fissa di € 4.000 in spese di soggiorno più i costi del personale. L’ondata di bonifiche era già a Berlino, ma è ancora attesa nel Nord Reno-Westfalia. Nello stato del Baden-Württemberg possono essere trattenuti un minimo di 1.180 euro al mese per il sostentamento. La situazione non è chiara in molti altri paesi.

Alla luce della difficile situazione dei lavoratori autonomi e delle piccole e medie imprese nella nuova ondata di Corona, il ministro federale dell’Economia Robert Habeck (Verdi) questa settimana ha invitato gli Stati federali ad adottare una moratoria sul possibile rimborso dell’emergenza Corona. aiuta. alla ricerca di Handelsblatt Secondo le piccole imprese ei lavoratori autonomi, sono tenuti a restituire 287,8 milioni di euro.

Leggi anche tu


Habeck ha osservato che i governi federale e statale hanno concordato di condurre controlli casuali per determinare se i fondi federali sono stati utilizzati come previsto. Questi test sono iniziati solo pochi mesi fa in diversi paesi. Habeck ora supporta “scadenze ragionevoli” in caso di potenziali richieste di rimborso.

Dieter Janicek, membro del Bundestag per i Verdi, ritiene che sia urgentemente necessario posticipare le richieste di pagamento: “Nel mezzo della rinnovata grave fase epidemica, la spada di Damocle delle richieste di pagamento è un pesante fardello per le aziende”, ha detto alla nostra redazione. Per questo è vero che il ministro dell’Economia Habek vuole esaminare il processo con gli Stati federali. “I paesi hanno comunque spazio di manovra. I paesi che chiedono aiuti di emergenza in questo momento non devono farlo ora”, aggiunge. La scadenza per la presentazione al governo federale delle relazioni finali sugli aiuti di emergenza per il coronavirus è il 30 giugno 2022. “Il Baden-Württemberg, ad esempio, sta ancora trattenendo le notifiche”, afferma Janszek. “Ora dovrebbe rivolgersi ai governi federale e statale non per aumentare l’onere sulla situazione aziendale, ma per tenere lontane le pressioni e le preoccupazioni”.

READ  Vista panoramica a 360° | società

3. Ed è così che fa la Baviera:

Secondo il ministero bavarese degli affari economici, in Baviera sono stati erogati aiuti di emergenza Corona per circa 2,2 miliardi di euro a circa 265.000 richiedenti. Di questo importo, 1,8 miliardi di euro provengono dai fondi federali e 400 milioni di euro dal programma statale. Ad esempio, a quel tempo, c’erano 5.000 euro per le aziende fino a cinque dipendenti e 7.500 euro per le aziende fino a dieci dipendenti.

Se le aziende hanno effettivamente sperimentato le strozzature di liquidità descritte ad un certo punto lo scorso anno – cioè hanno minacciato di rimanere senza soldi – non devono restituire alcun aiuto: commenti e, se necessario, rimborsi”, spiega il ministero dell’Economia.

Tuttavia, se l’attività andrà meglio del previsto nella primavera del 2020, i pagamenti potranno essere effettuati: “Se, invece, ci sono stati cambiamenti significativi nell’operazione, ad esempio perché le perdite sono state inferiori al previsto o sono stati raccolti più soldi del necessario e da durante più programmi di assistenza, l’azienda rimborserà molti degli importi ricevuti. In questo caso, il destinatario dell’assistenza di emergenza sarà invitato a contattare l’ufficio licenze responsabile, che fornirà quindi i dettagli dell’account e lo scopo del trasferimento.

Secondo il ministero dell’Economia di Monaco, i pagamenti totali nello stato libero sono attualmente di circa 210 milioni di euro. La maggior parte dei rimborsi fino ad oggi sono stati effettuati su base volontaria perché i destinatari controllano autonomamente se hanno soddisfatto i requisiti. Solo una piccola percentuale, stimata intorno al 10%, si basa su richieste di rimborso, ad esempio dovute a doppi pagamenti errati. A richiesta viene generalmente concesso un periodo di differimento o rate di dieci mesi per il rimborso delle rate. In singoli casi, questo periodo può essere esteso a 24 mesi.

READ  Il supermercato Kaufland ora aderisce al regolamento 2G durante la spesa

Secondo l’accordo con il governo federale, la Baviera controllerà presto l’1 per cento degli aiuti di emergenza approvati come campione, riferisce il ministero bavarese degli affari economici. Il ministero afferma che “secondo la proposta di ieri del ministro federale dell’Economia Dr. Habeck, la Baviera concederà anche una data di pagamento del 31 ottobre 2022 nei casi in cui l’esame del campione dovrebbe portare a un rimborso”.

Vogliamo sapere cosa ne pensi: quindi Augsburger Allgemeine sta lavorando con l’istituto di ricerche di opinione Civey. Leggi qui di cosa trattano i sondaggi rappresentativi e perché dovresti iscriverti.