Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Afghanistan: la Germania sospende le espulsioni – Politica

Con il ritiro delle forze internazionali dall’Afghanistan Il movimento talebano islamico continua ad avanzare E conquistare molte aree. Messaggi in sintesi:

Attualmente, la Germania non deporta più persone in Afghanistan. “A causa degli attuali sviluppi della situazione della sicurezza, il ministro federale dell’Interno ha deciso di sospendere per il momento le deportazioni in Afghanistan”, ha detto mercoledì all’agenzia di stampa tedesca un portavoce del ministero federale dell’Interno.

Inizialmente, non ci sarà alcun risarcimento per l’espulsione di sei afgani, che è stata rinviata la scorsa settimana. La situazione della sicurezza in Afghanistan si è notevolmente deteriorata dalla decisione di ritirare le forze internazionali dall’Afghanistan a metà aprile. Il movimento estremista talebano islamista ha ora ripreso il controllo di nove capoluoghi di provincia.

La mossa di Seehofer è una svolta. Il ministro degli Interni tedesco ha recentemente incontrato i suoi omologhi di Austria, Danimarca, Paesi Bassi, Belgio e Grecia Con lettera alla Commissione dell’Unione Europea. Ha avvertito i ministri di fermare le deportazioni. Perché ciò “invierebbe il segnale sbagliato e forse motiverebbe più afghani a lasciare la loro patria per l’Unione europea”, affermano. Nella lettera di tre pagine.

Gli ambasciatori dell’UE rappresentati a Kabul si erano espressi a favore dell’arresto delle deportazioni solo martedì. Tra loro c’era il rappresentante della Germania, che in seguito prese una posizione diversa dal ministro degli Interni Seehofer. Ventisei organizzazioni, tra cui Amnesty International, ProAcille, Caritas e Diakonie, hanno chiesto lo stop in una dichiarazione congiunta. “La Germania non deve chiudere un occhio sul deterioramento della situazione in Afghanistan e deve fermare tutte le deportazioni”, si legge nell’appello. “Lo stato di diritto significa rispetto dei principi dei diritti umani”. Il requisito del diritto internazionale di non respingimento, che deriva dal divieto assoluto di tortura e vieta l’espulsione in caso di violazioni dei diritti umani più gravi e prevedibili, è uno di questi: “Questo divieto si applica all’espulsione a prescindere dalla condotta individuale”.

Rapporto: le agenzie di intelligence statunitensi si aspettano presto la caduta di Kabul

Alla luce della rapida avanzata del movimento islamista intransigente in Afghanistan, la capitale, Kabul, potrebbe cadere nelle mani degli insorti molto prima di quanto gli Stati Uniti avessero precedentemente ipotizzato, secondo un rapporto di stampa. La città potrebbe crollare in 30-90 giorni, secondo i rapporti Washington Post Citando fonti anonime dell’intelligence statunitense.

Di recente, a giugno, i funzionari dell’intelligence statunitense hanno valutato la situazione in modo tale che Kabul potesse passare sotto il controllo dei talebani entro sei-dodici mesi dal ritiro delle forze armate statunitensi. “Tutto sta andando nella direzione sbagliata”, ha affermato il giornale. Washington Post Esperto che conosce la nuova valutazione militare. (11.08.2021)

READ  Erosione naturale: la formazione rocciosa di Darwin Arc al largo della costa delle Isole Galapagos è crollata

Biden: gli afgani devono combattere i talebani da soli

Secondo il governo degli Stati Uniti, l’avanzata del movimento islamista talebano intransigente è ora un problema per gli afgani. Alla luce del ritiro in gran parte completo delle forze internazionali, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che gli afgani devono ora “combattere per il loro paese”. Le loro forze armate sono militarmente superiori ai talebani, anche in termini di forza delle truppe. Ma devono anche reagire, ha detto Biden alla Casa Bianca.

E il presidente degli Stati Uniti ha fatto appello alla leadership politica di Kabul per la coesione. “Penso che stiano iniziando a capire che devono riunirsi politicamente al vertice”, ha detto letteralmente. Biden ha promesso che gli Stati Uniti continueranno a sostenere le forze di sicurezza afghane finanziariamente e militarmente. È informato della situazione ogni giorno.

Con l’intenzione di ritirare i soldati americani per suo ordine, il presidente ha aggiunto: “Ma non mi pento della mia decisione”. Al momento della decisione, gli Stati Uniti avevano ancora circa 2.500 soldati in Afghanistan. Il prelievo è ora completato per oltre il 95%. Nel frattempo le forze armate hanno trasportato i materiali, un carico utile di circa 984 aerei da trasporto Boeing C-17 Lo ha detto l’esercito americano. Il sorteggio deve essere completato entro la fine del mese. La Bundeswehr ei soldati di altri paesi della NATO hanno già lasciato l’Afghanistan.

La portavoce di Biden, Jen Psaki, ha affermato che il governo degli Stati Uniti continuerà a fornire sostegno finanziario alle forze di sicurezza afghane. Il progetto di bilancio prevede 3,3 miliardi di dollari USA (2,8 miliardi di euro) per il prossimo anno. Biden ha ordinato il ritiro delle forze statunitensi dall’Afghanistan perché l’obiettivo originale dell’invasione quasi 20 anni fa – respingere il gruppo terroristico Al Qaeda – era stato raggiunto da tempo. “Ha preso decisioni come comandante in capo – e queste sono decisioni difficili”, ha detto Psaki. (11.08.2021)

Un altro capoluogo di provincia cade in mano ai talebani

E in Afghanistan, il movimento talebano islamista intransigente ha catturato un’altra capitale di provincia. Tre consigli locali hanno confermato che la città di Puli-Shumri, che ha una popolazione di 250.000 persone nella provincia settentrionale di Baghlan, è caduta nelle mani degli islamisti martedì. La strada tra la capitale, Kabul, e la città settentrionale di Mazar-i-Sharif è ora interrotta. In totale, gli islamisti hanno già sotto controllo nove capoluoghi di regione.

READ  Terrore talebano: terribile conferenza stampa di propaganda - Politica all'estero

Secondo il Consiglio regionale di Vierosuddin Imak, le forze governative hanno lasciato la città martedì sera senza ulteriore resistenza. Diversi altri leader e funzionari avevano già lasciato Paul Schumery dieci o 15 giorni prima e avevano annunciato che avrebbero attaccato gli islamisti da un’altra strada. Le forze rimanenti avevano resistito ancora per qualche giorno, ma ora si erano ritirate in una base militare all’estero.

Pul-i Chumri si trova su un’importante rotta di terra tra Kabul e Mazar-i-Sharif, dove l’esercito tedesco aveva una base fino a poco tempo fa. La città è la seconda città più grande nel nord-est del paese dopo Kunduz. (10.08.2021)

La NATO invita i talebani a fermare gli attacchi

La NATO considera preoccupante l’avanzata violenta del movimento talebano islamista intransigente in Afghanistan. Un funzionario della NATO ha affermato che l’alto livello di violenza dei talebani nella loro offensiva, compresi gli attacchi ai civili e le segnalazioni di violazioni dei diritti umani, è visto con profonda preoccupazione. I talebani dovevano capire che la comunità internazionale non li avrebbe mai riconosciuti se si fossero rifiutati di partecipare al processo politico e avessero voluto invadere il Paese con la forza. Devi fermare i tuoi attacchi e partecipare sinceramente ai colloqui di pace”.

Ha detto che il conflitto non può essere risolto militarmente. Il processo di pace guidato dall’Afghanistan deve promuovere un cessate il fuoco e una soluzione politica. In particolare, deve proteggere i diritti umani delle donne, dei bambini e delle minoranze e garantire che l’Afghanistan “non diventi mai più un rifugio sicuro per i terroristi”. La NATO invita tutti gli attori regionali a contribuire in modo costruttivo, in modo che tutti possano beneficiare di un Afghanistan sicuro e stabile.

Gli Stati Uniti premono per una soluzione politica. Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha affermato che l’inviato speciale degli Stati Uniti Zalmay Khalilzad è partito per il Qatar “per persuadere i talebani a porre fine alla loro offensiva militare e negoziare una soluzione politica”. Ha aggiunto che nei colloqui di tre giorni, gli Stati Uniti hanno voluto lavorare con i rappresentanti dei paesi della regione e con le organizzazioni multilaterali per ridurre la violenza, cessare il fuoco e impegnarsi a non riconoscere alcun governo violento. Khalilzad è stato determinante nel negoziare le procedure per il ritiro delle forze statunitensi con i talebani. (10.08.2021)

READ  Attacchi di Hamas: Israele attacca obiettivi terroristici a Gaza - Politica all'estero

Schultz: il governo federale sta cercando soluzioni per i lavoratori afghani locali

Secondo il vicecancelliere Olaf Schultz, il governo federale sta cercando di salvare più rapidamente le forze armate afgane e le loro famiglie dall’avanzata violenta dei talebani. “Stiamo discutendo se ci siano modi per accelerare il trasferimento in modo che le persone colpite possano essere spostate più rapidamente”, ha affermato il candidato cancelliere SPD. Il nuovo giornale di Osnabrück. Sono stati fatti sforzi intensi. La Germania non può decidere da sola che si tratti di uno stretto coordinamento con il governo afghano». La cancelliera Angela Merkel ha promesso maggiore sostegno al personale locale e, tra l’altro, ha introdotto voli charter per trasportare gli aiutanti con le loro famiglie.

Nel frattempo, i critici continuano ad accusare la Germania di non aiutare gli ausiliari, da cui dipendeva l’esercito tedesco, abbastanza rapidamente. “Il tiepido sostegno del governo federale al personale locale afghano, che ha sostenuto l’esercito tedesco ogni giorno nei suoi 20 anni di missione, è vergognoso”, ha affermato il parlamentare dell’FDP Alexander Graf Lampsdorf. globalismo.

I talebani, che hanno controllato gran parte dell’Afghanistan dal 1996 all’intervento guidato dagli Stati Uniti nel 2001, attualmente occupano una capitale di provincia dopo l’altra, inclusa Kunduz, dove la Bundeswehr ha avuto una grande base per anni. Alla fine di giugno, dopo quasi 20 anni, la Bundeswehr ha ritirato l’ultimo soldato dall’Afghanistan. Le forze armate statunitensi dovrebbero lasciare il Paese entro la fine di agosto.

Schultz respinge la proposta di un’altra operazione militare, avanzata nel fine settimana dal politico straniero della CDU Norbert Röttgen. “Non credo che sia stata menzionata un’altra operazione militare in Afghanistan”, ha detto a NOZ. “Dopo 20 anni, la comunità internazionale si è appena ritirata. Non ci sono sforzi a livello nazionale o internazionale per rinnovare l’impegno”. Il Ministero federale della difesa aveva precedentemente respinto tali considerazioni. (10.08.2021)