Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Possibile record di temperatura: la Sicilia è di 48,8 °C

Stato: 11.08.2021 21:43

Le alte temperature dominano ancora fortemente la regione mediterranea. In Sicilia sono state ora misurate temperature di 48,8 °C. Se questo sarà confermato ufficialmente, sarà un nuovo record in Europa.

Con l’aumento delle temperature, da settimane gli incendi boschivi nel Mediterraneo si stanno diffondendo in modo incontrollabile nel paesaggio. La temperatura in Sicilia potrebbe aver raggiunto il massimo storico ormai. Secondo le autorità regionali il termometro è salito a 48,8 gradi nei pressi di Siracusa.

Questo valore non è ancora ufficiale e non è stato verificato dal Servizio Meteorologico Italiano. Tuttavia, se le misurazioni saranno confermate, sarà un nuovo record di calore, non solo per l’Italia, ma per tutta l’Europa. Il precedente record di temperatura italiano di 48,5 gradi è stato misurato anche nel 1999 in Sicilia. Il precedente record europeo di 48 gradi è stato stabilito nel 1977 in Grecia.

Hoch “Lucifero” potrebbe aggravare la situazione

Si prevede che l’aumento di “Lucifero”, che provoca un’ondata di caldo, si sposterà verso nord nei prossimi giorni, portando a fine settimana temperature intorno ai 40 gradi in Toscana e nel Lazio, nel centro Italia. Per i vigili del fuoco in Calabria e Sicilia, le alte temperature sono una pessima notizia poiché gli incendi continuano a imperversare.

Gli incendi hanno continuato a divampare anche in Grecia. Ma nell’isola di Evia, particolarmente colpita, la situazione si è recentemente allentata: “Penso che si possa dire che i fronti degli incendi stanno lentamente venendo sotto controllo”, ha detto il sindaco di Istia, Giannis Kuntzias, della televisione di stato. presentatore dell’ERT. “Ieri abbiamo visto la luce del sole per la prima volta da giorni”, ha detto.

READ  Israele: Hamas palestinese lancia razzi a Tel Aviv

900 vigili del fuoco al lavoro

L’incendio era già divampato nove giorni fa. Sul posto sono presenti quasi 900 vigili del fuoco, anche esterni. Gli incendi in Evia e in altre parti del paese hanno ucciso tre persone e centinaia hanno perso le loro case.

Nella regione montuosa di Gortinia, nella penisola del Peloponneso, i vigili del fuoco si sono concentrati per tenere lontane le fiamme dal fitto bosco del Monte Mainalo. Le autorità hanno affermato che i villaggi non sono attualmente in pericolo, ma le condizioni stanno cambiando ogni ora. I vigili del fuoco di Gortinia sono supportati da molti servizi di emergenza dall’estero, tra cui Germania, Francia, Gran Bretagna e Repubblica Ceca.

La Turchia combatte incendi e inondazioni

Anche Tunisia e Algeria stanno soffrendo un’ondata di caldo. Nel nord dell’Algeria, i vigili del fuoco e l’esercito hanno combattuto mercoledì contro innumerevoli incendi, principalmente nella regione montuosa della Cabilia, densamente boscosa, a est della capitale Algeri. L’agenzia di stampa ufficiale algerina APS ha riferito che in un solo giorno sono scoppiati 50 nuovi incendi e il bilancio delle vittime è salito a 69. Tra i morti c’erano almeno 28 soldati che erano sul posto per supportare i vigili del fuoco.

La Turchia sta attualmente combattendo due condizioni meteorologiche avverse. I vigili del fuoco hanno cercato di spegnere gli incendi boschivi nella provincia sud-occidentale di Mugla, in fiamme dal 28 luglio. Otto persone e innumerevoli animali morirono e migliaia fuggirono da incendi che a volte superavano i 200. D’altra parte, si sono verificate alluvioni e smottamenti nel nord del Paese dopo le forti piogge. Nelle province del Mar Nero di Bartin, Kastamonu, Sinop e Samsun, le inondazioni hanno portato con sé automobili e gli elicotteri hanno dovuto salvare le persone dai tetti delle loro case. Due persone sono scomparse e decine sono rimaste ferite.

READ  AstraZeneca: Ora anche il Messico si lamenta dei problemi di consegna del vaccino Corona