Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Un anno di vaccino Sputnik V: un progetto di prestigio con un ostacolo

Stato: 11.08.2021 03:31

Un anno fa, il presidente russo Putin ha annunciato il primo vaccino al mondo per la corona. Ma fino ad oggi, molti non si fidano del tema del prestigio. Il tasso di vaccinazione in Russia è molto indietro. Ora sta diventando sempre più un dovere.

Scritto da Martha Welchinsky, ARD Studio Mosca

Per quanto ne so, questa mattina è stato registrato per la prima volta al mondo un vaccino contro il nuovo contagio da coronavirus. Quello che Vladimir Putin ha annunciato in tono quasi fugace durante una riunione di governo esattamente un anno fa ha scatenato una tempesta di entusiasmo nella televisione di stato russa.

Martha Welchinsky
ARD studio Mosca

Una sensazione, la principale notizia dei media mondiali: il primo vaccino in soccorso contro il Covid-19. Russo. Sputnik V – Prende il nome dal primo satellite spaziale che l’Unione Sovietica ha lanciato con successo nello spazio 64 anni fa. Ancora una volta sono stato il primo, dimostratelo a tutti.

Cavia per progetto di prestigio?

Ma questa volta non c’era giubilo di apprezzamento. Invece: una mancanza di fiducia nel vaccino si è sviluppata in soli sei mesi ed è stata ufficialmente approvata dopo solo due delle tre fasi di test completate. Non si vuole essere una cavia per il progetto di prestigio politico – questa è la critica di molti russi, che continua ancora oggi.

“No, non mi fido del vaccino Sputnik V”, dice Evgeniya, una donna di 30 anni di Mosca. “E se dovessi essere vaccinato, non sarebbe certamente con Sputnik. Quali effetti potrebbe avere sulla mia salute in futuro non sono noti. Quindi no”.

READ  Più di 800 contagiati in Spagna: scolari contagiati in viaggio a Maiorca

Gli scienziati russi hanno anche criticato il fatto che in così poco tempo non si possa dire nulla sull’efficacia e sulla sicurezza del vaccino. Mesi dopo l’approvazione, la famosa rivista specializzata “The Lancet” ha confermato che lo Sputnik V era “molto alto” con un’efficacia superiore al 90 percento. Tuttavia, la Russia sta ancora lottando per recuperare il suo inizio accidentato.

Vaccinazioni sempre più obbligatorie

Sfiducia e strozzature nelle consegne nelle regioni: una vaccinazione di massa annunciata in quel momento è oggi fuori discussione. Solo un quinto della popolazione della Russia è considerato completamente vaccinato. Alla fine, per alcuni di loro la decisione è stata presa dalle autorità, come Marina, impiegata universitaria di 27 anni. “Sono stato vaccinato perché al lavoro c’erano due scelte: o vaccinare o prendere un congedo non retribuito. Non c’erano discussioni o alternative”.

Ora in più di 40 regioni russe esiste una vaccinazione obbligatoria su larga scala di alcuni settori, tra cui l’istruzione, l’assistenza sanitaria e la gastronomia. Nelle aziende il 60 per cento dei dipendenti deve essere vaccinato.

Aumenta la pressione delta

Le vaccinazioni sono obbligatorie anche sul posto di lavoro di Vera. Tuttavia, ha deciso di farlo da sola, come spiega il manager 28enne. “Perché riconosco la necessità. Primo, non voglio prendere il Covid e soffrire di postumi. Secondo, abbiamo bisogno dell’immunità di gregge”.

L’espansore delta variabile aumenta la pressione. A Mosca il sindaco sta già promuovendo una terza vaccinazione per aumentare la protezione. La Russia ha ora approvato un totale di quattro dei propri vaccini, ma lo Sputnik V rimane la figura più importante. Secondo il Fondo statale per gli investimenti diretti responsabile del marketing internazionale, il vaccino russo è stato registrato in 69 paesi.

READ  Regole più severe in Francia: 200.000 persone manifestano contro la vaccinazione obbligatoria

Nessuna approvazione UE ancora

Stanno ancora aspettando l’approvazione nell’Unione Europea. L’Agenzia europea per i medicinali (Ema) sta testando il vaccino da marzo. Solo pochi giorni fa, il presidente della Commissione europea von der Leyen ha affermato che il produttore non era ancora stato in grado di fornire dati validi sufficienti per dimostrare la sicurezza dello Sputnik V.

Il vaccino russo è prodotto in Bielorussia, Messico, Corea del Sud e India, tra gli altri paesi. A partire da settembre, anche il più grande produttore di vaccini al mondo, il Serum Institute of India, dovrebbe fornire più di 300 milioni di dosi di Sputnik V all’anno. Con questo, la Russia vuole anche superare i problemi di consegna in patria e all’estero.